Mummie in Mondovisione – Breaking news dall’Egitto: scoperta un’antica tomba intatta e sarcofagi perfettamente preservati in Luxor

La tomba, portata alla luce durante la campagna di scavo tutta egiziana, iniziata a marzo di quest’anno e ancora in fieri, presenta immagini che ritraggono la regina Ahmos-Nefertari e suo figlio Amenhotep I, secondo quanto riportato dal Ministero delle Antichità Egiziane.

La tomba, situata nella necropoli dell’Asasif, apparteneva ad un uomo chiamato Shu-en-khet-ef (“Il Vento del Nord è alle sue spalle”) che fu uno “scriba del tempio di Mut” e probabilmente supervisore della mummificazione presso l’omonimo tempio, cosí come affermato durante la rassegna stampa dal dott. Mostafa Waziri segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità.

Nella stessa tomba fu sepolta la moglie dello scriba che tra i suoi titoli enoverava anche quello di “cantante di Mut”. Nella loro tomba son stati trovati 1200 ushabti (le piccole statuette che dovevano aiutare il defunto nell’aldilà) insieme a figurine in faience, maschere funerarie di legno dipinto e papiri. Nella stessa tomba, un’altra stanza, chiusa con un muro di mattoni crudi, conteneva altri due sarcofagi, perfettamente conservati e con ancora le corone di fiori. Questi due sarcofagi apparterrebbero alla XV o alla XVI dinastia. Uno appartiene al sommo sacerdote di Amon, Padiese, mentre l’altro appartiene alla moglie.

Durante la giornata di ieri le autorità egiziane hanno aperto un sarcofago contenente la mummia perfettamente conservata di una donna vissuta più di 3000 anni fa. La notizia non sarebbe così eclatante se non fosse che l’apertura è stata fatta, per la prima volta, in mondovisione, davanti ai media internazionali, con fotografi e telecamere da tutto in mondo.

Il sarcofago è uno dei due scoperti un mese fa dalla missione francese nella necropoli di El-Asasif. “Il primo era un sarcofago rishi (il termine “rishi” significa “piume” in arabo e si deve proprio alla presenza di due lunghe ali piumate che avvolgono l’intero sarcofago antropoide, n.d.r) e risale alla XVII dinastia mentre il secondo appartiene probabilmente alla XVIII dinastia”, afferma il Ministro delle Antichità Khaled Al Anani.

Nessuna di queste persone avrebbe mai pensato che più di 3000 dopo la loro dipartita il loro corpo mummificato sarebbe stato visto da milioni persone provenienti da continenti di cui non sapevano neanche l’esistenza.

El-Assasif mummie Luxor
La necropoli di El-Assasif. Foto di Steve F-E-Cameron, CC BY 3.0