LA RICETTA ITALIANA

Un film di

Hou Zuxin

Basato sul soggetto “Un amore a Roma”

di Alberto Simone

Con Huang Yao, Liu Xun, Romano Reggiani,

con la partecipazione di Fann Woon Fong,

e l’amichevole collaborazione di Antonino Cannavacciuolo

(Italia-Cina-Gemania-2021 – 94’)

La ricetta italiana di Hou Zuxin
La locandina del film La ricetta italiana di Hou Zuxin (2021)

CAST ARTISTICO

HUANG Yao Mandy

LIU Xun Peng

FANN Woon Fong Zia di Mandy

WU Yingzhe Pete

FU Mei Lisa

Romano REGGIANI Antonio

HU Haofan Qi

LIU Di Director Liu

LI Xiaochuan Zio di Mandy

Loger CHEN Wan

SHI YANG Shi Jia

CAST TECNICO

Un film di HOU Zuxin

Sceneggiatura HOU Zuxin

Cristiano BORTONE

Alberto SIMONE

YU Si

Fotografia Vladan RADOVIC (a.i.c.)

Montaggio WANG Yuye

YANG Wanqing

Scenografia Tonino ZERA (a.s.c.),

Luca SERVINO

Costumi Sabrina BERETTA (a.s.c.)

MENG Luyue

Suono HUANG Xun

Musiche Santi PULVIRENTI

Casting LIU Sasa

Laura MUCCINO (u.i.c.d.)

Armando PIZZUTI (u.i.c.d.)

Prodotto da LU Hongtao

Cristiano BORTONE

Alberto SIMONE

GAO Qun

UFUK Genç

Una produzione ORISA PRODUZIONI

DAUPHINE FILM COMPANY

FREE AGE PICTURES

WD PICTURES

LIGHTBURT PICTURES

Con RAI CINEMA

ARRI CHINA

YIYI PICTURES

Con Il sostegno della REGIONE LAZIO

AVVISO PUBBLICO ATTRAZIONE

PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE

(POR FESR LAZIO 2104-2020)

Produttori Associati ZHANG Rui,

TONG Elliot

Produttori ZHANG Li

ZHANG Fan

JIA Zhijie

Produttori Esecutivi Daniela PORTO

Roberta MANFREDI

FOREST Liu

Produttore esecutivo ZHANG Chen

ANTEPRIMA MONDIALE IL 22 APRILE AL FAR EAST FILM FESTIVAL

SINOSSI

Peng è una pop star cinese. Arrivato a Roma per un reality show, incontra la giovane Mandy, che vive in Italia con i suoi zii cinesi dopo la morte della madre. Mandy si arrabatta fra mille lavori per sostenere la famiglia, ma nel cuore ha un sogno segreto: diventare una grande chef come il suo idolo, Antonino Cannavacciuolo, seguendo la passione che la madre aveva per la cucina. All’inizio Peng e Mandy si detestano: lui crede che lei sia solo una Cenerentola mentre lei lo considera arrogante e viziato. Le circostanze però li costringono a passare insieme un’intera notte. Sarà un’avventura romana pazza ed esilarante, tra la finale di calcio Italia-Germania, il tentativo di salvare un matrimonio andato in pezzi e il sospetto che Peng sia stato rapito, cosa che fa scatenare i social media del suo paese aumentando alle stelle la sua popolarità. Una notte magica cambierà la vita dei due protagonisti facendoli innamorare e insegnando loro che la cosa più importante nella vita è inseguire i propri sogni.

RECORD DI VISUALIZZAZIONI ANCHE PER L’USCITA STREAMING IN CINA

 DELLA CO-PRODUZIONE ITALO-CINESE

 “LA RICETTA ITALIANA

Dopo l’emozionante apertura alla 24a edizione del Far East Film Festival di Udine e l’uscita in Cina in 9.000 sale a giugno dove ha totalizzato 500.000 presenze solo nel primo weekend, La ricetta italiana, commedia romantica della regista Hou Zuxin, è arrivata anche sulle principali piattaforme VOD e OTT cinesi. Attraverso l’accordo con il leader di mercato YOUKU (che vanta 270 milioni di abbonati) il film è stato reso fruibile sulle maggiori piattaforme di streaming. Nei primi 10 giorni ha raggiunto 75 milioni di visualizzazioni su MIGU (il principale streamer cinese appartenente a China Mobile) ed è al primo posto della playlist di film romantici su iQiyi, l’equivalente locale di Netflix.

Continua quindi il successo di questo progetto pionieristico che, puntando sui sentimenti, promuove la bellezza e le eccellenze del nostro paese presso decine di milioni di spettatori e possibili turisti cinesi: dalle location (dai Fori Imperiali alla scalinata di Trinità dei Monti, da Castel S. Angelo, alla Fontana di Trevi fino alle passeggiate del lungo Tevere), alla cucina (Antonino Cannavacciuolo è la figura mentore della protagonista aspirante chef), dalla troupe e team creativo tutto italiano fino, aspetto non certo consueto, al fronte produttivo.

La ricetta italiana – che rappresenta un esempio di eccellenza industriale italiana esportata nel primo mercato cinematografico al mondo – è infatti una vera coproduzione Italia – Cina – Germania: sul fronte italiano il film è prodotto da Orisa Produzioni di Cristiano Bortone e Dauphine Film Company di Roberta Manfredi e Alberto Simone, con Rai Cinema, con il sostegno della Regione Lazio – Fondo Lazio Cinema International, e la collaborazione di vari sponsor fra cui Gruppo Piaggio (Vespa), Aperol Spritz, Stellantis (Jeep, Maserati), Aeroporti di Roma, Lagostina, Gambero Rosso, La Parrina e Hotel de la Ville, un hotel Rocco Forte.

La ricetta italiana
Record di visualizzazioni per la ricetta italiana

NOTE DI REGIA

Durante l’intero processo di scrittura della sceneggiatura, continuavo a chiedermi, cos’è l’amore? E cosa significa per me? C’è un detto che afferma che dovresti sempre cercare la tua “anima gemella”, e solo allora sarai completo. Ma è davvero così? E cos’è davvero un’anima gemella? Credo che invece di aspettare che qualcuno ci “completi”, l’amore vero sia quello che ci aiuta a capire chi siamo veramente, che ci aiuta a diventare la persona che volevamo e che forse non avevamo mai avuto il coraggio di essere. Proprio come le parole di una delle canzoni che faccio cantare al protagonista nel film: “Tu sai vedere la mia fragilità e la mia debolezza, ma anche darmi forza e speranza. Quindi, fammi afferrare quello che mi hai offerto e, quando tornerò da te, sarò pronto.”

Fatta eccezione per i miei due giovani protagonisti cinesi, lo splendido scenario di Roma, la musica e il cibo italiano hanno tutti un ruolo chiave nella storia del film. E io mi sento davvero privilegiata per aver avuto la possibilità di girare in così tante magnifiche location di Roma: il Colosseo, Castel Sant’Angelo, Piazza di Spagna, il Conservatorio Santa Cecilia… Sono anche così orgogliosa di aver potuto utilizzare parte della partitura del “Tema d’amore” di Nuovo Cinema Paradiso, la musica composta dal vostro famoso musicista Ennio Morricone così da rendere omaggio a questa leggendaria figura italiana che è sempre stata nel mio cuore.

La ricetta italiana è davvero uno sforzo congiunto di tanti talenti italiani e cinesi. Mi sono davvero divertita a girare a Roma con una troupe così variegata e creativa, condividendo con loro le nostre grandi distanze culturali ma anche tutto quello che ci accomuna nella visione dell’arte e della vita. Spero che questo film possa collegare il pubblico cinese e italiano attraverso la celebrazione del cibo, della musica, dell’amore e delle cose importanti della vita.

Foto di Hou Zuxin
Foto di Hou Zuxin

NOTE DI PRODUZIONE

Il progetto nasce dal workshop dell’associazione europea Bridging the dragon che da anni favorisce le opportunità di collaborazione con la Cina in campo audiovisivo.  L’entusiasmo dei partecipanti per la sceneggiatura di Alberto Simone ci ha spinto a svilupparlo in una pellicola pensata per il grande pubblico cinese, che ancora oggi è affascinato da classici come Vacanze romane e dall’immagine dell’Italia e delle sue straordinarie eccellenze. Ecco dunque nel film elementi iconici come la Vespa, la cucina (incarnata dallo chef Cannavacciuolo, di cui la protagonista è accanita fan), le vittorie di calcio contro la Germania, l’Aperol Spritz con vista sui tetti di Roma, l’alba sui fori e gli scorci della città più bella del mondo.  

Abbiamo realizzato il film tenendo a mente le esigenze di questo mercato, oggi diventato il più grande al mondo con i suoi 80.000 schermi (il doppio di quegli statunitensi) e una grande voglia di storie e novità.

Per questo è una co-produzione ufficiale tra i nostri due paesi. Nostri compagni di avventura la società Kaixin Mahua, una specie di Colorado Film cinese, un nome famosissimo nel proprio paese, con una lunga tradizione di attori comici, tour teatrali e block buster cinematografici dai risultati per noi inimmaginabili. Grazie alla sua forza distributiva il film uscirà a breve in Cina, in 9.000 copie.

La regista che abbiamo coinvolto è al suo primo lungometraggio ma prima ha già maturato una lunga esperienza. Suo padre è un famoso rocker degli anni ’80 ed è stata lei stessa cantante finalista al reality show “Voice of China”. I suoi documentari hanno vinto premi in molti festival internazionali e i suoi video musicali e spot hanno avuto milioni di click. Nota di costume: la mamma è stata per anni assistente della maison Fendi e questa cosa l’ha già da sempre legata al nostro paese.

La squadra artistica che le abbiamo affiancato è costituita da alcuni dei migliori professionisti italiani nel campo della fotografia, scenografia, costumi… Questo rende questo film una collaborazione organica fra i nostri due mondi e ci auguriamo che il suo successo possa fare da apripista ad altre esperienze simili in futuro.

La ricetta italiana. Foto © Francesca Fago

BIOGRAFIE

ZUXIN HOU SCENEGGIATRICE E REGISTA

Zuxin Hou è nata a Pechino e si è laureata alla University of Southern California di Los Angeles come regista e sceneggiatrice ha una personalità artistica che combina oriente ed occidente. Uno dei suoi documentari, My Dad’s a Rocker, ha vinto premi in più di venti Film Festival Internazionali, tra cui IDA (International documentary award), WWF (Warsaw Film Festival), CAADF (Chinese Academy Award of Documentary Film). Il trailer del suo documentario “Rock On, 20.40.60” ha più di 4,77 milioni di visualizzazioni. Ha lavorato anche come regista di videoclip: la sua collaborazione più famosa è stata quella con il cantante Zhao Lei per la canzone “Cheng Du”, eletta canzone dell’anno 2017. Il video ha ottenuto 23,9 milioni di visualizzazioni in soli tre mesi.

Il suo spot per il China Weather Chanel, “The Man in the Black Suit”, ha ottenuto 32.3 milioni di visualizzazioni dopo solo tre giorni dalla sua pubblicazione online, diventando nel 2018 un modello di spot di successo.

“The Italian recipe” è il suo primo lungometraggio di finzione.

ALBERTO SIMONE AUTORE

Pluripremiato autore, regista, produttore cinematografico e televisivo, Alberto Simone è una figura carismatica ed eclettica per quantità e qualità di esperienze umane, artistiche e professionali.

Il suo primo film “Colpo di Luna” ha ottenuto la Menzione Speciale della Giuria al Festival Cinematografico di Berlino, il Globo D’Oro della Stampa Estera in Italia, 2 Nomination al David di Donatello, oltre a Premi e riconoscimenti nei Festival di tutto il mondo. Per Rai Fiction ha ideato, diretto e realizzato progetti televisivi di grande successo e campioni di ascolto su RaiUno. Tra questi la Miniserie “Una storia Qualunque”, il TV Movie “Un difetto di famiglia” e le Serie TV “Una famiglia in Giallo” e “Il Commissario Manara”.

Come scrittore ha pubblicato per Tea Edizioni i libri “La felicità sul comodino”, “Ogni giorno un miracolo” e “L’arte di volerti bene”, trilogia di saggi dedicata ai temi della felicità e del benessere emozionale, con oltre 100.000 copie vendute, numerevoli ristampe e traduzioni in tutto il mondo. “La felicità sul comodino” è stato tradotto in Cinese e distribuito in Cina dall’editore Bejing Media Time.

Ha ideato la Serie Televisiva “Sins” (Peccati) appena realizzata in Canada per la televisione nazionale TV5. È membro dell’Executive Council della Federazione dei Registi Europei e del Direttivo dell’’Associazione Nazionale 100 Autori.

The Italian Recipe” nasce dall’adattamento per il mercato cinese del suo soggetto originale, “Un amore a Roma”.

VLADAN RADOVIC DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA

Vincitore del David di Donatello come miglior direttore della fotografia italiano per il film “Anime Nere” e di numerosi altri premi, ha collaborato con registi come Paolo Virzì, Francesco Munzi, Marco Bellocchio.

SANTI PULVIRENTI AUTORE DELLE MUSICHE

Storico collaboratore di Carmen Consoli, con la quale partecipa a numerosi tour in Italia e all’estero, ha suonato con artisti del calibro di Patti Smith, Angelique Kidjou, Max Gazzè, Tiromancino, Franco Battiato. Nel 2013 inizia la sua carriera come compositore cinematografico con “La mafia uccide solo d’estate” per il quale riceve la nomination ai David di Donatello per la Miglior canzone originale. Da allora ha collaborato con numerosi registi italiani come Pif, Bortone, Gaudioso e Ribuoli alla realizzazione di progetti cinematografici e televisivi.

TONINO ZERA SCENOGRAFO

Pluri-candidato ai David di Donatello, è uno dei più apprezzati scenografi italiani.
Ha lavorato con molti registi di fama internazionale come Giuseppe Tornatore, Paolo Virzì, Spike Lee e Gabriele Muccino.

LUCA SERVINO SCENOGRAFO

Diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Napoli, dagli anni 2000, Luca Servino è scenografo di importanti produzioni con diversi registi, tra cui Munzi, Rohrwacher, Marcello. Nel 2022 viene candidato al David di Donatello per la miglior scenografia in Ariaferma di Leonardo di Costanzo.

ORISA PRODUZIONI (Italia)

Orisa Produzioni è la società di produzione cinematografica e televisiva del regista / produttore Cristiano Bortone.

Attiva dal 1998, alcuni dei suoi film sono stati grandi successi commerciali come “Indovina chi sposa mia figlia” (in Germania più di 1,5 milioni di spettatori) o “Marina” diretto dal candidato Oscar Stijn Coninx entrato a far parte dei dieci maggiori incassi della storia del cinema belga. Altri hanno vinto premi ai maggiori film internazionali come “Saimir” di Francesco Munzi, Menzione speciale al Festival di Venezia o “Rosso come il cielo” di Bortone, David giovani 2008. “Caffè”, anch’esso diretto da Bortone, è stato la prima coproduzione ufficiale tra Italia e Cina.

La società è co-fondatrice dell’associazione di produttori sino-europei Bridging the dragon.

DAUPHINE FILM COMPANY (Italia)

Dauphine Film Company è la società di produzione cinematografica e televisiva creata da Alberto Simone e Roberta Manfredi. Dal 1993 produce cinema, fiction, documentari e pubblicità.

Dopo il debutto cinematografico nel 1995 con il film “Colpo di Luna” di Alberto Simone – Menzione speciale al 45° Festival di Berlino – ha avviato una proficua collaborazione con Rai per cui ha creato e realizzato tv movies, miniserie e serie televisive di grande successo.

Dal 2020 l’attività produttiva si è concentrata sulla co-produzione di progetti internazionali. Tra questi il film per il mercato cinese “The Italian Recipe”, il remake del film per il mercato stutunitense “Un difetto di Famiglia” e la Serie Televisiva per il mercato canadase “Sins”.

FREE AGE PICTURES (Cina)

Kaixin Mahua (Fun Age Pictures) è una delle comedy house cinesi più famose. Nasce come compagnia teatrale e agenzia di talent ed è diventata negli anni un brand di grande successo espandendosi in gran parte del paese. Da diversi anni Kaixin Mahua si è affermata anche nel mercato cinematografico. Il primo film prodotto nel 2015 “Goodbye Mr. Loser”, ha incassato sorprendentemente € 180M diventando un “caso” dell’industria cinematografica cinese. Hanno seguito film come “Never say die” (€ 327M) e “Hello, Mr. Billionaire” (€ 350M) che hanno confermato la società come una delle realtà più forti del mercato cinese.

Testi, video e foto dall’Ufficio Stampa distribuzione Echo Group. Aggiornato il 28 luglio 2022.

Dove i classici si incontrano. ClassiCult è una Testata Giornalistica registrata presso il Tribunale di Bari numero R.G. 5753/2018 – R.S. 17. Direttore Responsabile Domenico Saracino, Vice Direttrice Alessandra Randazzo

Write A Comment

Pin It