Prorogata e arricchita la mostra "Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto"

Prolungamento della mostra, nuove opere e sonorizzazione “d’artista” ad arricchire l’esposizione Roma città moderna

A partire da ottobre, in mostra nuovi capolavori di Tomaso Binga,

Osvaldo Peruzzi, Fausto Pirandello, Enrico Prampolini, Giulio Turcato

 

Galleria d’Arte Moderna

mostra prorogata fino al 2 dicembre 2018

Roma città moderna. Da Nathan al Sessantotto, in corso alla Galleria d’Arte Modena di Roma, prolunga il suo percorso “in movimento” fino al 2 dicembre 2018, anche grazie al successo ottenuto di critica e pubblico. La mostra si arricchisce di nuove opere mentre continua la serie di iniziative collegate all’esposizione con l’intento di ricostruire, attraverso le arti e la cultura del periodo, un’immagine a tutto tondo della città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi.

 Ai tanti e importanti artisti già presenti, si aggiunge un’opera esemplare di Fausto PirandelloIl remo e la pala (1933) in prestito speciale dal Museo del Novecento di Milano. La tela è una delle “storie sospese fra realtà e mito”, caratteristiche della produzione degli anni Trenta, quando l’artista porta a maturazione spunti cézanniano-cubisti, suggestioni simboliste, primitiviste e metafisiche e un uso del colore precisato a confronto con i “tonalisti” della Scuola Romana.

 Entrano in mostra anche due nuovi capolavori del Futurismo romano, La corrida (1929-30) di Enrico Prampolini e Aeropittura(1934) di Osvaldo Peruzzi, oltre che una nuova opera di Giulio TurcatoAvventuristico (1962), altro suo capolavoro che potrà essere ammirato accanto al suo Comizio (1950), dipinto eccellente per descrivere il passaggio dell’artista dalla figurazione all’astratto, fra gli anni Cinquanta e Sessanta. A queste opere sarà contrapposto Bacio indelebile (post 1960) di Tomaso Binga in modo da rafforzare la pagina dell’arte sperimentale degli anni Sessanta della mostra.

Per i mesi di ottobre-novembre 2018 continua, inoltre, la serie degli Incontri in mostra e L’opera della domenica, oltre alleGiornate speciali di cultura contemporanea e ai Film d’artista degli anni Sessanta di Franco AngeliGianfranco BaruchelloLuca Maria PatellaMario Schifano, trasmessi a ciclo continuo all’interno della biblioteca per tutto il periodo di apertura della mostra.

Leggere di più