29 Luglio 2015

Gli Archeologi dissotterrano un mosaico di duemila anni fa

Foto di Oskar Kubrak
Foto di Oskar Kubrak
Un pavimento a mosaico è stato scoperto da una spedizione archeologica composta da Polacchi e Georgiani nella stanza dei  bagni militari di epoca romana presso la fortezza di Apsaros (l’odierna Gonio) vicino Batumi. È la prima scoperta di questo tipo nella regione di Adjara e una delle poche in Georgia – questo l’annuncio degli archeologi nel comunicato stampa.
Gli scavi nel moderno villaggio di Gonio sono stati condotti a partire dal 27 di Giugno da una spedizione congiunta del Centro Polacco di Archeologia Mediterranea dell’Università di Varsavia, dall’Istituto di Archeologia dell’Università di Varsavia, e dal Museo e Santuario di Gonio-Apsarus (vicino Batumi).
“Anche se molti pavimenti a mosaico sono stati scoperti nei Paesi del Mediterraneo, quello di Gonio dovrebbe essere considerato come eccezionale. È uno dei pochi esempi di scoperta di pavimento rifinito di lusso presso bagni costruiti dall’esercito per le proprie esigenze” – ha spiegato il dott. Radosław Karasiewicz-Szczypiorski, a capo della parte polacca della spedizione. A dirigere la parte georgiana è il Prof. Shota Mamuladze.

Per ora, gli scienziati hanno dissotterrato solo parte del mosaico, che è composto da motivi geometrici, ma ci sono ancora tre settimane di lavoro davanti a loro. L’intero pattern è probabilmente di 100 m². Altri mosaici noti dalla Transcaucasia furono prodotti in seguito e per le élite locali – hanno spiegato i ricercatori. Nel frattempo, il mosaico di Gonio fu creato per i bisogni della guarnigione romana in uno dei confini più lontani dell’Impero Romano. Gli Archeologi sono stati sorpresi anche dalla datazione molto antica del ritrovamento – i bagni e il mosaico vengono dalla seconda metà del primo secolo d. C. I bagni furono costruiti subito dopo l’arrivo della prima guarnigione romana, probabilmente durante il regno dell’Imperatore Vespasiano (69-79 d. C.). La stanza col mosaico era parte dei bagni, la superficie dei quali superava i 1200 m² ed erano composti da un gran numero di stanze.
“Un altro fatto interessante è che il mosaico fu steso sul pavimento al di sotto del quale vi è un ipocausto, una parte sotterranea nella quale circolava aria calda e riscaldava le piscine e i pavimenti nei bagni. L’ipocausto si è conservato ed è solo parzialmente riempito da terreno. Il pavimento a mosaico è sopravvissuto per 2000 anni, e nonostante la pressione della terra e delle macerie – non è crollato!” – questo il commento del dott. Karasiewicz-Szyczpiorski.
La fortezza di Apsaros era collocata nella strada (un tempo comoda) dalla Colchide (la Georgia occidentale) verso le Province Romane in Asia Minore, e da qui la sua importanza strategica.
Il team polacco di archeologi ha cominciato a lavorare in Georgia nel 2012. Al tempo, i ricercatori si concentrarono sul ritrovare siti archeologici di potenziale interesse per condurre scavi sulla costa del Mar Nero. Ad ogni modo, sin dal principio la loro attenzione è stata diretta verso la fortezza di Gonio, dove condussero misurazioni geodesiche e geofisiche. Gli scavi dell’ultimo anno presso la fortezza hanno portato interessanti risultati – i ricercatori hanno scoperto tre stanze, che sono parte dei grandi bagni, dove i lavori continueranno questa stagione.

 
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.