Venezia, convegno: "Il Ghetto come metafora globale"

Un convegno internazionale a Venezia il 12 luglio promosso da Università Ca’ Foscari e Princeton University

IL GHETTO COME METAFORA GLOBALE

Evento nell’ambito del cinquecentenario del Ghetto

Cà_Foscari_from_San_Toma'
Il Ghetto fuori dal Ghetto, una ‘metafora globale’ che esce dalla specificità veneziana ed ebraica che viaggia nel tempo e nel mondo, diventando luogo della coscienza. Questo il focus del convegno internazionale in programma a Venezia Ca' Dolfin il 12 luglio e promosso dall’Università Ca’ Foscari Venezia e da Princeton University.
Da luogo fisico e della memoria a luogo della coscienza, una giornata di incontro tra studiosi e discipline per discutere dei significati comparativi del Ghetto e delle sue possibili declinazioni odierne
“The Ghetto as Global Metaphor. An international Symposium”
Convegno internazionale nell’ambito delle manifestazioni dedicate al  cinquecentenario della fondazione del Ghetto di Venezia
Leggere di più


“Il Mercante di Venezia” di scena in Laguna

Dal 26 al 31 luglio l’opera di Shakespeare viene per la prima volta messa in scena in Campo del Ghetto a Venezia dove è idealmente ambientata. Il 12 luglio a Ca’ Dolfin il convegno “The Ghetto as Global Metaphor. An international Symposium”

“IL MERCANTE DI VENEZIA” DI SCENA IN LAGUNA

SEI SPETTACOLI DAL 26 LUGLIO ALL’1 AGOSTO

Da un’idea dell’Università Ca’ Foscari e Compagnia de’ Colombari in partnership con il Comune di Venezia e il brand The Merchant of Venice. Biglietti in vendita sul sito http://www.themerchantinvenice.org

Cà_Foscari_from_San_Toma'

VENEZIA –  Shylock ‘ritorna’ nel Ghetto, 500 anni dopo, e si fa in cinque. Il quartiere ebraico più antico del mondo, a Venezia, diventa un esclusivo palcoscenico, per cinque magiche notti di luglio, eospiterà per la prima volta nel Ghetto (dove l'opera è idealmente ambientata) Il Mercante di Venezia, la celebre opera di Shakespeare scritta alla fine del Cinquecento. Per il personaggio principale, l’ebreo Shylock, la regista Karin Coonrod metterà in scena cinque diversi attori in cinque differenti scene.

Leggere di più


Cultura, Impresa, Territorio. L’esperienza di Palazzo Mocenigo tra pubblico e privato: il percorso del profumo

Cultura, Impresa, Territorio. L’esperienza di Palazzo Mocenigo tra pubblico e privato: il percorso del profumo

Venerdì 1 luglio 2016, ore 16.00-19.00

Ca' Dol­fin, Aula Magna Silvio Trentin, Ca' Foscari

Dorsoduro 3825/e - 30123

Cà_Foscari_from_San_Toma'
VENEZIA –  Il ruolo dell'arte e della cultura nello sviluppo sociale ed economico del nostro Paese e il rapporto pubblico-privato nella promozione e sostenibilità del patrimonio culturale, tangibile ed intangibile, sono negli anni recenti al centro di un'attenzione sempre crescente. La partnership tra Fondazione Musei Civici di Venezia e MAVIVE s.p.a. che ha dato vita ai percorsi sul profumo di Palazzo Mocenigo costituisce una "caso" di particolare interesse e significato: in esso, e attorno ad esso, si sono infatti sviluppate numerose attività e progetti che hanno coinvolto - e coinvolgono - istituzioni culturali, la ricerca universitaria, il tessuto imprenditoriale, sia della città che in ambito più vasto.
Il m.a.c.lab (Laboratorio di Management delle Arti e della Cultura - Dipartimento di Management di Ca' Foscari) propone un’occasione di riflessione su un'esperienza che può costituire un "modello" da replicare.
L’evento “Cultura, Impresa, Territorio. L’esperienza di Palazzo Mocenigo tra pubblico e privato: il percorso del profumo” si terrà venerdì 1 luglio dalle 16 a Ca’ Dolfin.
Leggere di più


Venezia: prorogata l'installazione di Joseph Kosuth all'Università Ca' Foscari

PROROGATA SINO AL 30 SETTEMBRE L’INSTALLAZIONE SITE SPECIFIC DI JOSEPH KOSUTH PER L’AULA BARATTO DELL’UNIVERSITÀ CA’ FOSCARI

“TO INVENT RELATIONS (FOR CARLO SCARPA) 2016”

Cà_Foscari_from_San_Toma'
 
Dopo il grande successo di pubblico registrato nelle giornate di inaugurazione della 15. Biennale di Architettura di Venezia, To Invent Relations (for Carlo Scarpa) 2016,l’installazione site specifc realizzata da Joseph Kosuth per l’Aula Mario Baratto dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, sarà prorogata sino al 30 settembre 2016. 
Leggere di più


Art Night Venezia, al via oggi la sesta edizione

Sabato 18 giugno, alle ore 18, si apre la manifestazione ideata e coordinata da Ca’ Foscari in collaborazione con il Comune di Venezia: musei, istituzioni culturali, teatri, librerie, gallerie.

Eventi gratuiti in tutta la città

ART NIGHT VENEZIA, AL VIA LA SESTA EDIZIONE

L’ARTE LIBERA LA NOTTE E RADDOPPIA

Alle 18.30 la performance di Sissi dal rinnovato spazio di Ca’ Foscari

alle 22.00 Massimiliano Finazzer Flory con “Essere Leonardo da Vinci. Un’intervista impossibile”.

Domenica 19 giugno, dalle 7 alle 13, appuntamento a San Servolo con Oliviero Toscani

Cà_Foscari_from_San_Toma'
VENEZIA – L’arte torna a liberare la notte, sabato 18 giugno, per la sesta edizione di Art Night Venezia, lamanifestazione ideata e coordinata dall’Università Ca’ Foscari Venezia in collaborazione con il Comune di Venezia, da tempo entrata nel calendario ufficiale delle Notti dell’arte europee. Leggere di più


Art Night Venezia, al via la sesta edizione

Sabato 18 giugno, alle ore 18, si apre la manifestazione ideata e coordinata da Ca’ Foscari in collaborazione con il Comune di Venezia: musei, istituzioni culturali, teatri, librerie, gallerie.

Eventi gratuiti in tutta la città

ART NIGHT VENEZIA, AL VIA LA SESTA EDIZIONE

L’ARTE LIBERA LA NOTTE E RADDOPPIA

Alle 18.30 la performance di Sissi dal rinnovato spazio di Ca’ Foscari alle 22.00 Massimiliano Finazzer Flory con “Essere Leonardo da Vinci. Un’intervista impossibile”.

Domenica 19 giugno, dalle 7 alle 13, appuntamento a San Servolo con Oliviero Toscani

Cà_Foscari_from_San_Toma'

VENEZIA – L’arte torna a liberare la notte, sabato 18 giugno, per la sesta edizione di Art Night Venezia, lamanifestazione ideata e coordinata dall’Università Ca’ Foscari Venezia in collaborazione con il Comune di Venezia, da tempo entrata nel calendario ufficiale delle Notti dell’arte europee.
Leggere di più


Riti sacri col vino già 5000 anni fa in Georgia

RITI SACRI COL VINO GIÀ 5000 ANNI FA

IN GEORGIA, CULLA DELLA VITICULTURA

Missione archeologica italo-georgiana di Ca’ Foscari in collaborazione con il Museo Nazionale di Tbilisi scopre polline di vite in un vaso zoomorfo usato per rituali dalle popolazioni Kura-Araxes

1_Ritrovamento del vaso

VENEZIA – La missione archeologica dell’Università Ca’ Foscari Venezia in Georgia ha scoperto tracce di vino in un vaso a forma di animale datato intorno al 3000 a.C., portato alla luce in un ambiente probabilmente dedicato al culto. Sono stati trovati nel recipiente numerosi grani ben conservati di polline di Vitis vinifera, la vite comune.

Il vaso è stato rinvenuto nel sito archeologico di Aradetis Orgora nella provincia di Shida Kartli, a circa 100 chilometri da Tbilisi. Gli archeologi confermano dunque l’ipotesi che il vino avesse un ruolo centrale nella cultura detta Kura-Araxes, tanto da essere utilizzato anche in libagioni rituali.

La scoperta, giunta dopo le analisi svolte dalla palinologa georgiana Eliso Kvavadze, è annunciata dalla missione archeologica italo-georgiana co-diretta dall’archeologa cafoscarina Elena Rova e da Iulon Gagoshidze del Museo Nazionale Georgiano di Tbilisi. Oltre al polline di vite, la palinologa ha rilevato la presenza di pollini provenienti da numerose altre piante, che sono tutt’ora in corso di studio.

Il vaso, purtroppo privo di testa, ha un corpo a forma di animale, con tre piedini, ed è dotato, nella parte posteriore, di un foro per versare liquidi. È stato rinvenuto assieme ad un secondo esemplare di forma simile e ad una giara sul pavimento bruciato di un grande ambiente di forma rettangolare con angoli arrotondati, verosimilmente dedicato al culto. I risultati delle analisi effettuate con il metodo del carbonio-14 confermano la datazione dei reperti al 3000-2900 a.C. circa. I due recipienti zoomorfi sono fino ad oggi privi di paralleli nella regione.

«L'aspetto più interessante è il contesto di rinvenimento - commenta Elena Rova, professoressa al Dipartimento di Studi Umanistici di Ca’ Foscari -: non si tratta di vasi comuni, ma di vasi con funzione rituale, che non hanno paralleli conosciuti. Reperti e ambiente ci fanno pensare a libagioni che avvenivano attingendo il vino dalla giara e poi versandolo in onore della divinità, o condividendolo tra i partecipanti alla cerimonia».

La scoperta è di grande rilevanza per la Georgia. Nel Neolitico, la regione fu tra i luoghi di domesticazione della vite e ancor oggi vanta una rinomata produzione vitivinicola. L’importanza culturale del vino originata oltre 5000 anni fa in epoca Kura-Araxes arriva fino ai giorni nostri: nei banchetti tradizionali georgiani (i cosiddetti supra) è infatti d'uso consumare del vino da bicchieri ricavati da corni di animale in un contesto di brindisi rituali.

La Kura-Araxes (seconda metà del IV - inizi del III millennio a.C.) è l'unica cultura preistorica di origine sud-caucasica che si diffuse, per ragioni ancora dibattute, negli altri paesi del Vicino Oriente, raggiungendo l'Iran e la regione siro-palestinese.

La missione cafoscarina ad Aradetis Orgora è partita nel 2013 ed è sostenuta dal Ministero per gli Affari Esteri e la Cooperazione internazionale. La campagna 2015, durante la quale sono stati rinvenuti i vasi, ha coinvolto 27 persone tra ricercatori e studenti di entrambi i paesi, oltre a collaboratori locali. La campagna 2016 inizierà il 17 giugno e proseguirà fino alla fine di luglio.

Testo e immagine dall’Ufficio Comunicazione Università Ca’ Foscari Venezia.


Venezia: la Notte dell'Arte fa mattina

Sabato 18 giugno torna Art Night Venezia, la notte dell’arte organizzata da Ca’ Foscari con il Comune di Venezia, con una grande novità

LA NOTTE DELL’ARTE ‘FA’ MATTINA

ALLE 7 DI DOMENICA TUTTI IN BLU PER LA COLAZIONE

A SAN SERVOLO

Il progetto s’ispira alle famose cene in bianco, che spopolano in Italia e all’estero. In programma laboratori per bambini e un incontro con Oliviero Toscani. A sorteggio gadget firmati Malìparmi

IMG_8428

VENEZIA – Sabato 18 giugno la Notte dell'Arte veneziana, organizzata da Ca' Foscari in collaborazione con Comune di Venezia, torna con un’edizione al raddoppio: l’ultimo evento della Notte, “Le petit déjeuner en blu - Indigo Mix Jacquard Malìparmi”, sarà un pic-nic che si terrà domenica 19 giugno dalle ore 7 nella splendida cornice dell’Isola di San Servolo. La partecipazione è su iscrizione, riservata ai primi 200 che scriveranno a [email protected]. In palio tovaglie e cuscini firmati Malìparmi.
Leggere di più


Venezia: Convegno Internazionale sulla faida come risoluzione dei conflitti

All’Università Ca’ Foscari tre giorni di convegno internazionale sul sistema della FAIDA, 9-11 giugno

LA FAIDA COME RISOLUZIONE DEI CONFLITTI DAL MEDIOEVO ALL’ETA’ MODERNA. FOCUS SULLA VENEZIA DEL XVI-XVII SECOLO

Punto di partenza del convegno è il progetto di ricerca cafoscarino del Prof. Darko Darovec, finanziato dalla UE con borsa ‘Marie Curie’

Cà_Foscari_from_San_Toma'
VENEZIA –  Vendetta chiama vendetta. Questa regola non scritta ha da sempre rappresentato un forte rischio per le piccole comunità parentali, che per ostilità legate all’onore potevano annientarsi l’un l’altra. La faida, termine che oggi è espressione di bieca e truce violenza, ha invece rappresentato un sistema giuridico che per secoli svolse una funzione importante sul piano del controllo sociale e delle diverse rappresentazioni culturali.
Per approfondire i molteplici aspetti storico-antropologici della faida, a Ca’ Foscari si danno appuntamento per  tre giorni di convegno, FAIDA Feud and blood feud between customary law and legal process in medieval and early modern Europe (9-11 giugno, tra l’Aula Magna Silvio Trentin e Palazzo Malcanton Marcorà), studiosi ed esperti di diverse discipline provenienti dagli atenei di Warwick, York, Cambridge, Istanbul, Marsiglia, Tolosa, Barcellona, Corsica, Stati Uniti (Harvard, Duke, Northwestern University Chicago), Slovenia, Croazia e da varie università italiane.
Moltissimi aspetti legati alla faida sotto la lente degli studiosi, che analizzano anche il peculiare contesto di Venezia e dell’entroterra veneto tra il ‘500 e il ‘600, l’Istria, la Dalmazia e l’Albania. Si esamina il rapporto tra faida, vendetta, banditismo, consuetudini e procedure legali nella Terraferma veneta e nel Stato da Mar del Seicento, attraverso l’avventurosa vicenda di Zuanne delle Tavole, capo di una banda di ladri, incendiari e omicidi; si studia la vendetta popolare nella Venezia del ‘500, dove la cronaca del tempo ha ispirato una serie di testi letterari in dialetto venezianoche hanno per protagonisti rappresentanti dei più bassi strati cittadini; si indagano le manifestazioni della faida e della vendetta all’interno del patriziato veneziano.
Leggere di più


Ca’ Foscari nel portale Eduopen.org

Grande iniziativa culturale e formativa presentata oggi al Miur

CA’ FOSCARI  NEL PORTALE EDUOPEN.ORG,

DEBUTTA CON IL LINGUAGGIO CUNEIFORME

Primi 9 corsi online da oggi, altri 29 in catalogo

4 milioni di utenti italiani hanno già le credenziali

Cà_Foscari_from_San_Toma'
VENEZIA –  Da oggi sono online le prime lezioni di eduopen.org, piattaforma creata da 14 atenei pubblici italiani tra i quali l’Università Ca’ Foscari Venezia per offrire a tutti e gratuitamente l’opportunità di seguire percorsi formativi di alta qualità a distanza. I corsi Moocs (Massive open online courses) sono tenuti dai docenti universitari e prodotti dalle università. Il portale è stato lanciato oggi al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che ha sostenuto e finanziato il progetto EduOpen realizzato dagli atenei in collaborazione con i consorzi Cineca e Garr su piattaformaopen source.
Il primo corso cafoscarino in catalogo è dedicato al linguaggio cuneiforme e ha già riscosso molto interesse nella piattaforma nella versione proposta su ok.unive.it.
Leggere di più