31 Agosto 2015

Una nuova tomba scoperta a Luxor
——————————————————

11960280_419369348268215_2526605297661591528_n
La missione egizio-americana che lavora al South Asasif Conservation Project ha scoperto la tomba della XXVI Dinastia di Padibastet, Supervisore dell’Alto Egitto, Grande intendente della Moglie del Dio. Così ha dichiarato il dott. Eldamaty, Ministro delle Antichità Egizie.
11960006_419369334934883_2099781022720223877_n
L’importanza della scoperta, ha aggiunto Eldamaty, risiede nell’aver gettato ulteriore luce sulla pianificazione delle tombe nobili durante questo periodo. Spiega che la ricerca sui titoli e i nomi dei genitori di Padibastet, effettuata dal dott. Erhart Graefe, membro del team del Progetto, suggerisce che si tratti di un nipote precedentemente sconosciuto di Pabasa, la cui imponente tomba nel Nord Asasif è nota come TT 279.
11951790_419369394934877_1011456469065248851_n
D’altra parte, il Direttore del Settore delle Antichità Egizie, Mahmoud Afify ha spiegato che questa tomba si trova all’interno della tomba di Karabasken TT 391, Sindaco di Tebe e Quarto Prete di Ammone durante la Venticinquesima Dinastia. Padibastet, alto ufficiale durante la Ventiseiesima Dinastia, deve aver usurpato la tomba.
Afify ha anche aggiunto che recenti scavi nella corte solare della tomba di Karabasken hanno rivelato un gran numero di caratteristiche architetturali e decorative progettate per Padibastet e adatte al suo rango.
La Direttrice della Missione, Elena Pischikova infine suppone che Padibastet fosse seppellito nella tomba di Karabasken nel pozzo del cortile o nella principale camera sepolcrale. Ulteriori rimozioni nella camera del cortile e in quella sepolcrale nelle prossime stagioni forniranno ulteriori informazioni.
Il team di conservazione del Ministero delle Antichità ha ricostruito l’area dell’entrata montando nuovamente un architrave di un metro di lunghezza e parecchi frammenti scolpiti, ritrovati tra le macerie del cortile.

Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities, Ufficio Stampa. Tradotto in Inglese da Eman Hossni, sulla base dei rapporti della missione. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto del Ministero delle Antichità Egizie.

Write A Comment

Pin It