18 Novembre 2015

Ricostruzione di un tumulo a Smoszewo

Fonte: UM Krotoszyn
Fonte: UM Krotoszyn
 La ricostruzione di un tumulo di 3.500 anni fa, nel quale un membro della comunità della Cultura del Tumulo era seppellito, può essere ora visitata a Smoszewo (Contea di Krotoszyn). Il progetto è stato effettuato nel Laboratorio di Archeologia Mediterranea dell’Età del Bronzo, Istituto di Preistoria dell’Università Adam Mickiewicz University a Poznań.
Gli Archeologi di Poznań si sono avventurati nelle foreste di Krotoszyn quasi cento anni fa. Al tempo, gli scavi a Smoszewo furono guidati dal prof. Józef Kostrzewski, uno dei fondatori dell’Università Adam Mickiewicz. Nel 1923, in quattro giorni, con l’aiuto di trenta soldati, esaminò cinque dei 22 tumuli.
“I risultati pubblicati di questo lavoro incontrarono grande interesse tra gli specialisti dell’Età del Bronzo, e determinarono ulteriori spedizioni in quel sito” – ha spiegato Mateusz Cwaliński, dottorando all’Istituto di Preistoria dell’Università Adam Mickiewicz, coinvolto nella ricostruzione del tumulo. Oltre alla ricostruzione, bacheche informative sono state montate in Polacco e Inglese, revisionate dagli archeologi di Poznań.
Il tumulo selezionato per la ricostruzione è stato studiato dal 2009 al 2011. Gli scavi e le numerose analisi degli esperti sono stati effettuati da un gruppo di impiegati e studenti dell’Istituto di Preistoria dell’Università Adam Mickiewicz e dell’Institut für Ur- und Frühgeschichte CAU a Kiel. All’interno del tumulo, gli archeologi hanno scoperto strutture ben preservate e costruite in pietra. Due anelli e un nucleo di pietra sono stati esposti alla ricostruzione – originariamente la struttura era coperta con terra.
Fonte: UM Krotoszyn
Fonte: UM Krotoszyn


Durante lo studio, gli archeologi hanno anche trovato i resti di donazioni post-mortem nella forma di frammenti di ceramica e di una spilla in bronzo. La sepoltura non è sopravvissuta forse a causa delle proprietà sfavorevoli del terreno. Al fine di presentare pienamente la sepoltura della Cultura del Tumulo, gli archeologi hanno deciso di inserire un manichino rappresentante il guerriero deceduto. Sepolture simili sono note da altre regioni abitate durante l’età del bronzo dalle comunità della Cultura del Tumulo. Nel passato molti archeologi credevano che simili ritrovamenti indicassero che queste erano popolazioni mobili con una disposizione guerriera. Oggi, con una crescente conoscenza della Cultura del Tumulo, gli archeologi si allontanano da simili interpretazioni prive di ambiguità.
La ricostruzione è stata possibile sotto l’accordo trilaterale tra l’Università Adam Mickiewicz a Poznań, l’Ufficio Municipale a Krotoszyn e il Distretto Forestale di Krotoszyn.
Gli Archeologi continueranno il lavoro nell’area di Krotoszyn. Nel 2012, analizzando le immagini delle scansioni laser aeree della foresta circostante, hanno localizzato quasi 100 tumuli finora ignoti, probabilmente risalenti all’Età del Bronzo. Attualmente, quest’area è soggetta a rilevamenti archeologici non invasivi degli oggetti rilevati, nei quali l’Istituto di Preistoria coopera col Museo Archeologico a Poznań.

 
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.

Write A Comment

Pin It