Il ruolo sociale della caccia con l'arco nel Neolitico

2 Febbraio 2015
A seguito del ritrovamento, presso La Draga (Banyoles, in Catalogna), del primo arco risalente al Neolitico e datato a 7400-7200 anni fa circa,  uno studio rileva il ruolo sociale della caccia effettuata con l'arco nella regione.
L'arco ritrovato è in tasso e mostra uniformità nella manifattura, rispetto agli altri frammenti ritrovati in termini di materiali usati ma non di dimensioni. Questo fa intuire la rilevanza socio-economica di tale industria in una società che non era più quella dei cacciatori-raccoglitori. Si nota anche il contrasto tra la scarsità di resti animali ritrovati, e l'abbondanza di strumenti per la caccia nel sito.
Lo studio "Characterizing prehistoric archery: technical and functional analyses of the Neolithic bows from La Draga (NE Iberian Peninsula)", di Raquel Piqué, Antoni Palomo, Xavier Terradas, Josep Tarrús, Ramon Buxó, Àngel Bosch, Júlia Chinchilla, Igor Bodganovic, Oriol López, Maria Saña, è stato pubblicato sul Journal of Archaeological Science.
 
Link: Journal of Archaeological Science; Universitat Autònoma de Barcelona 1, 2;


Cani, gatti selvatici, volpi e tassi nella dieta di El Mirador

25 Gennaio 2015
Consumo di carni è stato rilevato nella caverna di El Mirador, nella Sierra di Atapuerca, in Spagna.  Gli animali parte della dieta degli abitanti sarebbero cani, gatti selvatici, volpi e tassi, per un periodo che va dal sesto al secondo millennio prima di Cristo. Le prove consistono in segni del taglio e di denti umani, ossa rotte e di elaborazione culinaria.
Il consumo di cani sarebbe sporadico e probabilmente legato a una minore disponibilità di cibo.
Lo studio "Butchered and consumed: Small carnivores from the Holocene levels of El Mirador Cave (Sierra de Atapuerca, Burgos, Spain)", di Patricia Martín, Palmira Saladié, Jordi Nadal, Josep María Vergès, è stato pubblicato su Quaternary International.
Link: Quaternary International; Past Horizons


Turchia: tomba di 7000 anni fa dal tempio di Apollo Sminteo

22 Gennaio 2015
Il celebre tempio di Apollo Sminteo a Çanakkale, in Turchia, ha rivelato una tomba di 7000 anni fa, fornendo informazioni su sepolture così antiche. Il tempio fu costruito nel secondo secolo a. C., divenendo di grande importanza nella Troade.
Link: Hurriyet Daily News


L'Irlanda del Neolitico: pazzi per il latte

16 - 17 Gennaio 2015
First_Irish_farmers_hut,_Irish_National_Heritage_Park_-_geograph.org.uk_-_1252729
In Europa, l'agricoltura appare verso il 7000 a. C., diffondendosi per migliaia di anni e arrivando in Irlanda alla fine di questa traiettoria geografica e cronologica, attorno al 4000 a. C. Dai dati derivanti da 450 vasi provenienti da vari siti dell'Irlanda del Neolitico (partendo appunto dal 4000 a. C. per arrivare al 2500 a. C.), evidenziano le attività casearie tra le prime in evidenza per l'isola. Secondo la Dott.ssa Smyth dell'Università di Bristol, che ha curato i risultati di questa ricerca, al tempo l'Irlanda sarebbe davvero "impazzita" per il latte.
Lo studio "Milking the megafauna: Using organic residue analysis to understand early farming practice", di Jessica Smyth e Richard P. Evershed, è stato pubblicato su Environmental Archaeology.

Ricostruzione di una capanna dei primi agricoltori irlandesi, dall'Irish National Heritage Park, foto di David Hawgood, da WikipediaCC BY-SA 2.0, caricata da GeographBot.

Israele: villaggio neolitico sommerso di 7500 anni fa

9 Dicembre 2014
Oltre la costa di Haifa, presso il sito di Kfar Samir in Israele, è stato ritrovato un villaggio neolitico con relativo pozzo d'acqua dolce, ora sommerso a causa dell'innalzamento  del livello del mare, per cinque metri.
Link: Flinders University Blog; Archaeology News Network


Antichi Europei intolleranti al lattosio per 5000 anni dopo l'adozione dell'agricoltura

21 Ottobre 2014
Gli antichi Europei furono intolleranti al lattosio per 5000 anni dopo l'adozione dell'agricoltura, e la loro pigmentazione divenne man mano più chiara con l'imparentarsi di cacciatori-raccoglitori e contadini non locali.
ncomms6257-f4
 
Leggere di più


Uguaglianza di genere a Çatalhöyük

2 Ottobre 2014
L'importantissimo sito neolitico a Çatalhöyük, incluso nella UNESCO World Heritage List del 2012, continua a fornire informazioni preziose sulla vita del periodo.
Il Professor Ian Hodder della Stanford University, ritiene infatti che vigesse lì una sostanziale uguaglianza tra generi: uomini e donne mangiavano gli stessi alimenti, e non sembra ci fosse un leader. Inoltre, pare che gli abitanti non vivessero coi loro genitori biologici.
Link: Hurriyet Daily
 


Biccari: ritrovati i resti di una donna di 7500 anni fa

22 Settembre 2014
Ritrovati a Biccari, durante la costruzione di un parco eolico, i resti di una donna di 7500 anni fa, ora nel museo di Manfredonia.
Link: Repubblica


Stonehenge: c'è molto di più di quanto si pensasse

10 Settembre 2014
800px-Summer_Solstice_Sunrise_over_Stonehenge_2005
La nuova mappa digitale di Stonehenge sta rivelando molto più di quanto si potesse perfino prevedere. Da un lato la pianta è molto più ampia di quanto creduto, dall'altro sta emergendo una serie di monumenti rituali nell'area: tra cappelle, santuari, tumuli.
Stonehenge non è dunque quel colosso che si erige isolato, come si pensava fino a poco tempo fa.
 

Link: The Stonehenge Hidden Landscape Project; The Guardian
Credits: foto caricata e di Andrew Dunn, da Wikipedia, CC Attribution-Share Alike 2.0 Generic


L'origine genetica dei primi agricoltori rivela informazioni sulla loro società

4 Settembre 2014
Su bioRxiv è apparso un nuovo preprint di AA. VV., "Tracing the genetic origin of Europe's first farmers reveals insights into their social organization".
[Adattamento dall'Abstract:] L'agricoltura nell'Europa centrale fu importata con la cultura Linearbandkeramik (LBK), un orizzonte archeologico ben investigato, che emerse nel Bacino Carpatico dell'Ungheria odierna. Ad ogni modo, lo sfondo genetico della genesi LBK non è stato ancora rivelato. I dati presentati confermano la continuità genetica degli elementi  materni e paterni durante la prima diffusione dell'agricoltura, e confermano l'impatto genetico sostanziale delle prime culture agricole europee sud-orientali e del Bacino Carpatico del sesto-quarto millennio avanti Cristo. L'analisi genetica proposta dimostra una chiara affinità dei primi agricoltori ai moderni abitanti del Vicino Oriente e del Caucaso, tracciando l'espansione da quella regione verso l'Europa sud-orientale e il Bacino Carpatico per raggiungere l'Europa Centrale. I risultati sembrano anche suggerire un sistema di discendenza patrilineare e regole di residenza patrilocale tra i primi agricoltori.
Link: bioRxiv; Dienekes' Anthropology