Storia del Partenone. Un salto nell'Atene del V secolo a.C.

Da millenni domina il paesaggio della città di Atene, proprio lì nel cuore dell'Acropoli, ed è la migliore rappresentazione dell'arte classica. La sue fondamenta sorgono su un precedente tempio raso al suolo dai Persiani nel 480 a.C.: il nuovo edificio, progettato dai migliori architetti dell'epoca, avrebbe dovuto cancellare l'onta di una distruzione già annunciata e proclamare la rinascita della città. Farà molto di più: ne diventerà il simbolo.

L'audacia e l'ambizione di un'opera così imponente sono fondate sulle spoglie di una lunga guerra che ha determinato il destino della Grecia. Le ostilità tra i greci e i persiani andavano ormai avanti da decenni con scontri epocali: Maratona, le Termopili, Salamina e Platea. I rapporti turbolenti tra le due realtà vengono mitigati da una pace che impediva ai persiani di entrare nel Mar Egeo, la cosiddetta pace di Callia. Anche il rapporto tra Atene e i suoi alleati subisce delle modifiche: dopo aver rinforzato la sua egemonia, costituisce la lega delio-attica, nella quale ingloba in un'unica alleanza molte città del mondo ionico e molte delle isole che l'avevano spalleggiata nel corso delle Guerre Persiane. Grazie al ruolo guida che la città assume assieme a Sparta, inizia l'epoca aurea della Grecia. Con l'ascesa al potere dello statista democratico Pericle, Atene diviene la capitale politica e culturale del Mediterraneo.
Nel 443 a.C. prende forma il programma di ristrutturazione dell'Acropoli, grazie alle ingenti somme di denaro di cui poteva disporre la città.

Storia Partenone Acropoli di Atene

Il marmo pentelico

Il Partenone è il primo edificio su cui si concentreranno gli sforzi economici del piano di ristrutturazione di Pericle. Questo grande tempio di ordine dorico, dedicato alla dea Atena Parthenos, viene concepito per accogliere l'enorme statua criselefantina progettata da Fidia. È lungo 70×31 m e non ha un altare davanti a sé. Le processioni e i sacrifici venivano infatti effettuati nell'altare che stava di fronte al vecchio tempio di Atena Polias, proprio adiacente al luogo in cui sorge l'Eretteo.

È costruito con un marmo particolarissimo e splendente, ricavato dalle cave di marmo del Monte Penteli, a circa 15 km dalla città. Per trasportare gli enormi blocchi di marmo sulle ripide pendici dell'Acropoli era necessario utilizzare una tecnica particolare: l'ipotesi più accreditata è quella che prevede un sistema di intelaiature di legno, posizionate intorno alle colonne, che venivano trasportate con i buoi sulla collina a mo' di rullo. Sul luogo di costruzione venivano usate delle gru con un sistema di puleggie per sollevare i blocchi.

La planimetria del tempio presenta delle caratteristiche nuove, perché la fronte non è esastila come ci si aspetterebbe di vedere in un qualunque tempio dorico: la fronte è ottastila, cioè composta da 8 colonne sui lati brevi e 17 sui lati lunghi. Le numerose epigrafi, rinvenute sulla sommità dell'Acropoli, ci consentono di conoscere i nomi dei responsabili di questo cantiere sorto nel 447 e terminato nel 438 a. C.: il "sovrintendente" Fidia era affiancato da due architetti di altissimo valore, Iktynos e Kallikrates.

Commistione stilistica: un esperimento rivoluzionario

La cella del Partenone è suddivisa in due spazi: un ambiente rivolto ad ovest, caratterizzato dalla presenza di 4 colonne di ordine ionico (i cui frammenti sono esposti al Museo dell'Acropoli) che sorreggono le architravi del soffitto ligneo, e utilizzato per conservare gli arredi sacri e il peplo consegnato dalle fanciulle durante la cerimonia sacra delle feste Panatenee; un ambiente ad est, lungo 100 piedi, con un portico continuo che gira intorno alla cella formando un "pi greco" (π) grazie alla presenza di 10 colonne sui lati lunghi e 5 sui lati brevi, concepito in funzione di creare una quinta scenica per abbracciare il simulacro criselefantino della dea Atena Parthenos (di cui rimangono solo copie di età romana: la migliore tra esse è conservata al Museo Archeologico Nazionale di Atene). Questa innovazione planimetrica verrà poi presa come modello nei templi eretti successivamente.

Ma la grande novità risiede nella compresenza in un unico edificio, per la prima volta nella storia dell'architettura greca, dei due ordini principali, quello dorico e quello ionico. Esternamente il tempio si presenta come un tempio di ordine dorico, invece nell'opistodomo compaiono le già menzionate colonne di ordine ionico. Anche i fregi, interni ed esterni, propongono una mescolanza di stili: alle metope e ai triglifi, simboli dell'ordine dorico, realizzati sulla sommità esterna del tempio, si contrappone il lungo fregio continuo di ordine ionico che gira attorno ai muri della cella interna.
Fino al periodo precedente, il cosiddetto "stile severo" (480 - 450 a. C.) vi era una rigida distinzione tra i due ordini: Fidia invece ne promuove una sintesi.

L'esaltazione della civiltà: il programma iconografico

Nella mentalità greca non esiste atteggiamento celebrativo che non faccia ricorso al patrimonio mitico. La volontà di Pericle era quella di esaltare la vittoria della piccola città di Atene contro il temibile nemico persiano. Ciascuno dei lati sviluppa un tema mitologico che vede la contrapposizione tra il mondo civile, rappresentato dagli dei dell'Olimpo e dagli eroi greci, e il mondo barbaro rappresentato da figure semiferine e poco civilizzate: ad est campeggia la Gigantomachia; ad ovest, l'Amazonomachia; a sud vi è la Centauromachia; a nord, la guerra di Troia, prefigurazione dello scontro tra Oriente e Occidente. Il progetto iconografico è unitario e coerente, ed è opera di Fidia; ma la sua realizzazione viene affidata a tanti artigiani coordinati dai capi bottega per hanno lavorato sull'Acropoli per ben 15 anni.

I frontoni rappresentano la miracolosa nascita di Atena (sul lato est) e la contesa tra la dea titolare del tempio e Poseidone per il possesso della regione dell'Attica.
Sfortunatamente la maggior parte delle metope risulta danneggiata per la vicenda travagliata di cui il Partenone è stato protagonista nel corso dei secoli. L'edificio è stato tramutato prima in chiesa, poi in sede vescovile e persino in moschea, ma il danno peggiore lo ha subito nel 1687 a seguito di un bombardamento a cui fu sottoposto durante il combattimento tra veneziani e turchi che ha danneggiato irrimediabilmente il programma decorativo quasi nella totalità.

La maggior parte delle metope oggi si trova esposta al British Museum, lì portate dall'ambasciatore britannico Sir Thomas B. Elgin nei primi decenni dell'Ottocento.
Nel fregio interno di ordine dorico viene rappresentata un'unica vicenda: la processione reale che gli ateniesi compivano salendo sulla Acropoli in occasione delle feste Panatenee. Vengono rappresentate tutte le classi sociali ateniesi che convergono sul lato est del tempio, dove si conclude la sfilata. Al centro, sopra la porta principale, sono rappresentate le fanciulle vergini che offrono il peplo sacro ad Atena in presenza degli dei e degli eroi. Tutti i personaggi sono connotati da una grande serenità mentre partecipano a questo rito identitario che celebra la pace, l'opulenza e l'orgoglio che la città è riuscita ad ottenere grazie alla benevolenza divina.

Storia Partenone Acropoli di Atene

Bibliografia:
1) Arte greca. Dal decimo al primo secolo a.C., G. Bejor - M. Castoldi - C. Lambrugo, Mondadori, Milano 2013

2) Storia greca, Linee di sviluppo dall'età micenea all'età romana, D. Musti, Editori Laterza, Roma 2006.

3) Από τον λατομείο στον Παρθενώνα, M. Korres, Εκδοτικός Οίκος ΜΕΛΙΣΣΑ, Atene 2000.

4) Parthenon. Power and Politics on the Acropolis, D. Stuttard, The British Museum Press, Londra 2013.

5) Viaggio in Grecia, Attica e Megaride (I), Pausania, BUR, Milano 1991.

 

Tutte le foto sono di Cristina Provenzano.


Come venivano create le funi di 40 mila anni fa?

22 Luglio 2016

Esperimenti per dimostrare l'utilizzo del manufatto in avorio al fine di produrre funi. Photo: Copyright University of Liège
Esperimenti per dimostrare l'utilizzo del manufatto in avorio al fine di produrre funi. Photo: Copyright University of Liège

Le funi erano componenti di estrema importanza per i cacciatori raccoglitori del Paleolitico. In casi eccezionali, si è riusciti a trovare i segni lasciati dalle stesse su ceramiche, oppure li si è visti nell'arte dell'Era Glaciale.

Avorio di mammuth di 40 mila anni fa da Hohle Fels. Photo: Copyright University of Tübingen
Avorio di mammuth di 40 mila anni fa da Hohle Fels. Photo: Copyright University of Tübingen

Nella Grotta di Hohle Fels, nella Germania meridionale, si è ora ritrovato uno strumento in avorio di mammuth che potrebbe riscrivere la storia delle funi. Il reperto, intagliato con precisione e ben conservatosi, è lungo 20,4 cm e presenta quattro fori aventi diametro tra 7 e 9 cm.

Dettaglio dello strumento. Photo: Copyright University of Tübingen
Dettaglio dello strumento. Photo: Copyright University of Tübingen

Simili ritrovamenti sono stati in precedenza interpretati nei modi più vari, ma un nuovo studio dimostrerebbe come lo strumento possa essere stato utilizzato per ricavare funi a partire dalle fibre presenti nelle piante nei pressi della Grotta. Hohle Fels è già un sito celebre e di grande importanza, e con quelli vicini è stato nominato per la lista UNESCO dei siti patrimonio dell'umanità.

Il contesto dello strumento. Agosto 2015. Photo: Copyright University of Tübingen
Il contesto dello strumento. Agosto 2015. Photo: Copyright University of Tübingen

Leggere di più


I reperti in osso, corno e avorio dal sito di Sungir

14 Aprile 2016

Strumenti per la caccia. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova
Strumenti per la caccia. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova

Gli strumenti in osso e avorio dal sito di Sungir, nei pressi della città russa di Vladimir, sono stati oggetto di studio da parte degli archeologi dell'Università Statale Lomonosov di Mosca.
Il sito a cielo aperto di Sungir risale al Paleolitico Superiore, e fu scoperto nel 1956: si ritrovò allora un complesso funerario con due tombe, ciascuna delle quali conteneva due sepolture. Molti i reperti ritrovati allora, tra i quali grani di collane in avorio, braccialetti, lance.  Sulla base dei materiali biologici ritrovati, il sito viene datato tra il 28,800 ± 240 e il 25,500 ± 200 prima del tempo presente. Secondo altri dati, avrebbe 30 mila anni.
Credit: Fonte: Taisiya Soldatova
Credit: Fonte: Taisiya Soldatova

In un nuovo studio, pubblicato sul digest della Hugo Obermaier Society for Quaternary Research and Archaeology of the Stone Age, si sono presi in esame 171 reperti in avorio, osso, corna. Si tratta di diversi strumenti per il lavoro e per la caccia, oltre a materiali di scarto, ma gli archeologi si sono soprattutto soffermati a studiare gli ornamenti.
Strumenti in avorio. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova
Strumenti in avorio. Credit: Fonte: Taisiya Soldatova

Sono risultate differenze nei manufatti prodotti con diversi materiali: quelli in avorio erano meglio formati di quelli in osso o corna, e nessuno strumento in avorio era usato per le attività casalinghe. In avorio erano solo armi da caccia, oggetti d'arte e ornamenti. Tre oggetti in avorio potevano essere considerati degli strumenti, e però in quanto ritrovati in un contesto funerario potevano avere un significato simbolico.
Sulla base di queste peculiarità, gli studiosi hanno perciò potuto suggerire paralleli con i siti europei dell'Aurignaziano.
Leggere di più


L'Ambasciata Egiziana in Germania riceve una statuetta in avorio

9 Febbraio 2016

L'Ambasciata Egiziana in Germania riceve una statuetta in avorio

————————————————————————————————————
12651270_461234037415079_3613049109040188448_n
L'Ambasciata Egiziana a Berlino ha ricevuto una statuetta in avorio risalente al settimo o all'ottavo secolo, come passo preliminare per il suo rimpatrio nel luogo di origine. La statuetta fu contrabbandata fuori dall'Egitto nel 2013, a seguito dello stato di insicurezza che seguì la rivoluzione del 25 Gennaio. Così ha affermato il dott. Eldamaty, Ministro delle Antichità.

Il Supervisore Generale del Dipartimento delle Antichità Rimpatriate, Sha'ban Abdel-Gawad, ha aggiunto che il Ministero delle Antichità in collaborazione col Ministero Egizio degli Esteri e altre autorità interessate è riuscito a impedire la vendita della statuetta dopo la sua esposizione presso la Aton Gallery in Germania. La statuetta di 4,8 cm (NdT: aggiunto riferimento ai cm di altezza, che pareva il più plausibile) - ha aggiunto Abdel-Gawad - è stata rubata da un magazzino archeologico nell'Assuan e rappresenta un uomo in piedi che tiene un cervo o una gazzella sulle sue spalle.

Link: Ministry of Antiquities – Egypt
Traduzione dal Ministero delle Antichità Egizie. © Ministry of Antiquities: scritto da Asmaa Mostafa, tradotto da Heman Hossni. Il Ministero delle Antichità Egizie non è responsabile dell’accuratezza della traduzione in Italiano. Foto del Ministero delle Antichità Egizie.


Un mammuth segnala la presenza umana nell'Artico 45 mila anni fa

15 Gennaio 2016

Fino ad oggi, le prime prove della presenza umana nell'Artico dell'Eurasia risalivano a 30 - 35 mila anni fa. Una carcassa di mammuth congelato, con segni di ferite dovute a strumenti litici impiegati nella caccia, testimonierebbe la presenza umana nell'Artico siberiano ben dieci millenni prima di quanto ritenuto finora, e cioè 45 mila anni fa.

La carcassa presenta segni sulla mandibola, e dovuti ad armi acuminate (probabilmente lance) tra le costole, oltre a un buco nel cranio. Segni ci sono pure sulla zampa e sulle ossa della spalla. Tagli presso la zanna destra indicano che si tentò di rimuoverla, probabilmente per ricavarne strumenti in avorio. Il mammuth aveva circa 15 anni al momento dell'uccisione.
Il sito si trova nei pressi della Baia di Yenisei del Mare di Kara, e recentemente un osso di lupo coevo segnalò pure l'attività di caccia umana ad est. Probabilmente si trattava inoltre di appartenenti alla nostra specie, più che di Neanderthal.
Leggere di più


L'origine islandese dei pezzi degli scacchi di Lewis

28 Settembre 2015
800px-Chess01
I pezzi degli scacchi di Lewis (o di Uig), ritrovati nella baia di Uig dell'isola di Lewis, nelle Ebridi, in Scozia, sono attualmente considerati di origine norvegese.
Tuttavia, c'è chi supporta invece l'origine islandese degli stessi, a partire dal fatto che solo in Islanda ci si riferiva alla figura dell'alfiere come a quella del vescovo (come si fa tuttora in Inglese, chiamandoli con la parola bishop). La datazione delle ossa di tricheco ritrovate nella penisola di Snæfellsnes ad almeno 2200 anni fa, fa supporre l'esistenza di una colonia dell'animale sull'isola fino all'arrivo dei Vichinghi, e supporterebbe l'origine islandese dei pezzi degli scacchi di Lewis.
Link: Iceland Magazine; Visir.isThe British Museum
Alcuni dei pezzi degli scacchi di Lewis dal Museo Nazionale di Scozia, foto di Christian Bickel, da WikipediaCC BY-SA 2.0 de, caricata da Fingalo.
 


Le zanne di tricheco dietro la colonizzazione vichinga di Islanda e Groenlandia?

24 Settembre 2015
Noaa-walrus22
L'avorio delle zanne del tricheco e le corde prodotte con la pelle dell'animale erano delle merci molto richieste, mille anni fa. Ma lo erano al punto da determinare, da parte dei Vichinghi, la colonizzazione di Groenlandia e Islanda?
Gli Archeologi si pongono la domanda da anni. Un nuovo studio esamina la possibilità, chiedendosi: dove veniva catturato l'animale? Si consideri che, biologicamente, l'animale nelle due aree è identico. Gli autori hanno perciò utilizzato un metodo relativamente nuovo, e cioè quello di utilizzare lo stronzio per determinare i movimenti dell'animale: come si è già fatto per l'ormai celebre Ragazza di Egtved. Il metallo infatti si trasmette col cibo e l'acqua, e in molti paesi si presenta in modo diverso, permettendo così di ricavare ulteriori informazioni.
In Islanda, i ritrovamenti di ossa e avorio nei primi insediamenti vichinghi, nel sud est dell'isola, suggeriscono un notevole sfruttamento dell'animale. In Groenlandia (colonizzata tre o quattro generazioni dopo), la situazione è più complessa: si potrà capire l'importanza di queste attività analizzando i reperti prodotti in zanna di tricheco conservati nei vari musei.
Leggere di più