13 – 16 Maggio 2015
Facade_of_Philip_II_tomb_Vergina_Greece
Secondo un nuovo studio, ci sarebbero ulteriori conferme che i resti ritrovati nella Tomba II a Vergina (in Italiano, Verghina) apparterrebbe proprio a Filippo II di Macedonia, padre di Alessandro Magno, e alla sua settima moglie di origine sciita.
Dopo un riesame dei resti ritrovati nella tomba, infatti, un team di ricerca è giunto alla conclusione che l’uomo nella camera principale è Filippo II, mentre la donna nell’anticamera sarebbe la figlia del Re sciita Atheas, ucciso in battaglia da Filippo II nel 339 a. C. I segni sullo scheletro coinciderebbero con le ferite di guerra del Re, in particolare al viso. Filippo II fu assassinato nel 336 a. C., proprio a Aegae/Verghina, a causa del tradimento degli uomini preposti alla sua sicurezza.
Lo studio ha anche messo in evidenza che le oltre settanta ossa lì ritrovate corrisponderebbero ad ulteriori sette figure non precedentemente identificate. Rimangono perciò ancora molti interrogativi sulla Tomba.

Lo studio “New Finds from the Cremains in Tomb II at Aegae Point to Philip II and a Scythian Princess“, di T. G. Antikas e L. K. Wynn-Antikas, è stato pubblicato sull’International Journal of Osteoarchaeology.
Link: International Journal of Osteoarchaeology; Greek Reporter; Daily Mail; Forbes 1, 2.
Facade of Philip II tomb Vergina Greece, Panegyrics of Granovetter (Sarah Murray), foto da Wikipedia, CC BY-SA 2.0, caricata da Dimboukas.