Le Storie dal Palatino continuano nel loro affascinante percorso con nuove indagini nell’area archeologica centrale di Roma. Le attività, coordinate da Parco archeologico del Colosseo in collaborazione con l’ISAR e la Rice University di Houston, rientrano nell’ambito del progetto Signum Vortumni Project.

Interessanti le novità venute alla luce, che raccontano storie complesse e ampie, cronologicamente collocabili nell’arco di sei secoli: III a.C. – III d.C.

“È importante che manifestazioni del genere coinvolgano un ampio pubblico – dichiara Alfonsina Russo – direttrice del Parco archeologico del Colosseo. Vogliamo rendere partecipi e attivi, soprattutto gli studenti perché riteniamo che simili esperienze siano importanti per la loro formazione”.

Nell’area degli Horrea, il grande magazzino realizzato da Vipsanio Agrippa sotto il principato di Augusto, il colle era occupato da ricche dimore residenziali disposte su più livelli e di proprietà dell’elite dell’epoca. Da una di queste, sono emersi affreschi ed elementi di arredo particolarmente interessanti. Affreschi in II stile, simili a quelli della Casa dei Grifi, soffitti rivestiti in stucco e un mosaico a tessere bianche con inserti neri.

La scoperta più interessante sembra essere una statua in marmo raffigurante una sfinge, forse utilizzata come base di appoggio. Altri reperti sempre dello stesso edificio provengono invece da un pozzo non ancora scavato interamente e riempito di anfore tardo – repubblicane. Le ipotesi sono che ad un primo utilizzo per l’acqua, sia seguito quello di discarica per i rifiuti di casa.

Non da ultimo, gli scavi hanno rivelato per la prima volta anche il cantiere edilizio allestito proprio per la costruzione dei “grandi magazzini”.