Prove archeologiche di piante di origine asiatica in Madagascar

30 Maggio - 1 Giugno 2016

Gli scavi archeologici dai quali vengono i residui vegetali. Credit: Nicole Boivin
Gli scavi archeologici dai quali vengono i residui vegetali. Credit: Nicole Boivin

In Madagascar si parla malagasy (malgascio), una lingua austronesiana e la più occidentale di quelle appartenenti a questa famiglia. La stessa presenza di questa lingua ha rappresentato un problema, che ora ha trovato una spiegazione col ritrovamento dei resti di antiche coltivazioni di origine asiatica presso alcuni siti sull'area. Si tratta in particolare di riso e fagiolo indiano verde (o fagiolo mungo verde, vigna radiata).

Già le prove di carattere genetico avevano confermato per gli abitanti del Madagascar una stretta vicinanza con Malesi, Polinesiani e altri che parlano lingue della famiglia di quelle austronesiane: i ritrovamenti di queste coltivazioni rappresentano ora le prime prove archeologiche ad andare nella stessa direzione. Più precisamente, si tratta di 2443 resti vegetali da 18 siti.

Fino ad ora si erano ritrovate prove archeologiche relative a insediamenti umani del primo millennio, oltre a quelli di cacciatori raccoglitori dall'Africa per il secondo e il primo millennio: mancavano però prove relative alla colonizzazione austronesiane.

Coltivazioni in Madagascar. Credit: Nicole Boivin
Coltivazioni in Madagascar. Credit: Nicole Boivin

Queste alcune delle conclusioni di una ricerca pubblicata su PNAS: gli studiosi si sono detti sorpresi dal forte contrasto con le coltivazioni sulla costa africana orientale e con le vicine isole Comore. Ancora oggi vi sono molte risaie in Madagascar: più di mille anni fa i colonizzatori dall'Asia sud orientale introdussero quindi la coltivazione.

Leggere di più


Incendi di mille anni fa in Madagascar

18 Febbraio 2016
Plains_of_western_central_Madagascar_in_the_dry_season
Mille anni fa vi sarebbe stati incendi, in Madagascar, che avrebbero determinato una scomparsa permanente e su larga scala di foreste dell'isola. E a causare questo non sarebbe stato il cambiamento climatico e neppure disastri naturali, ma i coloni umani che appiccarono il fuoco a quelle foreste per far spazio ai pascoli per il bestiame.
Queste le conclusioni di un nuovo studio, pubblicato su Quaternary Science Reviews, che è partito dall'esame di due stalagmiti in una grotta in Madagascar. Gli studiosi escludono l'ipotesi del cambiamento climatico, rimanendo stabili le precipitazioni e altre condizioni in generale.
Vi sarebbero pure ulteriori indizi nelle popolazioni di grandi animali, che diminuirono drammaticamente in questo periodo. L'estinzione della megafauna sarebbe stata accelerata dalla perdita degli habitat relativi. Anche i livelli di pollini relativi all'erba presenterebbero un picco in questo periodo.
Leggere di più


Dalla storia del parassita Schistosoma mansoni, nuove conoscenze sulle popolazioni

16 Febbraio 2016
Indigoterie_de_l'Anse_à_la_Barque
Il nuovo sequenziamento del genoma del parassita Schistosoma mansoni rivela nuove conoscenze sulla storia delle popolazioni.
Questo platelminta (o verme piatto) è responsabile della schistosomiasi (anche nota come bilharziosi o distomatosi sanguigna), una parassitosi che ancora oggi affligge le popolazioni di diversi paesi in via di sviluppo, prevalentemente in Sud America, nei Caraibi, in Africa (Madagascar in particolare) e Medio Oriente. Lo Schistosoma mansoni infetta oggi oltre 250 milioni di persone e causa la morte di 11  mila persone ogni anno.
Schistosoma_mansoni_Life_Cycle.tif
Il nuovo sequenziamento rivela che il parassita avrebbe colpito per la prima volta i pescatori nei laghi dell'Africa Orientale. Si sarebbe quindi diffuso nell'Africa Occidentale (Senegal e Camerun), e poi nel Nuovo Mondo (Guadalupe) a causa del commercio di schiavi nei secoli tra il sedicesimo e il diciannovesimo.
Lo studio è partito dall'analisi delle differenze tra lo Schistosoma mansoni e lo  Schistosoma rodhaini, un parassita che colpisce invece i roditori. Si è calcolato che i due avrebbero un antenato comune nell'Africa Orientale, databile tra i 107.500 e i 147.600 anni fa. La specie risulterebbe pure più giovane di quanto ritenuto. La sua comparsa coincide coi primi ritrovamenti archeologici relativi alla pesca nelle acque dolci dell'Africa Orientale.
Il confronto dei genomi mostra poi una divergenza tra quelli dell'Africa Occidentale e quelli presenti nei Caraibi. La divergenza sarebbe da collocarsi tra il 1117 e il 1742 d. C., sovrapponendosi col commercio di schiavi nell'Atlantico, tra il sedicesimo e il diciannovesimo secolo. Oltre 22 mila Africani furono allora trasportati a Guadeloupe, nel Nuovo Mondo, sulle navi francesi.
Leggere di più


Nuove prospettive sulle lingue austronesiane e migrazioni relative

18 - 28 Gennaio 2016
1280px-Austroneske_jazyky
380 milioni di persone oggi parlano le lingue austronesiane, tra Taiwan, Malesia, Indonesia, Filippine, Madagascar e isole del Pacifico. La spiegazione del perché e delle modalità per cui popolazioni così distanti possiedono oggi lingue analoghe costituisce un tema dibattuto per l'archeologia, l'antropologia e la genetica.
La teoria prevalente fino ad oggi vedeva una diffusione principale a partire da Taiwan, quattromila anni fa, dove la coltivazione del riso era giunta in precedenza dalla Cina.
Una nuova e approfondita analisi genetica mette però in dubbio questa teoria, perché il mtDNA degli isolani del Pacifico era già presente molto prima nell'Asia sud orientale insulare. Si propone perciò uno schema diverso, sulla base pure dei cambiamenti climatici alla fine dell'Era Glaciale, per cui l'espansione dall'Indonesia sarebbe avvenuta ottomila anni fa. Per quanto riguarda invece l'espansione linguistica, questa sarebbe effettivamente avvenuta quattromila anni fa a partire da Taiwan: questa spiegherebbe però solo una minoranza delle popolazioni coinvolte nella regione, non più del 20%.
[Dall'Abstract: ] Ci sono due interpretazioni molto differenti sulla preistoria dell'Asia insulare sud orientale (NdT: Island Southeast Asia - ISEA), con prove genetiche invocate a supporto di entrambe. Il modello “fuori da Taiwan” propone un'espansione principale nel Tardo Olocene, con popoli neolitici di lingue austronesiane, a partire da Taiwan. Come alternativa, la proposta che l'incremento del livello dei mari nella tarda Era Glaciale o in epoca postglaciale avrebbe scatenato ampie dispersioni autoctone: questo spiegherebbe alcuni pattern genetici altrimenti enigmatici, ma non riesce a spiegare la dispersione del linguaggio austronesiano. Combinando i dati dal DNA mitocondriale (mtDNA), dal cromosoma Y e sul genoma, si è effettuata l'analisi più approfondita ad oggi riguardo la regione, ottenendo risultati altamente coerenti per tutti e tre i sistemi, e permettendo di riconciliare i modelli. Prima di tutto si deduce una stirpe comune per le popolazioni Taiwan/ISEA, stabilitasi prima del Neolitico, ma si sono rilevati pure segnali chiari di due migrazioni minori del Tardo Olocene, probabilmente in rappresentanza di input sia dal Sud Est asiatico continentale e dal Sud della Cina, via Taiwan. Quest'ultima può perciò aver mediato la dispersione del linguaggio austronesiano, suggerendo migrazioni su scala inferiore e un cambiamento di linguaggio, piuttosto che un'espansione su vasta scala.
Leggere di più


Mangeresti il tuo gatto?

6 - 19 Ottobre 2015
800px-Kittyply_edit1
Solo pochi anni fa (2010) fece scalpore la vicenda di Beppe Bigazzi, che durante la trasmissione "La prova del cuoco", rievocò il consumo di carne di gatto negli anni '30 e '40 in Valdarno.
Nelle gran parte delle società occidentali, difatti, la pratica costituisce un tabù: solo in pochissime aree ci si sognerebbe di mangiare il proprio animale domestico.
Tuttavia, non è così ovunque nel mondo. In Asia, 4 milioni di gatti vengono consumati ogni anno, per preferenza o superstizione, oltre che per insicurezza alimentare. Anche in Africa l'animale viene mangiato.
Un nuovo studio ha esaminato il consumo di carne di gatto in Madagascar (dove anche a causa dell'instabilità politica la pratica è aumentata), e le ripercussioni della cosa sulla salute pubblica. Ben il 34% degli intervistati ha consumato la carne di gatto nell'ultima decade, ma questo sarebbe stato determinato da opportunismo: si tratta di gatti regalati, o che si sono acquisiti in modo casuale (ad esempio, a seguito di un incidente). Non si tratterebbe perciò di una risposta alle difficoltà economiche. Per questo motivo, la cosa può costituire un rischio per la salute pubblica e per la diffusione di determinate malattie (tra cui la toxoplasmosi).
Leggere di più


Il tesoro del Capitano Kidd? Solo piombo e detriti per l'UNESCO

14 Luglio 2015
William_Kidd
Per l'UNESCO, quello ritrovato al largo del Madagascar il mese scorso,  il cosiddetto “tesoro” del famoso Capitano William Kidd, sarebbe solo zavorra in piombo, e il relitto relativo (la Adventure Galley) non sarebbe che quanto rimane delle costruzioni del porto di Sainte Marie, detriti insomma.
L'UNESCO aveva già espresso dubbi e critiche al momento della presunta scoperta, stigmatizzando la mancanza di archeologi professionisti a supervisionare.
Leggere di più


Che è successo ai cani degli Indonesiani in Madagascar?

20 Maggio 2015
Gli antichi Indonesiani migrarono diffondendo la loro cultura nella metà del pianeta tra Oceano Indiano e Pacifico. Durante queste migrazioni, oltre a portare la propria cultura, gli Indonesiani erano accompagnati anche da un compagno animale, il cane. Ma in Madagascar, una delle ultime aree del pianeta ad essere popolata, sembra che questo non sia successo: un'analisi genetica dimostrerebbe l'origine africana degli stessi.
F3.large
[Dall'Abstract: ] Il Madagascar è stata una delle ultime aree terrestri principali ad essere abitate dagli umani. Inizialmente colonizzata dagli Indonesiani che parlavano un linguaggio Austronesiano 1500-2000 anni fa, le susseguenti migrazioni dall'Africa hanno determinato contributi geneticamente uguali dall'Indonesia e dall'Africa, e la cultura materiale ha principalmente influenze africane. Il cane, insieme al maiale e alla gallina, era parte della Cultura Neolitica Austronesiana, e fu inoltre l'unico animale domestico ad accompagnare gli umani in ogni continente in antichità. Per illuminare le origini culturali del Madagascar e tracciare la dispersione mondiale dei cani, si è qui investigata l'origine dei cani del Madagascar. [...] Dalle analisi di campioni di mtDNA provenienti dall'Africa e dall'Indonesia, appena il 26% dei cani del Madagascar condividevano l'aplotipo dei cani indonesiani, mentre il 90% dei cani portava un aplotipo presente nell'Africa Sub-Sahariana, lasciando intendere una probabile origine in Africa. E quindi, al contrario che per la popolazione umana, sembra che i cani del Madagascar debbano tracciare la loro origine interamente dall'Africa. I risultati suggeriscono che i cani non furono portati dai colonizzatori austronesiani del principio durante il loro viaggio transoceanico, ma che furono introdotti in uno stadio successivo, insieme alla migrazione umana e all'influenza culturale dall'Africa.
F1.large (2)
Leggere di più


Ritrovato il tesoro del Capitano Kidd?

7 - 9 Maggio 2015
William_Kidd
Ritrovato al largo del Madagascar quello che sarebbe il "tesoro" del famoso Capitano William Kidd, pirata scozzese del diciassettesimo secolo. Le attività di Kidd sono oggetto di dibattito: originariamente un corsaro alle dipendenze della corona, fu probabilmente in seguito anche pirata. Quel che è certo è che fu poi catturato di ritorno dall'Oceano Indiano e giustiziato nel 1701.
Tornando al ritrovamento, vi sarebbero ben tredici relitti nell'area presso l'isola di Sainte Marie, nota anche come Isola dei Pirati. Il team, guidato dall'esploratore Barry Clifford, si sarebbe soffermato su due navi, il Fire Dragon e l'Adventure Galley. Quest'ultima sarebbe la nave di Kidd: e da essa si sarebbe recuperato un lingotto d'argento del peso di ben 50-55 kg, il più grande ritrovamento di questo genere .
Dubbi e critiche alla scoperta sono però venute dall'UNESCO, che ha stigmatizzato il fatto che non ci fossero archeologi professionisti a supervisionare la scoperta in modo permanente durante le operazioni. Delegati dell'UNESCO si recheranno perciò sul luogo a verificare i metodi utilizzati.
Leggere di più


Australia: il mistero del boab e della dispersione del baobab

1 - 5  Aprile 2015
14368224271_4cb67acd47_z
Il baobab è un albero (genere Adansonia) che si può ritrovare in Africa, nella Penisola Arabica e nel Madagascar: esiste però una specie anche al di là di queste aree, il baobab australiano, altrimenti noto come albero bottiglia o boab (Adansonia Gregorii, in onore dell'esploratore Augustus Gregory).
Proprio la presenza dell'albero, nella sola regione australiana di Kimberley, costituisce un mistero botanico del quale si è occupato uno studio su PLOS One. Numerose sono le teorie formulate negli anni: quelle che ipotizzavano la diffusione già ai tempi del Gondwana sono state escluse, e oggi prevalgono quelle che implicano un ruolo umano nella dispersione. Gli uomini avrebbero difatti attribuito un valore ai frutti dell'albero.
Leggere di più