La mummia bambina di Ta-Iset: dalla discarica al museo

11 - Maggio 2015
Ritrovata nel 2001 a Rueil-Malmaison, la mummia bambina egizia di Ta-Iset stava per finire in una discarica, ma sarà ora per la prima volta in mostra nel museo cittadino a partire dal 2016.
Quattordici anni fa, qualcuno che aveva appena pulito la cantina, si recò da Jean-Louis Parichon, alla discarica, chiedendo come smaltire la piccola mummia. Dopo il naturale stupore, l'addetto chiamò il museo: si ritiene che la mummia, datata attorno al 350 a. C. e proveniente da Akhmîm, nell'Alto Egitto, possa essere arrivata in Francia con qualche generale di Napoleone di ritorno da quel Paese.
Link: The TelegraphThe Guardian; Liberation; Le Parisien; Aska News 1, 2; Science Daily


Il Cairo: il Grande Museo Egizio aprirà nel 2018

10 Maggio 2015
Il Ministro delle Antichità Mamdouh al-Damaty ha espresso tutto il supporto alla creazione de Grand Egyptian Museum (GEM), che verrà completato e quindi inaugurato presso Il Cairo nel Maggio del 2018.
Link: Grand Egyptian Museum;  Egypt Independent


Lo "scandalo" delle mummie animali egizie

11 Maggio 2015
800px-British_museum,_Egypt_mummies_of_animals_(4423733728)
L'Università di Manchester ha analizzato 800 mummie animali egizie con le ultime tecnologie in campo medico, per vedere oltre le bende senza danneggiare i manufatti. Si è giunti alla conclusione che, se un terzo delle mummie conteneva ossa e un altro terzo conteneva resti parziali, all'interno della restante parte delle mummie non vi era affatto materiale animale.
Era già noto che il contenuto non fosse integralmente relativo all'animale, ma gli studiosi son rimasti comunque sorpresi dai risultati: si è notato l'utilizzo di imbottiture come fango, canne, bastoni, gusci e piume. In realtà le mummie animali egizie riservano spesso delle sorprese ed è possibile ritrovarvi di tutto: una a forma di coccodrillo contiene infatti otto piccoli dell'animale. Vi era una tale richiesta di questi oggetti rituali che, oltre ad esserci uno specifico programma di allevamento, si ricorreva ai suddetti "trucchi" per soddisfare la domanda. E probabilmente neppure importava troppo cosa ci fosse all'interno. Si stima che esistano oltre 70 milioni di mummie animali egizie. Leggere di più


Egitto: scoperte da Tharo, nel Sinai

5 Maggio 2015
Ritrovati due architravi dal lato orientale dell'antica fortezza militare di Tharo, nel Sinai. La fortezza egizia risale al Nuovo Regno: scoperti anche magazzini di mattoni di fango e una necropoli della Ventiseiesima Dinastia.
Link: Ahram Online


Egitto: raro ritrovamento di parte di statua del faraone Sahure

30 Aprile 2015
SahureAndNomeGod-CloseUpOfSahure_MetropolitanMuseum
Ritrovata la parte inferiore di una statua del faraone Sahure, il secondo regnante della Quinta Dinastia, che regnò per dodici - tredici anni, all'incirca nel primo quarto del venticinquesimo secolo a. C. Il ritrovamento è avvenuto ad Al-Kab (precedentemente nota come Nekheb) in Aswan, sulla riva destra del Nilo. Si tratta della terza statua del faraone, e perciò di un raro ritrovamento.
Link: Mada Masr; Archaeology News Network
Volto del faraone Sahure da statua in gneiss dalla gallery 103 del New York Metropolitan Museum of Art, foto di Keith Schengili-Roberts, da WikipediaCC BY-SA 2.5, caricata da Captmondo. Non si tratta evidentemente del ritrovamento oggetto del post.
 


Egitto: una collana di alloro dei poeti per i postumi della sbornia

22 Aprile 2015
800px-Danae_racemosa_-_J._C._Raulston_Arboretum_-_DSC06157
Un papiro greco ritrovato in Egitto a Oxhyrinchus e recentemente pubblicato, propone la creazione di una collana di foglie di Ruscus Racemosus L. (noto all'estero come alloro dei poeti, o alloro d'Alessandria) da appendere al collo, come cura per i postumi di una sbornia. Questo secondo la traduzione di Marguerite Hirt dell'Università di Cambridge.
Link: Egypt Exploration SocietyLive Science; Archaeology News Network via Archaiologia.gr
Esemplare di Danae racemosa nel J. C. Raulston Arboretum (North Carolina State University), 4415 Beryl Road, Raleigh, North Carolina, USA. Foto da WikipediaPubblico Dominio, di e caricata da Daderot.
 


Egitto: tomba del faraone Khaba della Terza Dinastia da Quesna

20 Aprile 2015
640px-Khaba_petrie
Scoperta a Quesna, in Egitto, una tomba risalente alla Terza Dinastia, e già saccheggiata in antichità. Nella tomba sono state ritrovate ceramiche risalenti alla Terza e alla Quarta Dinastia, e un sigillo grazie al quale la si è attribuita al faraone Khaba, che regnò per soli sei anni attorno al 2670 - 2650 a. C.
Link: Dr Zahi Hawass; Ahram OnlineArchaeology News Network via Ministero delle Antichità Egizie
Ciotola in pietra recante il nome Khaba inscritto nel serekht (non proveniente dalla tomba qui citata). Petrie Museum, Londra. Foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata e di Udimu.
 


Egitto: scoperti resti delle Mura Bianche di Menfi

19 Aprile 2015
Scoperte sezioni delle "Mura bianche" dell'antica capitale egizia di Menfi, insieme a fornelli e bronzi. Uno dei nomi antichi della città era appunto Inbu-Hedj, Mura bianche.
Link: Sputnik News


Scoperta cappella ad Eliopoli

14 Aprile 2015
Scoperta una cappella del Faraone della trentesima dinastia Nectanebo I (379/8 - 361/0 a. C.), nell'antica capitale egizia di Eliopoli. Presente anche una statua del faraone della diciannovesima dinastia Merenptah (1213 - 1203 a. C.).
Link: Archaeology News Network; Phys.org via AFP


Egitto: più grande del previsto il sito neolitico di Merimde Beni Salama

9 Aprile 2015
Il sito egiziano di Merimde Beni Salama sarebbe molto più ampio di quanto ritenuto finora. Si tratta di un sito neolitico collocato presso il Delta del Nilo, occupato dal 4880 a. C. al 4250 a. C.
Link: Ahram Online