Dalla discarica al museo

17 Luglio 2015

Dalla discarica al museo

Foto: Museo del Distretto a Sandomierz
Foto: Museo Distrettuale a Sandomierz
Un manufatto unico è stato donato alle collezioni archeologiche del Museo Distrettuale a Sandomierz, da colui che ha effettuato il ritrovamento accidentale. Un bracciale in bronzo ha più di tremila anni.
La storia moderna dell'ornamento millenario cominciò trent'anni fa, quando Stanisław Kwiatkowski da Opatów lo scoprì nel deposito di rottami di Jasice presso Ożarów, nella provincia di Świętokrzyskie. Negli ultimi anni, negli anni '80, l'oggetto era in mostra nel percorso turistico metropolitano di  Opatów. Dopo la liquidazione della mostra ritornò a colui che effettuò il ritrovamento, che dopo pochi giorni donò il manufatto al Museo Distrettuale di Sandomierz.
"Subito dopo la fase di conservazione i visitatori saranno in grado di ammirarlo in una mostra archeologica permanente al Castello di Sandomierz" - ha spiegato Monika Bajka, archeologa del museo. "Faremo domanda tramite l'Ufficio Provinciale per la Protezione dei Monumenti a Kielce al Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale per un premio previsto in questi casi per chi ha effettuato il ritrovamento, che ha salvato l'oggetto dalla distruzione e lo ha consegnato per l'analisi scientifica al museo" - ha aggiunto.
Secondo i curatori, lo stile e la forma dell'oggetto e la sua decorazione possono essere attribuiti alla comunità della cultura di Trzciniec e datati agli anni attorno al 1300-1100 a. C. Nell'altopiano di Sandomierz tali ritrovamenti sono estremamente rari, presumibilmente vennero da produttori in Slesia e Wielkopolska, ma gli scienziati non escludono la produzione locale di tali oggetti. Gli archeologi si rammaricano che l'ornamento da Jasice sia privo di contesto - non sappiamo da dove venga esattamente e come finì nella discarica. Presumono, tuttavia, che sia stato scoperto nell'area.
Non solo l'origine del manufatto è enigmatica. "Abbiamo poche informazioni su come questi ornamenti fossero portati, perché di solito sono noti come tesori o ritrovamenti autonomi. Solo una scoperta in una tomba può chiarire questo punto" - ha aggiunto Bajka. Gli archeologi speculano sul fatto che queste decorazioni fossero portate sia da uomini che da donne. Potevano essere portati sulla spalla o - come indicato nelle scoperte nelle tombe in Germania, dove simili ornamenti sono stati ritrovati sulle ossa della parte inferiore della gamba - sulla gamba.

Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.


Completati i lavori degli archeologi nel più antico bastione della Polonia

13 Luglio 2015

Gli archeologi hanno completato i lavori nel più antico bastione della Polonia

La pendenza della feritoia del sedicesimo secolo. Foto di M. Wichrowski
La pendenza della feritoia del sedicesimo secolo. Foto di M. Wichrowski
Resti di feritoie del tardo sedicesimo secolo, cilindri di gas tecnico dalla Seconda Guerra Mondiale, così come prove di... negligenza da parte dei costruttori di duecento anni fa, sono stati scoperti dagli archeologi durante gli scavi del Bastione König (NdT: King Bastion in Inglese) della città vecchia di Kostrzyn nad Odrą.
Gli studi archeologici e architettonici precedono il lavoro di restauro che mira ad aprire l'intera struttura al turismo. Le attività attuali si concentrano ad esaminare la condizione tecnica dei resti accessibili dell'edificio, in particolare delle volte delle sue stanze. Durante questo lavoro, gli archeologi hanno fatto alcune scoperte inaspettate.

Vista generale delle feritoie esposte del sedicesimo secolo. Foto di M. Wichrowski
Vista generale delle feritoie esposte del sedicesimo secolo. Foto di M. Wichrowski

Leggere di più


Gli uomini del Gravettiano contribuirono all'estinzione dei mammuth lanosi?

4 - 9 Giugno 2015
1024px-Woolly_mammoth
Secondo un nuovo studio, i cacciatori raccoglitori europei del Gravettiano avevano il mammuth lanoso al centro della propria dieta.
Tra i venti e i trentamila anni fa, gli umani di questa cultura del Paleolitico Superiore si diffusero in Europa, in particolare nella Repubblica Ceca, sulle colline di Pavlovské (Palava) e nella Polonia meridionale. In questi siti, le ossa di mammuth rappresentano il 18% del totale, e venivano utilizzate come combustibile, come riparo e come strumenti e ornamenti, mentre la carne veniva arrostita. Questi umani si specializzarono nella caccia all'animale, e probabilmente contribuirono all'estinzione dello stesso.
Si segnala inoltre un articolo della BBC sugli sviluppi relativi al tentativo di riportare in vita i mammuth lanosi.
Leggere di più


Ornamenti, agricoltura e traiettorie culturali nel passaggio da Mesolitico a Neolitico

8 Aprile 2015
journal.pone.0121166.g004
La diffusione dell'agricoltura avrebbe incontrato resistenze nell'Europa del Nord, e a rivelarlo sarebbero gli ornamenti utilizzati in quelle regioni, che secondo un nuovo studio pubblicato su PLOS One, rimasero quelli utilizzati dagli indigeni prima dell'arrivo dei coltivatori neolitici.
Al contrario, nell'Europa Centrale e Meridionale si diffusero e furono adottate nuove tipologie di ornamenti. Vi sarebbero state perciò due traiettorie culturali a dividere l'Europa nell'arco di tempo considerato dallo studio, e cioè tremila anni, a cavallo tra fine del Mesolitico e inizio del Neolitico.Leggere di più