Disputa legale e diplomatica tra Spagna e Colombia per il tesoro del San José

15 Dicembre 2015
800px-Samuel_Scott_3
Com'era prevedibile, il ritrovamento degli oltre 11 milioni di dobloni d’oro, di pietre preziose e gioielli del relitto del San José ha condotto Spagna e Colombia (e la società americana Sea Search Armada) a una disputa legale e diplomatica internazionale.
La Spagna si è appellata alla Convenzione UNESCO sulla Protezione del Patrimonio Culturale Subacqueo (del 2 Novembre 2001), che afferma che i relitti militari appartengono alla nazione di origine. La Colombia, tuttavia, non è firmataria della Convenzione.
Il San José non è però soltanto un tesoro, è anche un cimitero di guerra (solo 11 dei 600 membri dell’equipaggio sopravvissero), e un sito di estremo interesse per gli archeologi. E la suddetta Convenzione sottolinea la necessità di preservare il patrimonio culturale relativo a tesori, relitti e beni culturali sott'acqua.
Link: Live Science; abc.esArchaeology News Network via AFP; UNESCO 1, 2.
Combattimento navale a largo di Cartagena, 1708, dipinto di Samuel Scott (Source=David Cordingly et autres, Pirates, terror on the High Seas – from the Caribbean to the South China Sea), da WikipediaPublic Domain, caricata da Sir Ignel.


Grecia: un parco per l'archeologia subacquea dal Golfo di Eubea

12 Dicembre 2015
GR_Evia
Un parco (ma si tratta di un vero e proprio museo) per l'archeologia subacquea sarà aperto nel Golfo di Eubea. Eubea (o Evia) è la seconda isola greca per dimensioni, dopo Creta.
Sarà possibile visitare un totale di 19 siti, relativi a 26 relitti di navi antiche e bizantine. A permettere l'apertura del museo è la chiarezza delle acque.
Link: Archaeology News Network via ANA-MPAGTP
Eubea, opera di El Spartan (User:El Greco on wikipedia) - Own work, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da El Greco.
 


Rare immagini del relitto di un PBY-5 Catalina [Gallery]

3 - 8 Dicembre 2015
PBY_Catalina_landing
Si segnalano i video e le foto relative a un PBY-5 Catalina, affondato il 7 Dicembre 1941 durante l'attacco giapponese a Pearl Harbor, e i cui resti sono presso la Baia Kāne‛ohe, nelle Hawaii.
Gli archeologi del NOAA e dell'Università delle Hawaii hanno condotto una serie di dettagliati rilevamenti.

[slideshow_deploy id='10473']

Link: NOAA 1, 2Science Daily via Newsy; Live Science; Mirror.co.uk.
Leggere di più


Giappone: mattonelle del Periodo Edo dall'Isola di Hatsushima

2 Dicembre 2015
800px-Map_of_Japan_with_highlight_on_22_Shizuoka_prefecture.svg
Sono ora oggetto di studio, le mattonelle del periodo Edo (1603-1867) sul fondale presso l'Isola di Hatsushima (parte della città di Atami), nella Prefettura giapponese di Shizuoka. Si pensa possano essere il carico di un'imbarcazione affondata.
Link: The Asahi Shimbun
La Prefettura di Shizuoka, di Lincun - 国土交通省 国土数値情報(行政区域), da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricato da TAKASUGI Shinji.
 


La terza edizione di SubinItaly apre all’archeologia subacquea

La terza edizione di SubinItaly apre all’archeologia subacquea

800px-Japanese_Merchant_Vessel_'Chinsen'

Dal 20 al 22 novembre, l’ISCR parteciperà a SubinItaly, Salone della subacquea, che si terrà presso la Nuova Fiera di Roma.
Il Nucleo Interventi Archeologia Subacquea e l’Area di Biologia Marina svolgeranno alcune attività interattive per i visitatori della manifestazione, mostrando i lavori svolti nel Progetto Europeo SASMAP, le sperimentazioni dell'ISCR sui nuovi materiali e metodi per il recupero di reperti fragili dallo scavo archeologico subacqueo e le ricerche scientifiche effettuate nell’Area Marina Protetta di Baia e nella Grotta Azzurra di Capri (NA), a San Pietro in Bevagna (TA) e nel lago di Bolsena (VT).