Disputa legale e diplomatica tra Spagna e Colombia per il tesoro del San José

15 Dicembre 2015
800px-Samuel_Scott_3
Com'era prevedibile, il ritrovamento degli oltre 11 milioni di dobloni d’oro, di pietre preziose e gioielli del relitto del San José ha condotto Spagna e Colombia (e la società americana Sea Search Armada) a una disputa legale e diplomatica internazionale.
La Spagna si è appellata alla Convenzione UNESCO sulla Protezione del Patrimonio Culturale Subacqueo (del 2 Novembre 2001), che afferma che i relitti militari appartengono alla nazione di origine. La Colombia, tuttavia, non è firmataria della Convenzione.
Il San José non è però soltanto un tesoro, è anche un cimitero di guerra (solo 11 dei 600 membri dell’equipaggio sopravvissero), e un sito di estremo interesse per gli archeologi. E la suddetta Convenzione sottolinea la necessità di preservare il patrimonio culturale relativo a tesori, relitti e beni culturali sott'acqua.
Link: Live Science; abc.esArchaeology News Network via AFP; UNESCO 1, 2.
Combattimento navale a largo di Cartagena, 1708, dipinto di Samuel Scott (Source=David Cordingly et autres, Pirates, terror on the High Seas – from the Caribbean to the South China Sea), da WikipediaPublic Domain, caricata da Sir Ignel.


Ritrovato il tesoro del Galeone San José

7 Dicembre 2015
800px-Samuel_Scott_3
Si sarebbe ritrovato il relitto del galeone spagnolo San José, costruito nel 1696 e affondato nel 1708 durante la Battaglia di Barú, al largo della costa di Cartagena, in Colombia.
La Battaglia di Barú ebbe luogo l'8 Giugno 1708, nell'ambito della Guerra di Successione Spagnola (1701-1714). Lo squadrone di quattro vascelli inglesi, guidati da Charles Wager, si scontrò con la flotta spagnola, composta da quattordici navi mercantili, una urca e tre navi da guerra. Il San José era guidato dal Comandante della flotta, il Capitano José Fernández de Santillán. Il Galeone affondò improvvisamente, dopo l'abbordaggio: solo 11 dei 600 membri dell'equipaggio sopravvissero. Gran parte del tesoro trasportato dalla flotta spagnola era concentrato sulle tre navi maggiori, tra le quali proprio il San José.
E si tratta di uno straordinario tesoro: oltre 11 milioni di dobloni d'oro, pietre preziose e gioielli. Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha parlato del più grande tesoro della storia. Non si fatica a comprendere il sorgere di una complessa disputa internazionale che vede da una parte la Spagna, dall'altra la Colombia, e dall'altra la società americana Sea Search Armada (Ssa) che individuò l'area del relitto nel 1981.
Il relitto sarebbe stato identificato grazie ai cannoni in bronzo dalla caratteristica forma a delfino, da esperti dell'Istituto Colombiano di Antropologia e Storia (Icanh), coadiuvati dalla Marina Militare. La scoperta sarebbe stata effettuata il 27 Novembre, secondo quanto nel comunicato del Presidente Santos. Secondo un comunicato successivo, il galeone non sarebbe inoltre esploso, come finora ritenuto.
Ci vorranno diversi anni per recuperare i reperti dal relitto. Del galeone si parla anche nel romanzo di Gabriel Garcia Marquez, L'amore ai tempi del colera.
https://twitter.com/JuanManSantos/status/673177850732609536
Link: Presidencia de la República - Colombia 1, 2ANSA; Live Science 1, 2EuronewsCNN; The Guardian; NPRRepubblica.it; La Stampa; Huffington PostGiornalettismo; TG COMScience Daily via Newsy
Combattimento navale a largo di Cartagena, 1708, dipinto di Samuel Scott (Source=David Cordingly et autres, Pirates, terror on the High Seas - from the Caribbean to the South China Sea), da WikipediaPublic Domain, caricata da Sir Ignel.
 


Colombia: resti di una nave affondata dall'Ammiraglio Blas De Lezo

20 Luglio 2015
800px-Don_Blas_de_Lezo_-Museo_Naval-
Ritrovati in Colombia i resti di una nave mercantile affondata nel 1741 dall'Ammiraglio spagnolo Blas De Lezo, nel tentativo di bloccare l'invasione inglese a Cartagena de Indias. L'Ammiraglio al tempo affondò navi nei canali di Bocachica e Castillo Grande, per impedire il passaggio del nemico. Il cannone ritrovato, non funzionale, sarebbe di origine spagnola.
Link: Fox News Latino, Archaeology News Network via EFE
L'Ammiraglio Blas De Lezo, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Túrelio (Unknown - http://picasaweb.google.com/lh/photo/fGC0dqjiRlMOZCx53vdTNw).
 


Colombia: pitture rupestri dal Parco Nazionale di Chiribiquete

20 Giugno 2015
Chiribiquete_view
Pitture preistoriche rupestri sono state ritrovate su una facciata verticale nel Parco Nazionale Naturale di Chiribiquete, in Colombia. Si tratta di un'area molto remota e ancora in gran parte inesplorata: alle pitture potrebbero datare addirittura a 20 mila anni fa, e raffigurano animali come giaguari, coccodrilli, cervi, capibara, serpenti e formichieri.
Link: The Guardian
Un tepui dal Parco Nazionale Naturale di Chiribiquete, foto di Carlos Castaño Uribe, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Morray.