12 Agosto 2015

Gli Archaeologi scoprono un castello dimenticato a Sierpc

Resti dell'edificio e pavimentazione del tempo di Potuliccy (durante l'esplorazione). Foto di M. Cichocki
Resti dell’edificio e pavimentazione del tempo di Potuliccy (durante l’esplorazione). Foto di M. Cichocki
I resti dei muri perimetrali del castello del sedicesimo secolo a Sierpc (provincia di Mazowieckie) sono stati scoperti dai ricercatori durante ricerche archeologiche e architettoniche.
I resti del castello non sono visibili dal suolo. Solo grazie ad ampi scavi cominciati agli inizi di Luglio, gli archeologi hanno per caso scoperto le mura vecchie di centinaia di anni.
Pavimentazione del castello di Prokop Sieprski e parte centrale delle fondamenta dell'edificio di Potuliccy. Foto di M. Cichocki.
Pavimentazione del castello di Prokop Sieprski e parte centrale delle fondamenta dell’edificio di Potuliccy. Foto di M. Cichocki.


La ricerca sul campo è stata preceduta da mesi di inchiesta tra le fonti archivistiche, a riguardo della fortezza non conservatasi. I leader del progetto di ricerca sono Tomasz Olszacki del Laboratorio Archeologico “Trecento” a Łódź, insieme al dott. Artur Różański dell’Istituto di Preistoria dell’Università Adam Mickiewicz a Poznań. I ricercatori furono in grado di determinare che la fortezza di mattoni fu costruita dal Castellano di Sierpc Prokop Sieprski, portatore dello stemma di Prawdzic, nei primi anni del sedicesimo secolo.
Mattonella in ceramica dall'ipocausto. Foto di M. Cichocki.
Mattonella in ceramica dall’ipocausto. Foto di M. Cichocki.

“Fino ad oggi, sulla sponda nord del fiume Sierpienica abbiamo svelato i resti delle mura esterne costruite di pietra e mattoni di epoca gotica con una rana prodotta con le dita, pavimenti associati a quel più antico castello di mattoni, e una lastra del pavimento, che è uno dei resti della fornace dell’ipocausto, che era parte del sistema di riscaldamento del castello” – spiega Olszacki.
Nella seconda metà del sedicesimo secolo, la fortezza fu estesa da Potuliccy, portatore dello stemma di Grzymała. Un’ampia casa supportata da un contrafforte fu costruita sul lato sud del cortile, i forni riscaldati erano costruiti con pannelli di mattonelle.
“Subito dopo le distruzioni della guerra nella metà del diciassettesimo secolo o agli inizi del diciottesimo secolo, questo ampio castello privato di circa 1,500 m² fu demolito e completamente dimenticato. Il nostro studio getta nuova luce sulla sua storia” – ha aggiunto Olszacki.
Fino ad oggi, gli archeologi hanno scavato più di cinquemila oggetti, compresi contenitori ceramici, un ampio insieme di piastrelle rinascimentali che un tempo decoravano la fornace, pelli e un medaglione devozionale che ritrae San Benedetto e Santa Scolastica. L’ultimo forse data alla presenza delle Sorelle Benedettine nel castello, nella prima metà del diciassettesimo secolo.
Il lavoro di ricerca è stato finanziato dall’Ufficio di Conservazione Regionale di Mazowsze e dalla città di Sierpc. Nel futuro potrebbe diventare il luogo di un parco culturale con l’esposizione dei reperti del castello. Ci sono anche piani per una mostra dedicata alla fortezza.

 
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.

Write A Comment

Pin It