Più di duecento scheletri al di sotto di un supermercato a Parigi

27 - 28 Febbraio 2015
Hopital_Trinité_R_St_Denis_Paris_1550
Più di duecento scheletri, disposti in fosse comuni, sono stati ritrovati al di sotto di un supermercato a Parigi, il Monoprix de Réaumur-Sébastopol, nel secondo arrondissement. Il supermercato si colloca infatti nell'antico edificio Félix Potin, a sua volta costruito sull'ospedale medievale de la Trinité, con annesso cimitero. L'ospedale fu costruito nel dodicesimo secolo e distrutto nel diciottesimo. La scoperta è avvenuta durante un tentativo di ampliamento del magazzino.
Al momento, sono state scoperte otto fosse comuni, con adulti (tanto uomini che donne) e bambini. Non risultano ferite, ma trattandosi di morti in massa, rimane perciò il mistero sulle cause: carestie, peste, febbre, sono tutte possibilità prese in considerazione dagli studiosi. Parigi fu colpita dalla peste nei secoli quattordicesimo, quindicesimo, sedicesimo, e dal vaiolo nel diciassettesimo. Gli archeologi dovranno terminare entro il 20 marzo, per permettere il proseguimento dei lavori nel supermercato.


Link: INRAP; France 3Le parisienPast Horizons; France 24; Archaeology News Network
Dettaglio del Plan de Braun et Hogenberg attorno al 1530, pubblicato nel 1572. Hôpital et cimetière de la Trinité, a rue Saint Denis a Parigi. Di Sebastian Munser (historic-cities.huji.ac.il Plans de Paris), da WikipediaPubblico Dominio, caricata da William Jexpire.
 


Igor Mitoraj (26/03/44-06/10/14)

7 Ottobre 2014
Igor_Mitoraj_HerosDeLumiere_1986
Si è spento ieri a Parigi lo scultore Igor Mitoraj.
La carriera artistica di Igor Mitoraj si è contraddistinta per un recupero e una reinterpretazione degli stilemi scultori classici (i volti, i centauri) e delle rovine Diverse sue opere sono state esposte in Italia o sono posizionate permanentemente.
Potete vedere una galleria di alcune opere su Wikipedia, sul Corriere Fiorentino e su La Repubblica (ed. Firenze) .
Heros de Lumiere, Carrara marble (1986) at the Yorkshire Sculpture Park, foto da Wikipedia, CC BY-SA 1.0, Uploaded by Grabi.