Le mummie rifiutano la diagnosi di spondilite anchilosante

20 Ottobre 2014
RamsesIIEgypt
Un'affermazione spesso ripetuta e ritenuta vera negli ultimi anni, è che i Reali delle dinastie egizie che vanno dalla diciottesima alla ventesima  soffrissero di spondilite anchilosante, una malattia reumatica cronica e autoimmune, anche nota come SPA.
Un nuovo studio di Sahar N Saleem e Zahi Hawass (molto noto al pubblico italiano e precedentemente a capo del Supremo Consiglio delle Antichità Egiziane) mette in discussione i risultati della ricerca precedente. Grazie all'utilizzo della tomografia (la ricerca precedente utilizzava lo strumento meno sofisticato dei raggi X) i due studiosi hanno notato che le mummie in questione non presentavano erosione alle articolazioni. I due autori propongono perciò la differente diagnosi di iperostosi scheletrica idiopatica diffusa (DISH).Leggere di più


Egitto: novità per le piramidi di Meidum e Menkaure

11-17 Ottobre 2014
800px-Meidoum_pyramide_002
Grande fermento in Egitto in queste settimane, e novità anche per chi sia in procinto di visitare il Paese. La piramide di Meidum (o falsa piramide), formata dalla sovrapposizione di alcune mastabe e costruita dal faraone Snefru, è infatti ora sottoposta a restauri, anche al fine di permettere ai turisti di visitarla meglio. Questo l'annuncio del Ministro alle Antichità Mamdouh El-Damaty, in visita in quei luoghi.
Anche la piramide di Menkaure (noto come Micerino al pubblico italiano) sarà presto aperta al pubblico, di modo da poter effettuare una rotazione di pochissimi anni tra le varie strutture, nel tentativo di trovare un equilibrio tra turismo e conservazione delle piramidi di Giza.
Per la sezione culturale del Museo Nazionale della Civiltà Egizia (NMEC) di Al-Fustat, invece, già si conosce l'apertura per Novembre. Infine, la chiesa "sospesa" di Al Muallaqa, presso Il Cairo, è stata riaperta sabato 11 Ottobre, dopo 16 anni di restauri.
Link: Ahram 1, 2, 3; Il Cairo Post 1, 2
Piramide di Meidum, foto di Sebi, da Wikipedia, Pubblico Dominio, caricata da Neithsabes.


Una nuova teoria di acqua e sabbia per la costruzione delle Piramidi

11-3 Settembre 2014
800px-All_Gizah_Pyramids
JSTOR-Daily rilancia (anche con l'account Twitter) una nuova teoria riguardante la costruzione delle Piramidi. Una delle difficoltà maggiori nello spiegarci la costruzione di queste risiede, infatti, nel peso dei singoli blocchi utilizzati (anche 2,5 tonnellate), in mancanza di ruote e animali da traino.
Leggere di più


L'UNESCO chiede spiegazioni all'Egitto sul restauro della piramide di Djoser

24 Settembre 2014
800px-Saqqara_BW_5
La celebre piramide a gradoni di Djoser a Saqqara, datata a 4600 anni fa, secondo quanto riportato dai media egiziani nelle settimane scorse avrebbe subito dei danni durante i restauri in corso, in particolare alla facciata.
L'UNESCO ha perciò richiesto informazioni dettagliate al Ministro delle Antichità egiziane.
Link: TIME; France24Al Arabiya; ABC
Foto della piramide a gradoni di Djoser a Saqqara, da Wikipedia, CC BY 3.0, di e caricata da Berthold Werner.


Hair extension? Si usavano già nell'Antico Egitto

17 Settembre 2014
AmarnaQueen-FragmentaryStatueFace_MetropolitanMuseum
Le hair extension non sono un'invenzione moderna. Un teschio ritrovato nella città di Amarna (città nota soprattutto per il faraone Akhenaten), e risalente a 3300 anni fa circa, mostra infatti una chioma molto complessa, composta anche da oltre 70 lunghe hair extension.
La suddetta chioma è stata ritrovata nel contesto funerario del cimitero nei pressi della città, e sarebbe stata acconciata dopo la morte, ma prima della sepoltura.
Questo risulterebbe dallo studio di Jolanda Bos, archeologa dell'Amarna project, su The Journal of Egyptian Archaeology.
Link: The Journal of Egyptian Archaeology; livescience; Examiner.com
Foto di Regina da Amarna, di Keith Schengili-Roberts, da Wikipedia, CC-BY-SA 2.5, Uploaded by Captmondo.


Cambiamenti ecologici nell'Antico Egitto

9 Settembre 2014

La composizione delle comunità animali influisce direttamente sulla stabilità degli ecosistemi. Lo studio "Collapse of an ecological Network in Ancient Egypt" di AA. VV. esamina le informazioni storiche riguardanti l'estinzione delle specie nell'Antico Egitto, per un arco di 6000 anni.

Questa risoluzione temporale permette di esaminare come il congiunto effetto dell'aumento della popolazione, con il cambiamento climatico, può distruggere comunità di mammiferi. Per lo studio, le estinzioni in Egitto non erano casuali: cambiamenti destabilizzanti nella composizione della comunità coincisero con eventi improvvisi di inaridimento.

Link: Past Horizons; pnas.org


Studio sull'imbalsamazione riscrive un capitolo chiave sul tema

13 Agosto 2014
Ricercatori delle Università di York, Macquarie e Oxford avrebbero scoperto che le tecniche di imbalsamazione risalirebbero addirittura a 1500 anni prima di quanto finora creduto. Fino ad oggi si riteneva che le prime testimonianze della pratica risalissero al 2200 a.C. circa: questo studio, partendo dall'esame di bendaggi in lino di epoca precedente, provenienti da Mostagedda, nella regione del Badari, invita a rivedere queste posizioni.
Link: PLOS ONE; University of York; Heritage Daily


Resti umani proverebbero un conflitto di 13000 anni fa

14 Luglio 2014
I resti umani, ritrovati a Jebel Sahaba, sulla riva est del Nilo nel Sudan settentrionale, proverebbero il più antico conflitto su larga scala dell'Umanità.
Link: The Independent;