25 Marzo 2015

Foto della dott.ssa Dr. Anna Swieder
Foto della dott.ssa Dr. Anna Swieder

Nel paese di Kemberg presso Wittenberg (Sassonia-Anhalt), un team di archeologi polacchi e tedeschi ha studiato la città più occidentale tra le comunità appartenenti alla cultura lusaziana dell’Età del Bronzo e primo Età del Ferro, come spiega il Prof. Zbigniew Kobyliński, direttore dell’Istituto di Archeologia dell’Università Cardinale Stefan Wyszyński a Varsavia.
Resti dell’insediamento fortificato sono situati sul bordo orientale della città. Nel campo, si possono vedere come una piccola collina ovale circondata da prati umidi. Durante gli scavi, gli archeologi hanno trovato una piattaforma multi-strato perfettamente preservata, costituita da tavole e travi che probabilmente formavano la base di un terrapieno che proteggeva l’insediamento. Prima della struttura hanno ritrovato pilastri spinti nel terreno sabbioso, che possono indicare la presenza di un muro o di una palizzata.

Il Prof. Louis Daniel Nebelsick, uno dei project leader, ha spiegato che la scoperta viene dalla fine dell’Età del Bronzo, il periodo compreso tra il 1000 e il 800 a. C., che è la datazione più antica per un insediamento di tipo Biskupin.
Gli insediamenti fortificati di tipo Biskupin erano caratterizzati da una disposizione interna molto densa, nella forma di file organizzate e parallele di case, divise per strade allineate ad assi. Una strada addizionale per le comunciazioni correva all’interno della fortificazione – muro che circondava il villaggio. È interessante notare che in questi insediamenti gli archeologi non hanno ancora trovato strutture distintive dalle altre, in termini di dimensioni, che indicherebbero le residenze dei leader e delle élite.
L’insediamento a Kemberg sopravvisse centinaia di anni fino al sesto secolo a. C., secondo i dati ottenuti durante gli scavi. Per un confronto, l’insediamento di Biskupin fu costruito nella prima metà dell’ottavo secolo a. C. e probabilmente sopravvisse solo per una dozzina d’anni. Secondo i ricercatori, a Kemberg è stato anche possibile registrare tracce di rituali che avvennero lungo i confini dell’insediamento e presso la palude circostante – in strati umidi ai piedi del terrapieno. Apparivano in forma di gruppi di un gran numero di contenitori di ceramica di alta qualità. Gli archeologi hanno anche trovato un sonaglio in forma di uccello, e ossa animali.
L’insediamento finì di esistere all’improvviso, alla fine del sesto secolo a. C. Questo è evidenziato dai resti di un incendio disastroso nella forma di spessi strati di carbone di legna e travi carbonizzate.
Gli scavi furono condotti nel Settembre 2014 da scienziati dell’Ufficio per l’Archeologia della Sassonia-Anhalt, e dall’Università Cardinale Stefan Wyszyński. I leader della ricerca furono il Prof. Louis D. Nebelsick, la dott.ssa Anna Swieder e la dott.ssa Katarzyna Zeman-Wiśniewska.

Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland