6 Marzo 2015

Progetto STVDIVM di OpenPompei. La condivisione dei dati in archeologia

b898b1697b054970a430c1427ee691957189

Al via STVDIVM, scuola di dati archeologici aperti organizzata da OpenPompei, in collaborazione con il Segretariato Generale del MiBACT, la Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia  e la Direzione Generale del Grande Progetto Pompei. Da oggi e fino all’8 marzo, studiosi e esperti saranno ospitati nell’Auditorium degli scavi di Pompei.

L’iniziativa è strutturata su una serie di attività teoriche e pratiche che, pur non richiedendo una formazione informatica preliminare, saranno occasione per lavorare con i dati archeologici. L’obiettivo sarà tracciare le principali linee guida nella gestione dei dati aperti in campo archeologico, dalla creazione all’utilizzo finale: dove reperire i dati (i principali archivi archeologici), la loro natura, il loro uso, l’interscambiabilità tra le diverse banche dati, la loro comunicazione e pubblicazione e i correlati aspetti etici e legali.
L’occasione di scambio rappresentata da STVDIVM punta a formare una comunità dedicata all’apertura e al riuso dei dati in archeologia, in linea con i principali obiettivi del progetto OpenPompei: promuovere la cultura della trasparenza e degli Open Data, a partire dalle attività già avviate con il Grande Progetto Pompei e, contemporaneamente, percorrere nuove strade fatte di innovazione sociale e attivismo civico.
fonte dati:
Soprintendenza Speciale per  Pompei, Ercolano e Stabia

Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone

Write A Comment

Pin It