29 Marzo 2016
journal.pone.0150395.g015
La cava della collina di Kazier, nella parte centrale di Israele, mostra il cambiamento di attitudine nel passaggio da una società di cacciatori raccoglitori a una di agricoltori.
journal.pone.0150395.g005
La cava del Neolitico risale a 11 mila anni fa: i ritrovamenti parlano di attività di estrazione di selce e calcare su larga scala, allo scopo di costruire strumenti. La cava è la prima per la sua epoca, per dimensioni e scopo ad essere ritrovata nel Levante meridionale, e fornisce la prova di drammatiche alterazioni del paesaggio da parte degli umani.
journal.pone.0150395.g004
In particolare, la cava risale al Neolitico Preceramico A (Pre Pottery Neolithic A – PPNA), una delle fasi associate alla transizione da cacciatori raccoglitori ad agricoltori. Quel cambiamento economico è pure associato a cambiamenti di carattere tecnologico e sociale. L’introduzione dell’agricoltura fu uno dei cambiamenti più rilevanti nella storia umana, e la “domesticazione” del paesaggio fu un processo significativo nel mutato approccio alla natura.
Coloro che vissero presso la cava della collina di Kazier mutarono il loro paesaggio per sempre.
journal.pone.0150395.g001

Lo studio “Landscape Alteration by Pre-Pottery Neolithic Communities in the Southern Levant – The Kaizer Hilltop Quarry, Israel”, di Leore Grosman, Naama Goren-Inbar, è stato pubblicato su PLOS One.
Link: PLOS One; AlphaGalileo, EurekAlert! via The Hebrew University of Jerusalem
Fig 15. Fronti di estrazione: a) roccia #2; b) roccia #3; si noti la morfologia a gradino del fronte di estrazione. Da PLOS One,  © 2016 Grosman, Goren-Inbar, CC BY 4.0.
Fig 5. La roccia #3 e il team al lavoro. Da PLOS One,  © 2016 Grosman, Goren-Inbar, CC BY 4.0.
Fig 4. Vista aerea della sommità della collina e di tre superfici rocciose campionate. Da PLOS One,  © 2016 Grosman, Goren-Inbar, CC BY 4.0.
Fig 1. Cartina dei siti del Neolitico Preceramico (Δ) in  prossimità della collina di Kazier. Da PLOS One,  © 2016 Grosman, Goren-Inbar, CC BY 4.0.