28 Aprile 2016

Due studenti presso lo scavo. Credit: Victor Thompson/University of Georgia
Due studenti presso lo scavo. Credit: Victor Thompson/University of Georgia

Nella parte sud occidentale della Florida si trova un’isola di origine artificiale, Mound Key, che era la capitale del Regno dei Calusa, ancora al tempo dell’arrivo degli Spagnoli.
L’isola è stata oggetto di uno studio, pubblicato su PLOS One, nel quale si spiega la capacità dei Calusa di adattare le acque costiere della Florida, di modo da supportare una grande popolazione. Mound Key fu costruita su un cumulo di conchiglie, ossa e altri rifiuti.
Il fatto che i più antichi di questi resti siano stati ritrovati anche sopra quelli più recenti, fa ritenere gli studiosi che i Calusa rimettessero mano a quest’isola artificiale, rimodellandola sulla base delle loro esigenze.
Immagine LiDAR che mostra la porzione centrale dell'Isola Mound Key. Credit: Victor Thompson/University of Georgia
Immagine LiDAR che mostra la porzione centrale dell’Isola Mound Key. Credit: Victor Thompson/University of Georgia


Lo studio “From Shell Midden to Midden-Mound: The Geoarchaeology of Mound Key, an Anthropogenic Island in Southwest Florida, USA”, di Victor D. Thompson, William H. Marquardt, Alexander Cherkinsky, Amanda D. Roberts Thompson, Karen J. Walker, Lee A. Newsom, Michael Savarese, è stato pubblicato su PLOS One.
Link: PLOS One; EurekAlert! via University of Georgia