Domenica 13 dicembre, ore 12.00 e ore 17.00

Museo di Roma Palazzo Braschi

In occasione della mostra

WAR IS OVER!  L’Italia della Liberazione nelle immagini dei U.S. Signal Corps e dell’Istituto Luce, 1943-1946

 WAR IS OVER…  shall we dance?

image001 (22)
Se l’Italia della Liberazione parla americano e mastica chewing gum, la colonna sonora ideale del suo ritorno alla vita – dopo gli anni terribili della guerra e dell’occupazione – è certamente rappresentata dal ritmo trascinante e coinvolgente del BOOGIE-WOOGIE.
boogie 1_670
Il Museo di Roma, in occasione della mostra “WAR IS OVER. L’Italia della Liberazione nelle immagini dei U.S. Signal Corps e dell’Istituto Luce, 1943-1946”, vuole far rivivere l’entusiasmo di quei giorni nelle coreografie dei ballerini della Scuola di Danza Fuoricentro, diretta da Simona Crivellone, che accoglieranno i visitatori nel cortile di Palazzo Braschi e lungo lo scalone monumentale, fin dentro le sale espositive ed il Salone d’Onore al primo piano.
Un’occasione per visitare la bella mostra fotografica accompagnati dal sound inconfondibile di un’epoca già lontana per molti, ma in realtà mai dimenticata e anzi continuamente evocata nella musica e nella moda. Come dimostrano gli abiti indossati dai ballerini e cortesemente messi a disposizione dalla prestigiosa Maison Anna Mode, filologicamente inappuntabili e straordinariamente attuali.
“WAR IS OVER….shall we dance?” è un invito a cogliere la bellezza e la forza evocatrice delle immagini fotografiche in mostra, lasciandosi trascinare dal ritmo coinvolgente del boogie-woogie quale metafora dello spirito dinamico e propositivo del Dopoguerra.  

MUSEO DI ROMA – PALAZZO BRASCHI

Ingresso da Piazza Navona, 2 e da Piazza San Pantaleo, 10

Ingresso

Partecipazione con il solo biglietto di ingresso al Museo (secondo tariffazione ordinaria)

Informazioni

Tel.  06 06 08 (tutti i giorni ore 9.00 – 21.00) www.0606068.it

www.luceperladidattica.com www.museodiroma.it   www.museiincomuneroma.it

Testo e immagini da Ufficio Stampa Zètema – Progetto Cultura