I reperti in osso, corno e avorio dal sito di Sungir

14 Aprile 2016

Strumenti per la caccia. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova
Strumenti per la caccia. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova

Gli strumenti in osso e avorio dal sito di Sungir, nei pressi della città russa di Vladimir, sono stati oggetto di studio da parte degli archeologi dell'Università Statale Lomonosov di Mosca.
Il sito a cielo aperto di Sungir risale al Paleolitico Superiore, e fu scoperto nel 1956: si ritrovò allora un complesso funerario con due tombe, ciascuna delle quali conteneva due sepolture. Molti i reperti ritrovati allora, tra i quali grani di collane in avorio, braccialetti, lance.  Sulla base dei materiali biologici ritrovati, il sito viene datato tra il 28,800 ± 240 e il 25,500 ± 200 prima del tempo presente. Secondo altri dati, avrebbe 30 mila anni.
Credit: Fonte: Taisiya Soldatova
Credit: Fonte: Taisiya Soldatova

In un nuovo studio, pubblicato sul digest della Hugo Obermaier Society for Quaternary Research and Archaeology of the Stone Age, si sono presi in esame 171 reperti in avorio, osso, corna. Si tratta di diversi strumenti per il lavoro e per la caccia, oltre a materiali di scarto, ma gli archeologi si sono soprattutto soffermati a studiare gli ornamenti.
Strumenti in avorio. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova
Strumenti in avorio. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova

Sono risultate differenze nei manufatti prodotti con diversi materiali: quelli in avorio erano meglio formati di quelli in osso o corna, e nessuno strumento in avorio era usato per le attività casalinghe. In avorio erano solo armi da caccia, oggetti d'arte e ornamenti. Tre oggetti in avorio potevano essere considerati degli strumenti, e però in quanto ritrovati in un contesto funerario potevano avere un significato simbolico.
Sulla base di queste peculiarità, gli studiosi hanno perciò potuto suggerire paralleli con i siti europei dell'Aurignaziano.
Leggere di più


Francia: un uccello in incavo del Paleolitico Superiore

15 Marzo 2016
507px-Dordogne-Position.svg
Sta facendo molto parlare di sé, un reperto del Paleolitico Superiore proveniente da un sito a cielo aperto di Cantalouette II, nella regione francese della Dordogna.
Si tratta di una scheggia di selce, sulla cui superficie irregolare si è scavato con uno strumento in pietra. Datata a 31-35 mila anni fa, presenta la straordinaria raffigurazione di un uccello in incavo, col piumaggio e dettagli della testa. Non vi sono reperti simili - anche per livello di naturalismo - per quanto riguarda il Paleolitico Superiore: quest'opera può dunque aiutarci a comprendere meglio gli esordi dell'arte figurativa.
L'incisione si distingue da altre rappresentazioni, per l'animale raffigurato e per le tecniche innovative utilizzate. Nonostante la presenza di certe convergenze, infatti, l'assenza di canoni è caratteristica per l'arte dell'Aurignaziano. Difficile dire di che uccello si tratti: probabilmente un passeriforme, di torcicolli (picidi del genere Jynx), di starne (fasianidi del genere Perdix) o quaglie. Raffigurazioni di uccelli sono molto inusuali per il periodo, e dunque in questo caso si tratta forse di un'espressione di pura creatività, non legata a concezioni religiose e sociali.
Il sito di Cantalouette II, la cui scoperta è avvenuta durante i lavori per la circonvallazione di Bergerac, ha rivelato un'occupazione che va dal Paleolitico Medio al Neolitico.
https://twitter.com/jorios/status/648468578828599296
Leggere di più


Germania: figurina femminile dell'Aurignaziano da Hohle Fels

22 Luglio 2015
800px-Hohler_Fels
Presentata una figurina femminile (23 x 22 x 13 mm) proveniente da Hohle Fels in Germania, datata al periodo Aurignaziano (40 mila anni fa circa), in avorio di mammuth. Il reperto trova affinità con altre figurine femminili della regione, anche se può apparire modesto se confrontato alla cosiddetta Venere di Hohle Fels.
Lo studio "Eine mögliche Frauenfigurine vom Hohle Fels und Neues zur Höhlennutzung im Mittel- und Jungpaläolithikum", di Nicholas J. Conard, Maria Malina, è stato pubblicato su Archäologische Ausgrabungen in Baden-Württemberg, pp. 54-59, 22 July 2015.
Link: Science Daily via Eberhard Karls Universität Tübingen; Past Horizons
L'entrata alla grotta di Hohle Fels, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Eugen Lehle (Dr. Eugen Lehle).
 


Moderni Umani a Mas d'Azil nell'Aurignaziano

21 Maggio - 1 Giugno 2015
800px-France_-_Ariège_-_Grotte_du_Mas_d'azil4
Un team di archeologi ha lavorato negli ultimi quattro anni alla grotta tunnel di Mas d’Azil nella regione francese di Ariège. Si è così scoperta un'occupazione del luogo nell'Aurignaziano (Paleolitico Superiore) e collegata all'arrivo dei moderni umani in quest'area, che sarebbe avvenuta a 35 mila anni fa.
Conseguentemente, gli archeologi ritengono che la grotta, esplorata a partire dal 1860, sia stata occupata per l'intero Paleolitico Superiore. Il sito costituisce per il suddetto periodo anche l'eponimo dell'ultima cultura relativa (Aziliano), e presente nella Francia meridionale come nella Spagna settentrionale.
Link: INRAP; Archaeology News Network; Past Horizons
La grotta di Mas d'Azil, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata e di Pinpin.
 


Popolazioni di mammut decimate 30 mila anni fa circa

12 Dicembre 2014 - 8 Febbraio 2015
1024px-Woolly_mammoth
Uno studio da parte dei ricercatori dell'Università di Tübingen, insieme a quelli del  Senckenberg Nature Research Society, evidenzia un declino nella popolazione di mammut lanosi, attorno ai 30 mila anni fa, nonostante le stabili condizioni di clima e di cibo. Il cambiamento sarebbe perciò da imputare alla caccia da parte degli umani.
[Dall'abstract:] Il mammut lanoso (Mammuthus Primigenius) era una specie chiave, oltre che emblematica, del cosiddetto ecosistema della steppa del mammut, da collocarsi tra i 110.000 e i 12.000 anni fa. Il suo contributo alla sussistenza umana durante il periodo Gravettiano, come fonte di materie prime, è documentato nel sud ovest della Francia e nel sud ovest della Germania, con alcune prove della sua caccia nella seconda regione. Peraltro, la diversità genetica decrescente e indicatori crescenti di stress nutrizionale mettono in evidenza un probabile declino del megaerbivoro. [...] (Sulla base del tracciamento multi-isotopo,) Quindi ipotizziamo che durante i periodi Aurignaziano e Gravettiano, la nicchia ecologica del mammut fosse intatta, ma non occupata intensivamente da questi, a causa di un declino nella popolazione, da spiegarsi possibilmente con la pressione umana attraverso la caccia.
Lo studio "Tracking possible decline of woolly mammoth during the Gravettian in Dordogne (France) and the Ach Valley (Germany) using multi-isotope tracking (13C, 14C, 15N, 34S, 18O)", di Dorothée G. Drucker, Carole Vercoutère, Laurent Chiotti, Roland Nespoulet, Laurent Crépin, Nicholas J. Conard, Susanne C. Münzel, Thomas Higham, Johannes van der Plicht, Martina Lázničková-Galetová, Hervé Bocherens, è stato pubblicato su Quaternary International
Link: Quaternary International; Universitat Tübingen 1, 2Past Horizons
Mammut lanoso, modello dal Royal BC Museum, a Victoria (Canada), foto di Flying Puffinda WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da FunkMonk.