9 Ottobre 2015
Erbil_governorate_shanidar_cave
Negli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso, il ritrovamento di grandi quantità di polline presso una sepoltura di Neanderthal nella grotta di Shanidar, a nord di Erbil nel Kurdistan iracheno, fece ritenere a Josette Leroi-Gourhan che si trattasse di rituali funerari. A causa dell’instabilità della regione, non è stato possibile tornare ad esaminare la Grotta che in tempi recenti.
Un nuovo studio oggi mette in discussione quei risultati: il polline si starebbe ancora depositando nella Grotta, grazie al vento e agli insetti. La scoperta nulla toglie però a quanto già acquisito, e cioè alla grande attenzione che i Neanderthal ponevano nella cura dei loro morti.

Lo studio “Pollen taphonomy at Shanidar Cave (Kurdish Iraq): An initial evaluation”, di Marta Fiacconi, Chris O. Hunt, è stato pubblicato sulla Review of Paleobotany and Palynology.
Link: Review of Paleobotany and PalynologyThe Telegraph; Daily Mail
L’entrata della Grotta di Shanidar, foto di JosephV (at the English language Wikipedia), da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Jabamula~commonswiki.
 

Write A Comment

Pin It