16 Settembre 2015

Enigmatica Fortezza Teutonica rivela i suoi segreti

Vista generale degli scavi che hanno esplorato la parte orientale della casa conventuale. Foto: B. Wasik
Vista generale degli scavi che hanno esplorato la parte orientale della casa conventuale. Foto: B. Wasik
Solo frammenti delle mura del cortile e un pilastro di un’arcata della toilette medievale del castello dei Cavalieri Teutonici a Kowalewo Pomorskie (nel voivodato di Cuiavia-Pomerania) si sono conservati ad oggi. Gli scavi condotti dagli archeologi di Toruń gettano nuova luce sulla storia della fortezza.
Gli Scienziati dell’Istituto di Archeologia dell’Università Niccolò Copernico di Toruń vennero a Kowalewo Pomorskie nel 2013. fu allora che il primo vasto progetto di ricerca archeologica e architettonica fu portato avanti.

Studio della parte orientale dell'alto castello. Foto: B. Wasik
Studio della parte orientale dell’alto castello. Foto: B. Wasik

“Il lavoro di quest’anno si è concentrato sull’identificazione della parte orientale dell’alto castello e – per la prima volta su larga scala – su uno dei tre cortili” – ha spiegato il dott. Marcin Wiewióra, a capo della spedizione del Dipartimento di Archeologia dell’Architettura, dell’Università Niccolò Copernico.
Il castello a Kowalewo Pomorskie è una di quelle fortezze teutoniche nella terra di Chełmno che lascia perplessi i ricercatori. La sola raffigurazione del castello data al diciassettesimo secolo, ed è poco chiara.
“Informazioni storiche riguardo questa fortezza sono egualmente modeste. Il comando dei Cavalieri Teutonici fu costruito qui tra il 1272 e il 1275. Gli storici presumettero che l’inizio della costruzione del castello avesse luogo di lì a poco. Sappiamo già grazie ai nostri scavi che questo non è vero” – ha riferito a PAP il dott. Wiewióra. Gli Archeologi hanno cambiato i loro punti di vista anche dopo la scoperta di quest’anno nella forma di un mattone sezionato con un’incisione conservata e leggibile della cripta stellata. Secondo i ricercatori, questo tipo di soluzione architettonica apparve in Prussia solo nel primo quarto del quattordicesimo secolo. Dopo tre anni di ricerca sul campo, gli archeologi stanno anche ricostruendo lentamente la piantina dell’alto castello.
Frammenti di tegole scoperti presso il muro esterno dell'alto castello. Foto: B. Wasik
Frammenti di tegole scoperti presso il muro esterno dell’alto castello. Foto: B. Wasik

Il castello comprende due cortili; appena a nord di essi c’era la casa conventuale, un alto castello circondato da una striscia di terra tra il castello e il muro esterno. Era collegata col terzo cortile, collocato ad ovest del castello. L’intero complesso era circondato da un fossato, e da nord dal lago che non esiste più oggi. Nel cortile occidentale gli archeologi hanno trovato i probabili resti del graticcio ed edifici impiastrati e tracce di costruzioni in mattone.
“Grazie al lavoro del team di ricerca siamo stati in grado di determinare le tecniche di costruzione e di comprendere le idee dell’ingegneria medievale. È risultato che il castello fu costruito su un terreno instabile e sabbioso. A causa di ciò, i costruttori furono costretti ad utilizzare ampi canali per le fondamenta, al di sotto dei muri, e un livello aggiuntivo dell’area colmata con terreno, ottenuto probabilmente dai canali” – ha spiegato il ricercatore.
Il tempo non è stato gentile con la fortezza. Già con le guerre di Ladislao I di Polonia, detto il Breve, coi Cavalieri Teutonici, il castello a Kowalewo fu assediato e danneggiato. Similarmente, un paio di secoli dopo, durante la Guerra dei Trent’anni, quando le truppe prussiane catturarono il castello. Le fonti storiche non lasciano dubbi che già nel diciassettesimo secolo la fortezza fosse in cattivo stato. Il castello ha anche sofferto durante la Guerra con gli Svedesi. Nel diciottesimo secolo fu utilizzato da governatori, ma era così gravemente danneggiato che alla fine fu abbandonato. La totale demolizione del castello fu portata avanti durante il diciannovesimo secolo.
Quest’anno i lavori sono stati completati a Luglio. I ricercatori sperano che gli scavi continuino l’anno prossimo. Poi si concentreranno sui rilevamenti dei cortili. Le attività sono parte di un più vasto progetto il cui obiettivo è quello di tentare di rispondere alle domande base relative alle origini dell’architettura di difesa in mattoni teutonica nella terra di Chełmno.

Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.