Il bambino che inventò lo zero Amedeo Feniello

Incontro "Il bambino che inventò lo zero" a Monte Castello di Vibio

Venerdì 3 maggio 2019, ore 11.00
Teatro della Concordia - Monte Castello di Vibio

Il bambino che inventò lo zero

INCONTRO
con lo storico
Amedeo Feniello
Introduce Federico Fioravanti

ingresso libero

Il bambino che inventò lo zero Amedeo FenielloLA STORIA - È una di quelle che hanno cambiato il mondo. I numeri dall'1 al 9 e il misterioso zero vengono da lontano. Li ha portati nel nostro continente Leonardo Fibonacci, che nel 1202 pubblicò il libro che ne svelava simboli e segreti. Il Liber Abaci inizia così: "Le nove figure degli indiani sono queste: 9 8 7 6 5 4 3 2 1. Con queste nove cifre, assieme al simbolo 0 che gli indiani chiamano zephirum, è possibile scrivere qualunque numero”. Leggi qui tutta la storia.

IL LIBRO - Leonardo, il protagonista del libro, è una vera peste. A Bugia, dove è arrivato con suo padre, porta scompiglio, fa scherzi, combina guai nelle viuzze tortuose della città. Ma ha una dote straordinaria: in men che non si dica, apprende la scienza dei numeri arabi da un grande matematico del posto: «Tu che sai tutto, tu che sai come è stato creato il mondo, dimmi, esiste un numero da cui sono discesi tutti gli altri?». Amedeo Feniello, Il bambino che inventò lo zero, ed. Laterza.

Il bambino che inventò lo zero Amedeo FenielloL'AUTORE - Amedeo Feniello è uno storico e autore di numerosi saggi. Per la casa editrice Laterza ha pubblicato, oltre a Il bambino che inventò lo zeroSotto il segno del leone. Storia dell’Italia musulmana e Dalle lacrime di Sybille. Storia degli uomini che inventarono la banca. Ha anche partecipato alla stesura del volume Storia mondiale dell’Italia, una raccolta di saggi curata dallo storico Andrea Giardina. Pubblica anche con Mondadori e collabora con La Lettura, l’inserto culturale del Corriere della Sera. Leggi di più sull'autore.

Il bambino che inventò lo zero Amedeo FenielloL'evento è organizzato dal Festival del Medioevo
con la collaborazione del Comune di Monte Castello di Vibio.

 

Testo e immagini da Festival del Medioevo

Copyright © 2019 Associazione culturale Festival del Medioevo, all rights reserved.


Bari, quinto Mercoledì con la storia: "Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale"

“Mercoledì con la storia”, VIII edizione
Amedeo FENIELLO
Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale

12745470_1151469794878145_3485506889108161526_n
Mercoledì 24 febbraio 2016 alle ore 18 presso la Libreria Laterza di Bari, per i nostri Mercoledì con la storia avremo un nuovo ospite d’eccezione, Amedeo Feniello. L’incontro prenderà le mosse dal suo recente lavoro, Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale (Mondadori). Dialogando con Sergio Chiaffarata, Feniello ci condurrà per mano nelle vicende medievali di Napoli: «una città per tanti versi già allora affascinante e inafferrabile, in cui si succedono civiltà e tradizioni diverse, a partire da quella bizantina fino alla dominazione angioina. Con una realtà sociale peculiare, dove a comandare davvero, più che lo Stato, sono le famiglie e i clan dei cosiddetti ‘seggi’, tanto più forti quanto più debole si dimostra il potere centrale. Pronti a farsi carico dei problemi della cittadinanza. Gelosi della propria autonomia. Capaci di strenue resistenze o di compromessi con le dinastie che si susseguono. […] Uno squarcio di Medioevo, dove è già possibile riconoscere molti elementi che caratterizzano la mentalità della malavita organizzata contemporanea: con i suoi clan familiari, impregnati di senso di appartenenza e di una pratica quotidiana della violenza adoperata come unico strumento di risoluzione dei conflitti». Il nostro incontro sarà un appassionante e documentatissimo viaggio in una città che fu una delle grandi capitali dell’Occidente medievale, dalle tante luci e dalle tante ombre. Ancora una volta, conoscere il passato ci sarà utile per comprendere il presente.
Amedeo Feniello, storico del Medioevo, è stato Directeur d’études invité presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi e ha insegnato Storia del Mediterraneo nel Medioevo presso la Northwestern University di Evanston, Chicago. È autore di numerosi saggi storici, tra cui Sotto il segno del leone. Storia dell’Italia musulmana (Laterza, 2011) e Dalle lacrime di Sybille. Storia degli uomini che inventarono la banca (Laterza, 2013). Collabora con “La Lettura”, l’inserto culturale del «Corriere della Sera».
Testo dall’Ufficio Stampa Associazione Centro Studi Normanno Svevi