Dopo i lavori di restauro torna fruibile Villa Regina a Boscoreale

Dopo importanti lavori di restauro e messa in sicurezza, riapre Villa Regina a Boscoreale. Il complesso fu scoperto nel 1977, a seguito di alcuni lavori edilizi, e poi portata in luce grazie a numerose campagne di scavo concluse nel 1980. Villa Regina, ad oggi, costituisce l’unica villa rustica interamente visitabile delle numerose fattorie produttive presenti sul territorio pompeiano. Il cortile scoperto ospita la cella vinaria dove sono stati trovati diciotto dolia che servivano per la conservazione del vino.

Villa Regina

L’attività principale della villa era proprio la produzione del vino. Vari sono gli ambienti pregiati della villa: il triclinio con pareti decorate in III e IV stile pompeiano, la cucina, in disuso al momento dell’eruzione con forno in muratura e focolare al centro della stanza, un vano di servizio con cisterna per la conservazione dell’acqua, un granaio per il fieno, la conservazione di cereali e legumi. Di particolare bellezza anche il torcularium con i calchi del torchio ligneo ed i fori e pozzetti per l’ancoraggio al suolo, la vasca di premitura e il contenitore per la premitura e la raccolta del mosto.

Villa Regina

La villa presentava anche un secondo piano, databile nel suo impianto originario al I secolo a.C. e ampliato successivamente in fase augustea e poi giulio-claudia. In una stradina adiacente alla villa furono trovati i solchi lasciati dalle ruote di un carro da trasporto (plaustrum), mentre il piano di calpestio dell’area circostante la villa che si data al 79 d.C. conserva le tracce  delle antiche coltivazioni da cui poi sono stati eseguiti i calchi delle radici di vite.

Un bell’esempio di stratigrafia è possibile essere visionata lungo le pareti dello scavo che mostra la successione dei depositi piroclastici che si sono alternati durante la catastrofica eruzione del 79 d.C.

Villa Regina

Con l’apertura al pubblico della villa, dal 20 settembre 2019, avranno inizio anche le visite guidate serali nell’ambito di Campania by night, progetto di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale campano promosso dalla Regione Campania, ideato e curato da Scabec. Le visite guidate in programma ogni giovedì dal 19 al 24 ottobre a partire dalle ore 19 prevedono un percorso guidate sia alla Villa che all’Antiquarium di Boscoreale che raccoglie propriamente reperti del territorio in epoca romana e alcuni reperti provenienti dalla scavo della villa.

Villa Regina

Tutte le informazioni su costi, orari e prenotazioni su www.campaniabynight.it

L’accesso alla Villa e all’Antiquarium sarà, inoltre, possibile il venerdì e il sabato sera, dalle 20,30 alle 23 (ultimo ingresso fino alle 22,45)    fino al 12 ottobre, al costo di 2€, nell’ambito dei progetti di valorizzazione del Ministero per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo.


Benevento Campania by night

Benevento. Passeggiate serali, musica e degustazioni

Benevento. PASSEGGIATE SERALI, MUSICA E DEGUSTAZIONI

itinerari tra miti e leggende di Benevento con tre figure femminili della storia e del folklore sannita

mercoledì 31 ottobre

Ultimo appuntamento mercoledì 31 ottobre con “Benevento. Passeggiate serali, musica e degustazioni”, itinerario urbano promosso dalla Regione Campania e realizzato dalla Scabec nell’ambito di Campania by Night, in collaborazione con il Polo museale della Campania-Mibac, la sezione Turismo e Tempo Libero di Confindustria Benevento, il Comune di Benevento e con il Conservatorio di Benevento “Nicola Sala”. Prevista la partecipazione del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e del Direttore del Polo museale della Campania Anna Imponente. 

Nella giornata nazionale del trekking urbano il percorso propone una speciale visita guidata teatralizzata del capoluogo sannita attraverso i suoi miti e le sue leggende, a cura dell’associazione culturale “Labirinti” e in collaborazione con il collettivo “Voci Confinanti”. Protagoniste le tre figure femminili rappresentative del folklore beneventano: la Zucculara, Iside la “Signora di Benevento” e le Streghe.

A partire dalle 19,30 sarà possibile prendere parte alla visita guidata che partirà dal Teatro Romano, sito del Polo museale della Campania; a seguire si attraverserà il quartiere storico del Triggio, legato alla figura della “Zucculara” per poi raggiungere l’Obelisco neoegizio, dove Iside attenderà i visitatori. L’Obelisco, risalente al I secolo d.C. in granito rosso con le quattro facce scolpite di geroglifici, ci restituisce una duplice devozione: quella religiosa rivolta ad Iside e quella laica destinata all’imperatore Domiziano, colui che fece costruire in città il tempio a lei dedicato.

La visita si concluderà nell’Hortus Conclusus, capolavoro di Mimmo Paladino, dove le Streghe accoglieranno gli ospiti in un’atmosfera surreale tra riti e stregonerie. Dopo la visita i musicisti del Conservatorio “Nicola Sala” intratterranno il pubblico con improvvisazioni in acustico; sarà possibile inoltre partecipare a una degustazione gastronomica tipica offerta dai produttori della filiera agro-alimentare Confindustria Benevento.

La partecipazione al percorso è gratuita. L’appuntamento è in Piazza Ponzio Telesino a Benevento, davanti il Teatro Romano alle 18.45; è consigliata la prenotazione al numero 800 600 601 da fisso e 081 19737256 (da cellulare e dall’estero).  Tutte le info su www.campaniabynight.it.

Testo e immagini Ufficio Stampa Scabec


Oplontis ed Ercolano protagonisti con Campania by Night

Proseguono gli appuntamenti con l’archeologia di notte di Campania by Night, progetto promosso dalla Regione Campania e attuato dalla SCABEC. In programma per il week end dal 12 al 14 ottobre aperture straordinarie dei siti di Oplontis ed Ercolano.

Venerdì 12 e sabato 13 nella Villa di Poppea ad Olpontis prevista la visita spettacolarizzata “Nerone e le Imperatrici” a cura de Le Nuvole/Casa del Contemporaneo, in collaborazione con il Parco archeologico di Pompei e il Comune di Torre Annunziata, con testo e regia di Rosario Sparno.

Nerone e le Imperatrici

Musica, danza e recitazione per scoprire storie e miti di duemila anni fa. Previsti tre turni di visita a sera a partire dalle ore 19,45.  Costo del biglietto € 12, per i possessori di Campania>artecard € 6.

E’ possibile acquistare i biglietti online sul sito di Ticketone fino al giorno prima dello spettacolo, in alternativa saranno messi in vendita tutti i biglietti disponibili la sera dell’evento.

Info al numero 800 600 601 - da cellulari e estero +39 081 19737256. E’ consigliabile recarsi al sito 15 minuti prima del proprio turno di visita.

Paerco Tour - Impronta della testa-ritratto di Marco Nonio Balbo, rimasta impressa sulla volta d ello stretto cunicolo alle spalle del frons scaenae, in prossimità del pozzo di Nocerino.

Sabato 13 e domenica 14, in programma Paerco Tour, riapertura in via sperimentale del Teatro antico di Ercolano al termine dei lavori di messa in sicurezza e dopo vent’anni dalla chiusura. Sepolto dall’eruzione del 79 d.C., fu il primo monumento ad essere scoperto nei siti vesuviani colpiti dal cataclisma. Fin dalla sua scoperta, suscitò grande interesse, nel corso del Settecento e dell’Ottocento, da parte dei colti viaggiatori che giungevano a Napoli da ogni parte d’Europa e diventò una tappa del Grand Tour. Il costo del biglietto è di 15 euro e 10 euro (per ragazzi con età compresa tra i 18 e i 30 anni e i possessori delle card di Campania>artecard). I biglietti sono acquistabili in prevendita sul sito Ticketone e, se disponibili, anche la sera dell’evento presso la biglietteria del Parco. Consultare il sito www.campaniabynight.it per tutte le indicazioni sul percorso.