Manufatti di mille anni fa dalle grotte dello Utah

17 Giugno 2015
1024px-Utah_in_United_States.svg
Manufatti di mille anni fa, dalle grotte dello Utah, gettano luce sulla vita in quelle regioni per i nativi che erano gli antenati dei moderni Navajo o Apache. Gli oggetti si sono preservati in modo eccezionale: si tratta di mocassini, guanti, frecce, piume, pellicce, ossa animali (bisonte) e pezzi di canna utilizzati per le scommesse. I 340 mocassini sono in particolare prodotti nello stile Canadese subartico.
Link: KSL
Lo stato dello Utah, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Usa edcp location map.svg (by Uwe Dedering). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  USA Hawaii location map.svg (by NordNordWest). This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Canada location map.svg (by Yug).)
 


L'uomo di Kennewick, geneticamente vicino ai Nativi Americani

18 - 19 Giugno 2015
1024px-Washington_in_United_States.svg
L'uomo di Kennewick, scoperto nel 1996 nello stato di Washington, e risalente a 8900 - 9000 anni fa, sarebbe legato geneticamente ai Nativi Americani più che a qualsiasi altra popolazione al mondo.
Questi i risultati di uno studio pubblicato su Nature, che si colloca nell'ambito di una discussione che, con uno studio dell'anno scorso lo correlava invece a Polinesiani e Giapponesi più che ai Nativi Americani. Non sono mancate controversie sulle origini del campione.
In questo caso i ricercatori hanno utilizzato tecniche innovative per ricavare con difficoltà il DNA, che era degradato e dominato da quello ritrovato nel suolo e in altre fonti ambientali, nonostante lo scheletro fosse in condizioni eccellenti.
Leggere di più


Insediamento di Nativi Americani di quattrocento anni fa dal Kansas

8 - 14 Giugno 2015
Un insediamento di Nativi Americani di quattrocento anni fa è stato scoperto nella parte centro meridionale del Kansas. Secondo l'archeologo Don Blakeslee, Arkansas City sarebbe l'antica Etzanoa. Ritrovate anche palle in ferro e piombo utilizzate come munizioni per moschetti e cannoni dagli spagnoli nei secoli sedicesimo e diciassettesimo.
Link: The Arkansas City TravelerArchaeology News Network via AP


L'impatto dei Nativi Americani sulle foreste in base alla composizione degli alberi

28 Maggio 2015
1024px-Iroq2
Fino ad oggi c'è stato poco consenso circa l'estensione dell'impatto dei Nativi Americani sull'ambiente della parte orientale del Nord America, prima dell'arrivo degli Europei. I Nativi facevano già uso di tecniche che comprendevano disboscamenti e incendi, che alteravano le foreste circostanti.
Un nuovo studio prende in esame il modo con cui i Nativi Americani possono aver modificato l'ambiente circostante, utilizzando nuove tecniche e considerando i pattern di composizione forestale. Il numero di alberi resistenti al fuoco e al contempo in grado di fornire noci commestibili è difatti molto elevato in prossimità degli insediamenti di nativi. La maggior parte delle modifiche nella composizione forestale si può avvertire entro i 10 - 15 km dai siti dei villaggi. Si suggerisce perciò che questi siano stati modificati dalle pratiche di utilizzo della terra da parte degli Irochesi.
Leggere di più


Stati Uniti: abitazioni presso il sito preistorico di Larder

28 Maggio 2015
Un team dall'Ithaca College ha esaminato il sito preistorico di Larder, abitato duemila anni fa da Nativi Americani, presso il canale Las Vegas Wash, ritrovando alcune abitazioni.

Link: Ithaca College


Struttura dell'Era Glaciale e pendenti in ossa dall'Alaska

11 Maggio 2015
Ritrovata nell'Alaska Interiore una struttura, coperta di pelli e datata a 12300 anni fa, e i contorni di tende. Il sito è quello di Mead, ai margini di una foresta di abete rosso. Ritrovati anche manufatti in osso, i più antichi della regione. Non c'è ancora certezza sull'utilizzo di quelli che sembrano essere pendenti utilizzati anche per comunicare qualcosa avente attinenza sociale.
Link: Geophysical Institute - University of Alaska Fairbanks; Archaeology News Network


Manufatti e Hoodoo per gli schiavi della Piantagione Hume in South Carolina

7 - 10 Maggio 2015
Continua la ricerca archeologica nel sito della Piantagione Hume nell'isola di Cat Island in South Carolina. Il sito è ricco di manufatti a partire dall'epoca preistorica e che riguardano Nativi, e quindi Europei e Africani. Gli scavi questa volta toccano gli alloggiamenti degli schiavi, condotti qui a partire dalla fine del Seicento dal Congo e dalle isole della Giamaica. Nel luogo vi sono prove della pratica di magia rituale Hoodoo (da non confondersi col Voodoo).
Link: Northern Arizona University


Le alluvioni del Mississipi e il declino di Cahokia

4 Maggio 2015
800px-Monks_Mound_in_July
La fine di Cahokia, la cui storia si colloca nello stato americano dell'Illinois tra il 600 e il 1400 a. C. circa, è un enigma al quale si son date tante risposte possibili: guerre, politica, incendi, carestie. Un nuovo studio attribuisce invece questo declino alle inondazioni del fiume Mississipi, che qui assumevano un carattere anche catastrofico (megaalluvioni, o megaflood).
Secondo lo studio, l'ascesa del sito sarebbe da correlarsi a un periodo di ridotte megaalluvioni (dal 600 al 1200) che avrebbe facilitato l'intensificazione delle attività agricole, la crescita della popolazione e l'espansione dell'insediamento. L'insediamento emerse dunque come un centro regionale attorno al 1050. Il declino coincise invece con il ritorno delle megaalluvioni, a partire dal 1200. E se sicuramente i fattori umani furono importanti, secondo lo studio questo fattore critico potrebbe esser stato finora sottostimato.
Leggere di più


Giardini di molluschi dei nativi americani nella Columbia Britannica [Gallery]

21 - 29 Aprile 2015
17227221171_4c1e5d67fe_z
Una ricerca interdisciplinare sulle attività nella costa nord occidentale del Pacifico rivela che i nativi della Columbia Britannica non si limitavano ad agire da cacciatori-raccoglitori, ma "coltivavano" giardini di molluschi bivalvi per assicurarsi "raccolti" abbondanti.
La ricerca sta anche confrontando gli antichi metodi di allevamento dei molluschi con quelli moderni. Pur essendoci difficoltà logistiche (i giardini sono visibili per sole 72 ore l'anno) la produttività delle antiche tecniche si è rivelata assai elevata.

[slideshow_deploy id='3916']


Leggere di più


Tutte le popolazioni eschimesi sarebbero legate geneticamente al North Slope in Alaska

29 Aprile 2015
NorthSlopeAlaska_L7_20010616
Tutte le popolazioni Inuit sono legate geneticamente a quelle provenienti dalla North Slope, in Alaska. Questo il risultato di uno studio che ha esaminato le migrazioni nell'Artico Nord Americano negli ultimi 5 mila anni: i risultati supportano quindi l'idea di un movimento verso l'est, da questa regione dell'Alaska verso la Groenlandia, e in realtà di due migrazioni differenti, per i Paleo-Eschimesi ed i Neo-Eschimesi.
Leggere di più