acari Giampaolo Rugo

La Roma di Giampaolo Rugo in Acari, commedia umana della malinconia

Acari, il romanzo corale, cesellato attraverso dei racconti di Giampaolo Rugo, mi è piaciuto così tanto che ho voluto coniare una nuova definizione di narrativa. Acari è un romanzo tegumentale, composto di più rivestimenti epidermici, e si lascia scarnificare fino a mettere a nudo ciò che si nasconde sotto l'epitelio. L'essere umano nella sua cloaca di sentimenti, emozioni, tradimenti e mostri invisibili. Come gli acari, assassini invisibili che rosicchiano micron di noi stessi.

Roma è un gigante pantagruelico, enorme e titanico e affamato di disastri umani. Il romanzo di Rugo fagocita ogni cosa, lo fa attraverso i fotogrammi di esistenze strampalate, bizzarre o forse normalissime, incatenate a un finto libero arbitrio che invece di salvare offre un ventaglio di condanne diverse. Non è semplice parlare di un romanzo polifonico modellato attraverso più narrazioni, si rischi di dire troppo, o troppo poco. Ma una cosa è certa, ogni personaggio è un portatore sano di sconfitte, tradimenti, idiosincrasie, traumi e amputazioni interiori. La Roma di Rugo è balzachiana, umorale e acida come ogni uomo sulla terra, ma incantata e comica come i ritratti della  Commedia Umana dell'autore francese.

Acari Giampaolo Rugo
La copertina del romanzo Acari di Giampaolo G. Rugo, pubblicato da Neo. Edizioni (2021)

Seppur molti episodi raccontati rasentino un assurdo surrealista, ultracomico  (perché grotteschi), Rugo con eleganza stilistica e una certa professionalità invece racconta qualcosa di ultrarealista, somministrando ai suoi lettori droghe letterarie a base di paradossi ironici, verve romana e il cinismo degli sconfitti. Degli ultimi.

Seppur Roma sia sempre presente, alla fine manca un orientamento, non meramente topografico o iconico, visivo. Rugo ci disorienta, è un narratore infedele che vuole farci perdere il senso delle cose, in questo spaesamento urbano e narrativo siamo come i protagonisti dei racconti. Persi, perduti, sacrificabili. Questa perdita del centro metropolitano è in parallelo alla destrutturazione delle coordinate narrative, perché i racconti sono legati ma non riusciamo a scorgere a quale fulcro essi gravitano. Lo scopriremo leggendo, rileggendo, forse spogliandoci della nostra stessa pelle, fino a sentire il silenzio degli acari.

acari Giampaolo Rugo
Foto di wendy CORNIQUET

In Acari, Giampaolo Rugo fonde malinconia e bellezza, struggimento e nonsense, incanto e perdita, dolcezza e morte. In questo gioco di specchi e istanze nostalgiche io sono riuscito a interrogarmi nuovamente sul significato di libertà. Mi sono risposto che raccontare significa non essere prigionieri.

Acari è l'ennesima scommessa vinta di Neo. Edizioni

 

Il libro recensito è stato cortesemente fornito dalla casa editrice.


polpette e altre storie brevissime Jacopo Masini

I miracoli dell'editoria indipendente: Polpette e altre storie brevissime di Jacopo Masini

Per strane combinazioni del destino un libro stupendo, Polpette e altre storie brevissime si è incuneato nella mia libreria, ma prima di farlo si è ritagliato un posto singolare tra i ventricoli palpitanti del mio cuore. Jacopo Masini lo conoscevo come uno dei responsabili di Saldapress, squisita casa editrice di fumetti, ma non ero certo pronto al suo lato di scrittore (e divulgatore, insegnante, comunicatore).

polpette e altre storie brevissime Jacopo Masini
Copertina di Polpette e altre storie brevissime, di Jacopo Masini, pubblicato da Del Vecchio Editore (2020), con illustrazioni di Rossana Capasso e progetto grafico di Maurizio Ceccato

Polpette e altre storie brevissime, edito da Del Vecchio Editore, è stata una scoperta a dir poco straordinaria. Prendendo in prestito dalla tradizione favolistica italiana, dai racconti di Malerba, dagli apologhi o le massime di grandi moralisti, Masini instaura uno storytelling del tutto personale e inedito, una contro-narrazione del minimalismo. Serpeggia il cinismo delle agre centurie manganelliane, ma anche le stoccate satiriche e sprezzanti dei grandi aforisti; ma questi sono soltanto echi, tributi, rimaneggiamenti di un patrimonio letterario grande quanto la storia umana stessa. Il titolo alimentare non fa che evidenziare la struttura gastro-consequenziale del libro, una volta ingerita una polpetta di Masini non si può far a meno di concludere il libro. E come tutte le polpette riservano sorprese, da quelle piccanti e speziate a quelle bianche sfumate col vino, per poi finire a quelle spadellate col burro e salvia. Storie brevi, lapidarie, laconiche a volte, legate da un etereo nesso di meraviglia e follia.

 

Masini racconta amore, separazioni, struggimento emotivo, ma anche un mondo allucinato e allucinante, onirico e spiazzante. Un fantastico conturbante e sfumato prende piede in micro-racconti pindarici e a volte oscuri, una delizia per il palato del lettore che rifugge il realismo pragmatico.  Masini spintona il lettore in pozzanghere di affanni linguistici, lo stimola e lo sfida alla comprensione del più sottile significato, lo estrania con la sinteticità di quelle cinque o sei righe che nascondono un macro-cosmo travestito da mini costruzioni narrative. Un po' appare la Commedia umana di Balzac che nasconde al suo interno un campionario di individui, maschere e archetipi umani che vanno irrisi o compatiti; Masini costruisce la sua personale galleria di personaggi, vicini all'Assurdo di Beckett, proponendo un tagliere di generi letterari che spaziano dal weird all'orrore fiabesco, dal fantastico fino al no-sense postmoderno.  Le polpette sono acrobazie di semplicità narrante, afferrano il cuore e lo legano al senso profondo della parola, del lemma, del campo semantico. Non si sfugge alla metodica coercizione di Masini, le sue storie hanno echi lontani, ctoni e arcaici che ci intrappolano in dedali senza fine.

 

Polpette e altre storie brevissime è in definitiva una prova di scrittura capace di stupire, innamorare e far cambiare idea a coloro che non amano gli scrittori italiani. Invito tutti a sfogliare questo campionario di bellezze esplosive, a conoscere Del Vecchio Editore, che confeziona libri meravigliosi nel contenuto e nella resa materiale, e consiglio a chiunque di esplorare l'editoria indipendente, per non lasciarsi schiacciare dal peso nevrotico delle massicce campagne pubblicitarie. Proprio tra i tanti "best seller", "libri dell'anno", ecc. troverete chi nella scrittura ci crede davvero. Uno di loro è Jacopo Masini.

polpette e altre storie brevissime
Jacopo Masini, autore, sceneggiatore di fumetti, insegnante di scrittura creativa. Credits: Jacopo Masini

 


Tutto il tempo del mondo Michael Girst

Ti prego, solo un altro minuto

Recensione del libro di Thomas Girst, Tutto il tempo del mondo

Forse non c’è più tempo. Se solo lo avessi detto, fatto, pensato prima. Sono tanti i se che hanno il potere di suscitare nel nostro Io più profondo un pathos sincero, fatto di autentico smarrimento e malinconia. Sono le possibilità a cui ci aggrappiamo quando tutto sembra scivolarci dalle mani, infiltrarsi nella pelle; probabilità di un tempo condensato che non fu mai ma che avrebbe potuto, che crediamo ci avrebbe cambiati e a cui avremmo resistito con forza e generosità. Di fatto, un tempo che non conosciamo, che ci è ignaro e al quale neanche volendo potremmo dare ascolto.

Thomas Girst, manager culturale di BMW, ha scritto un libro per add editore intitolato proprio Tutto il tempo del mondo dedicato a questo continuo inseguire.

Copertina del libro di Thomas Girst, Tutto il tempo del mondo, add editore (2020), con traduzione di Daniela Idra e illustrazione di copertina di Marta Giunipero, pp. 192, Euro 16

Un libro compiuto che cerca l’incompiuto e qualunque altra opera che al tempo è riuscita con creatività e ingegno a resistere e ad esistere ancora. Un libro che fosse un aiuto per sé stesso, come ammette nella prefazione. “Un aiuto in un mondo in cui il brutto, a quanto pare, si sta diffondendo sempre più rapidamente e il bello sembra aver bisogno di protezione”, scrive nell’anticipare i suoi ventotto racconti. I personaggi non seguono un filo lineare né geografico, Girst riesce a far dialogare Shakespeare con Dostoevskij mentre poche parole più in là cita Google, la salvaguardia dell’ambiente, la guerra in Vietnam. È un saliscendi attraverso la storia e le storie di tanti che come noi ogni giorno tentano di superare il presente. Con un po' di pazienza troviamo Proust, gli antichi Egizi, Borges e poi ci sono gli incompiuti che hanno lasciato dietro di sé più di qualche ombra come Michelangelo, Tiziano, Rodin, Balzac.

“Le cose buone richiedono tempo, si sa” scrive ancora. Le frasi che leggiamo possano trovarsi al confine proprio mentre il tempo passa per scorgere le variazioni, per ammirarle o impedirle. Solo in 639 anni l’opera di John Cage smetterà di suonare, esempio virtuoso che comporta l’infinito per essere compreso da tutti anche se ognuno ne ascolterà solo una parte.

Quelli che Girst propone sono viaggi piccoli ma distesi che esigono di essere accolti per recuperare quel valore che nel tempo sappiamo aver sempre avuto e che con il tempo hanno tuttavia perduto.

Thomas Girst, Tutto il tempo del mondo, add editore 2020, pp. 192, Euro 16.

Foto di Arek Socha

Il libro recensito è stato cortesemente fornito dalla casa editrice.