Dalla Regio V di Pompei torna alla luce un affresco con gladiatori

“Il sito archeologico di Pompei, fino a qualche anno fa, era conosciuto nel mondo per la sua immagine negativa: i crolli, gli scioperi e le file dei turisti sotto il sole. Oggi è una storia di riscatto e di milioni di turisti in più. Oggi è un sito accogliente, ma soprattutto è un luogo in cui si è tornati a far ricerca, attraverso nuovi scavi. La scoperta di questo affresco dimostra che davvero Pompei è una miniera inesauribile di ricerca e di conoscenza per gli archeologi di oggi e del futuro”. Commenta così la nuova scoperta nel sito archeologico di Pompei, il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini.

https://www.youtube.com/watch?v=NvmRXTWRuYw

 

A darne l'annuncio il direttore Massimo Osanna che rivela la scoperta di un affresco con gladiatori da un'attività commerciale della Regio V, probabilmente una bottega. Un mirmillone e un trace, una coppia nota nei combattenti tra gladiatori in una città come Pompei così apertamente votata a questo tipo di spettacoli, vista la presenza di uno degli anfiteatri più famosi e antichi al mondo.

Affresco gladiatori. Foto: Parco archeologico di Pompei

Su uno sfondo bianco, delimitato su tre lati da una fascia rossa, così si compone la scena trapezoidale rinvenuta in un ambiente alle spalle dello slargo di incrocio tra il Vicolo dei Balconi e il Vicolo delle Nozze d'Argento, probabilmente un sottoscala. Al di sopra della pittura si intravede anche l'impronta della scala lignea, facendo ipotizzare la presenza di ambienti superiori forse alloggi per il proprietario o per l'esercizio della prostituzione vista la possibile frequentazione della bottega da parte dei gladiatori.

Dalla scena raffigurata è possibile visionare le armi dei combattenti: il mirmillone impugna il gladium, corta spada romana e un grande scudo rettangolare (scutum) e veste un elemo a tesa larga dotato di visiera con pennacchi, il cimiero. L'altro, il trax, è in posizione soccombente con elmo (galea) a tesa larga ed ampia visiera a protezione del volto, anch'esso sormontato da un alto cimiero.

Affresco gladiatori. Foto: Parco archeologico di Pompei

“E’ molto probabile che questo luogo fosse frequentato da gladiatori - dichiara il Direttore Generale Massimo Osanna. Siamo nella Regio V, non lontani dalla caserma dei gladiatori da dove, tra l’altro, provengono il numero più alto di iscrizioni graffite riferite a questo mondo. In questo affresco, di particolare interesse è la rappresentazione estremamente realistica delle ferite, come quella al polso e al petto del gladiatore soccombente, che lascia fuoriuscire il sangue e bagna i gambali.  Non sappiamo quale fosse l’esito finale di questo combattimento. Si poteva morire o avere la grazia. In questo caso c’è un gesto singolare che il trace ferito fa con la mano, forse, per implorare salvezza; è il gesto di adlocutio, abitualmente fatto dall’imperatore o dal generale per concedere la grazia. L’ambiente di rinvenimento  è solo parzialmente portato in luce - su un lato emerge un'altra piccola porzione di affresco che rivela la presenza di un’altra figura- in quanto lo scavo dello stesso è stato possibile a seguito dell’intervento di rimodulazione dei pendii dei fronti e alla loro messa in sicurezza, che costituisce l’esigenza prioritaria di tutto il cantiere della Regio V”.

https://www.youtube.com/watch?v=sqq__TTvu5g

 


Inaugurato il nuovo impianto di illuminazione degli scavi di Pompei

FRANCESCHINI, POMPEI ILLUMINATA È UN ALTRO PASSO DELLA RINASCITA DEL SITO
DE VINCENTI, POMPEI PUNTO DI RIFERIMENTO PER LO SVILUPPO DI TUTTO IL TERRITORIO
Inaugurato il nuovo impianto di illuminazione degli scavi, dall’8 luglio al via le visite notturne

“Il nuovo impianto di illuminazione di Pompei – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini - è un altro importante passo della rinascita di un sito archeologico unico al mondo, un percorso che in tre anni ha permesso di restituire al pubblico 30 domus, di dotare l'intera area archeologica di copertura Wi-Fi e di realizzare un itinerario di tre chilometri che consente la piena accessibilità a parte rilevante degli scavi. Grazie al suggestivo gioco di luci, le linee e le forme delle rovine risplendono ora di una rinnovata bellezza”.
“La rinascita di Pompei – dichiara il Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti – è fondamentale anche per l’immagine internazionale del Paese. Ora dobbiamo farne un punto di riferimento per lo sviluppo di tutto il territorio, collegando Pompei con Ercolano, Stabia, Torre Annunziata. Questa è una delle zone più belle del mondo, bisogna valorizzarla”.

Leggere di più


Getty Museum sigla accordo per restituzione statua Zeus in trono I secolo a. C.

FRANCESCHINI, IL GETTY MUSEUM SIGLA ACCORDO CON L’ITALIA PER LA RESTITUZIONE DELLO ZEUS IN TRONO RIENTRA A NAPOLI STATUA DEL I SECOLO A.C.

Statua di Zeus in trono, artista sconosciuto, Grecia, 100 a.C. circa.
Il J. Paul Getty Museum di Malibu ha annunciato oggi la restituzione volontaria di una statuetta in marmo raffigurante Zeus databile intorno al 100 a.C. acquistata dal museo nel 1992.
Il Getty ha preso la decisione di restituire la scultura di Zeus in trono, alta 74 centimetri, recependo le informazioni fornite dalle autorità italiane corroborate dalla recente scoperta di un frammento della statua. La scultura potrebbe essere stata oggetto di culto in una cappella privata di una ricca dimora greca o romana. Le pesanti incrostazioni marine che in parte la ricoprono fanno supporre un prolungato periodo di immersione in mare. Il lato sinistro della statua, intatto, era probabilmente immerso nella sabbia e perciò protetto.
“Il ritorno dello Zeus in trono – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini - restituisce all’Italia un reperto che è parte integrante del patrimonio culturale nazionale. La statua verrà esposta in un primo momento al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, per poi venir destinata, una volta determinatane l’esatta provenienza, alla comunità alla quale è stata illecitamente sottratta”.
“Siamo felici di riportare lo Zeus in trono a casa – dichiara il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, Nunzio Fragliasso – e di poterlo condividere con i cittadini italiani e i visitatori che giungono da tutto il mondo per apprendere la storia e la cultura del nostro Paese”.
“Il Getty da’ un grande valore alle sue relazioni con i colleghi italiani nei musei e in altri settori culturali” – ha dichiarato il direttore del J. Paul Getty Museum, Timothy Potts – “La decisione di restituire questo reperto da un lato prosegue la nostra pratica di collaborazione con il Ministero per risolvere questioni riguardanti la provenienza e la proprietà di opere della nostra collezione in maniera tale da rispondere a ogni nuova informazione disponibile e dall’altro lato rispetta la buona fede e la missione culturale di entrambe le parti”.
L’antica scultura è stata consegnata oggi alle autorità italiane presso la Villa Getty alla presenza del Console Generale italiano a Los Angeles, Antonio Verde, che si è complimentato con la decisione del museo di restituire il reperto: “E’ meraviglioso che il Getty abbia una relazione così positiva con l’Italia, sia riguardo alle restituzioni di opere d’arte che alle mostre speciali e ai prestiti che espongono capolavori italiani al museo”.
Roma, 13 giugno 2017
Ufficio Stampa MiBACT

Come da MiBACT, redattore Renzo De Simone


2016: tutti i numeri dei Musei Italiani

2016. TUTTI I NUMERI DEI #MUSEITALIANI

FRANCESCHINI: CON 44,5 MILIONI DI VISITATORI È NUOVO RECORD PER I MUSEI ITALIANI
"Riforma funziona: in 3 anni +6 milioni di biglietti e +45 milioni di incassi"

“I dati del 2016 – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini - decretano un nuovo record per i musei italiani. I 44,5 milioni di ingressi nei luoghi della cultura statali hanno portato incassi per oltre 172 milioni di euro, con un incremento rispettivamente del 4% e del 12% rispetto al 2015 che corrispondono a 1,2milioni di visitatori in più e a maggiori incassi per 18,5 milioni di euro. Queste risorse preziose torneranno interamente ai musei secondo un sistema che premia le migliori gestioni e al contempo garantisce le piccole realtà. Si tratta del terzo anno consecutivo di crescita per i musei statali – prosegue il Ministro - che da 38 milioni di biglietti nel 2013 sono passati a 44,5 milioni nel 2016: 6 milioni di visitatori in più in un triennio che rappresentano un incremento del 15% nel periodo considerato e hanno portato a un aumento degli incassi pari a 45 milioni. Una crescita nella quale il Sud gioca un ruolo importante, con la Campania anche nel 2016 stabilmente al secondo posto nella classifica delle regioni con maggior numero di visitatori grazie agli oltre 8 milioni di ingressi registrati, un aumento del 14,2% sul 2015. La parte del leone – nota ancora il Ministro – la gioca senza dubbio il nostro patrimonio archeologico, se si considera che solo fra Colosseo, Foro Romano, Palatino. Museo Archeologico di Napoli, parco archeologico di Paestum e Scavi di Pompei nell’anno appena trascorso sono stati emessi circa 11 milioni di biglietti. Ma anche i musei hanno un ruolo importante, dal momento che circa la metà degli ingressi è concentrata nei musei autonomi”.
Leggere di più


Incassi dei musei statali di domenica 28 ai territori terremotati

MUSEUMS4ITALY - TERREMOTO CENTRO ITALIA
Franceschini: Tutti gli incassi dei musei statali della prossima domenica 28 agosto saranno destinati ai territori terremotati

1472147637149_Domenica_28_agosto_Violetto_con_fondo_totale_-_ITA

Tutti gli incassi dei musei statali della prossima domenica 28 agosto saranno destinati ai territori terremotati". Lo dichiara il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini invitando tutti gli italiani ad “andare nei musei in segno di solidarietà con le popolazione coinvolte dal sisma della scorsa notte”.
Grazie a questa prima misura straordinaria - che si aggiunge a quelle già ordinariamente previste e alle ulteriori misure che il governo adotterà - il MIBACT destinerà gli incassi dei musei e delle aree archeologiche statali di domenica 28 agosto a interventi sul patrimonio culturale danneggiato dal sisma.

Leggere di più


Musei: cresce presenza digitale e aumenta soddisfazione visitatori

MUSEI, CRESCE PRESENZA DIGITALE E AUMENTA LA SODDISFAZIONE DEI VISITATORI
Franceschini: i musei italiani sempre più impegnati nella promozione digitale di collezioni, mostre e attività

800px-IMG_0386_-_Galleria_nazionale_d'arte_moderna,_front

Attività ed eventi, spazi, servizi, ristorazione, accessibilità e costi: ecco le variabili analizzate grazie ad un indagine “social”, avviata all’inizio di quest’anno, sui 20 Musei Autonomi del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che hanno deciso di fare rete anche attraverso l’uso del web e dei social media, soprattutto per “ascoltare” la voce dei visitatori, nell’ottica di una costruzione di un audit virtuale della comunicazione culturale contemporanea. Una vera e propria classifica rilevata grazie ad un sistema di monitoraggio che ha individuato la reputazione online attraverso il sito web, i canali social e l’analisi della soddisfazione generale, quindi della percezione che le persone hanno dei musei. Dall'analisi dei contenuti rilevati sul web dal 1°gennaio al 31 maggio 2016 la soddisfazione generale dei visitatori è pari all’80,2 %, un dato positivo e in crescita del 3% rispetto allo stesso semestre del 2015. Nel dettaglio la percezione dell’Accoglienza è l’elemento che ha registrato un aumento maggiore tra il 2015 e il 2016 con un +43,8%, a seguire è cresciuta positivamente la percezione delle Attività e degli eventi +25,5%, degli Spazi +2% e dei Servizi + 31.9%.

25 Aprile: Musei statali aperti per una Festa della Liberazione all'insegna della cultura

25 APRILE: FRANCESCHINI, MUSEI STATALI APERTI PER UNA FESTA DELLA LIBERAZIONE ALL’INSEGNA DELLA CULTURA
Lunedì apertura straordinaria dei luoghi della cultura statali

1461338926417_Banner

Domenica 1° Maggio, coincide con l’iniziativa ministeriale #Domenicalmuseo, che prevede la gratuità di tutti i musei e le aree archeologiche nella prima domenica del mese.
È l'applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio 2014, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si paga il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali.
"Ogni prima domenica del mese è una giornata di festa, i musei che aderiscono crescono, spero che aderiranno anche i musei privati, per far diventare davvero questa iniziativa una formidabile occasione di legame fra i musei e il loro territorio". Così il ministro Franceschini rivolge un appello ai privati ad aderire all'iniziativa dell'ingresso gratuito della prima domenica di ogni mese.

Conferiti i Premi Nazionali per la Traduzione 2015

CONFERITI I PREMI NAZIONALI PER LA TRADUZIONE 2015
Franceschini: traduttori siano valorizzati, loro nomi sulle copertine

23a1c87eb843faec868dc5a297c51bde6f5f88
Si è tenuta oggi presso il Salone monumentale del Vanvitelli della Biblioteca Angelica di Roma la cerimonia di conferimento dei “Premi Nazionali per la Traduzione” per l’anno 2015.
Leggere di più


Caschi Blu Cultura: siglato l'accordo con l'UNESCO per costituzione task force italiana

CASCHI BLU CULTURA: SIGLATO L’ACCORDO CON L’UNESCO PER LA TASK FORCE ITALIANA
Pronto un primo contingente di 60 unità fra storici dell’arte, studiosi, restauratori e carabinieri del comando tutela patrimonio culturale per intervenire nelle aree di crisi

1455617521332_tappo-1
L’intesa firmata alla presenza dei ministri Gentiloni, Franceschini, Pinotti, Giannini e della DG Unesco Bokova 
1455617618102_tappo-5
Clicca qui per la diretta streaming della presentazione
È stata siglata questa mattina nell’Aula X delle terme di Diocleziano l’intesa tra il Governo italiano e l’Unesco per la costituzione della task force italiana nel contesto della coalizione globale Unesco Unite4Heritage.

Leggere di più


Tutti i numeri dei musei italiani nel 2015: record assoluto di visitatori

TUTTI I NUMERI DEI #MUSEITALIANI 2015 | FRANCESCHINI: "NEL 2015 RECORD ASSOLUTO PER I MUSEI ITALIANI"
43milioni di visitatori, +2,5milioni (+6%): "è l'anno d'oro dei musei italiani". "Miglior risultato di sempre, numeri record: +4,5 milioni di visite in 2 anni"

1452691926869_1_2013-2015-media_ris
 
Il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini ha presentato questa mattina al Comitato permanente del turismo, riunitosi al Collegio Romano, tutti i numeri dei musei italiani del 2015. “Quello che si è appena concluso - ha detto Franceschini - è stato l’anno d’oro dei musei italiani. Circa 43 milioni di persone hanno visitato i luoghi della cultura statali generando incassi per circa 155milioni€ che torneranno interamente ai musei attraverso un sistema premiale che favorisce le migliori gestioni e garantisce le piccole realtà. Per la storia del nostro Paese è il miglior risultato di sempre, un record assoluto per i musei italiani, - ha aggiunto Franceschini - e anche rispetto al 2014, anno in cui si erano registrati numeri erano molto positivi, la crescita dei visitatori e degli incassi è significativa: +6% i visitatori (pari a circa +2,5milioni); +14% gli incassi (pari a circa +20milioni€); +4% gli ingressi gratuiti (pari a circa +900mila). E non siamo in presenza di una tendenza internazionale, anzi siamo in controtendenza se si guarda ai dati usciti sulla stampa estera oggi. In Italia, grazie anche alle nuove politiche di valorizzazione, prime fra tutte le domeniche gratuite, gli italiani sono tornati a vivere i propri musei. Un riavvicinamento al patrimonio culturale - conclude Franceschini - che educa, arricchisce e rende consapevoli i cittadini della magnifica storia dei propri territori”.
1452692093329_2_Italia-media_ris
Leggere di più