Cinque nuovi sentieri di Machu Picchu apriranno al pubblico

22 Maggio 2015
640px-80_-_Machu_Picchu_-_Juin_2009_-_edit.2
Nell'ottica di aumentare il turismo nell'area, apriranno al pubblico cinque nuovi sentieri delle rovine di Machu Picchu, nella provincia peruviana di Cuzco. Le autorità hanno affermato che nel futuro verranno aperti altri sentieri Inca relativi ad altri importanti siti archeologici, finora chiusi al pubblico a causa di danni e problemi al terreno.
Link: ; Latino Fox News; Archaeology News Network
Machu Picchu al crepuscolo, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Martin St-Amant (S23678).
 


Perù: nuovo tempio a Mata Indio

18 Maggio 2015
Peru_-_Lambayeque_Department_(locator_map).svg
Un team guidato da Walter Alva, che scoprì il celebre Signore di Sipán, è ora impegnato presso un tempio nell'area nota come Mata Indio, nella regione di Lambayeque. La struttura presenta 30 disegni e graffiti, ed è parte di una ricerca condotta da Alva per ritrovare le origini della cultura peruviana dei Mochica (o Moche).
Link: FOX News LatinoArchaeology News Network via EFE
La regione peruviana di Lambayeque, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Huhsunqu (suo lavoro derivativo: Peru_-_(Template).svg: Huhsunqu derivative work: Huhsunqu (talk) - Peru_-_(Template).svg ).
 


Le linee di Nazca, segni di antichi pellegrinaggi

1 - 4 Maggio 2015
Nazca_monkey
Secondo quanto affermato dal prof. Masato Sakai dell'Università di Yamagata con uno studio presentato per l'ottantesimo incontro annuale della Society for American Archeology, tenutosi il 16 Aprile e riportato su Live Science, le linee di Nazca sarebbero in realtà relative a pellegrinaggi che si sarebbero svolti per raggiungere un tempio nell'area.
Link: Live Science; Discovery News; Archaeological News Network
Foto aerea del geoglifo della Scimmia, scattata nel 1953 da Maria Reiche, uno dei primi archeologi a studiare le linee. Da WikipediaPubblico Dominio, caricata da Ed89.
 


Perù: cripta dei primi cristiani da Cuzco

27 - 29 Aprile 2015
Scoperta in Perù una cripta, di fronte al Tempio di San Francesco D'Assisi (datato al 1556) nella città di Cuzco. Si sono ritrovati 32 scheletri dei primi cristiani nella regione.

Link: International Business Times; El Comercio; Archaeology News Network


Perù: mummia salvata dalla compattazione a Chan Chan

16 Aprile 2015
Una mummia finita in uno scatolo, destinata ad essere compattata, è stata fortunatamente salvata in Perù, presso Chan Chan (850 d. C.), la più grande città della civiltà Chimú.
Link: International Business Times; Fox News Latino; El Comercio


Distrutto il geoglifo peruviano Tripla Spirale

15 Aprile 2015
Distrutto da agricoltori il geoglifo peruviano di seicento anni fa, noto come Tripla Spirale (Triple Spiral, non si trattava però di una triscele).

Link: Peru this Week; El Comercio 1, 2


Perù: mummie in movimento da Tenahaha

10 Aprile 2015
171 mummie a pezzi che venivano continuamente spostate, e datate a 1200 anni fa, sono state ritrovate a Tenahaha, nella valle peruviana di Cotahuasi. I motivi dietro l'attività delle mummie sono ancora poco chiari.
Link: LiveScienceThe Daily Mail


Perù: mummie Inca presso Lima

11 - 20 Marzo 2015
La mummia di un bambino, preservata per oltre mille anni insieme a quelle di adulti (una quarantina in totale), è stata ritrovata in un complesso Inca presso Lima, in Perù.
Link: National Geographic; Daily Mail


Le significative differenze nei volti dei popoli del Perù

10 Febbraio - 6 Marzo - 28 Maggio 2015
QuechuaWoman
Si è spesso percepita un'omogeneità fisica nei gruppi precolombiani del Perù, con particolare riferimento ai tratti del volto. Una ricerca svolta da un team di antropologi ha però ribaltato questo assunto, a lungo ritenuto valido, evidenziando l'esistenza di ben sette gruppi precolombiani peruviani dalle significative differenze facciali. Si riteneva infatti che, prima dell'arrivo degli Europei non vi fossero significative variazioni: non è così, e viene perciò messa in discussione la validità del considerare i volti degli Yauyos come significativi per il Sud America. Nell'analisi si sono considerati 507 teschi da sette gruppi: Yauyos, Ancon, Cajamarca, Jahuay, Makatampu, Malabrigo, e Pacatnamu, società vissute tra l'anno 1 e il 1470 d. C. peoples. La scoperta può influire anche sulle ipotesi migratorie. I dati sono stati pubblicati in un database aperto a tutti, presso la North Carolina State University.
[Dall'Abstract:] Numerosi studi hanno utilizzato i dati craniometrici per esplorare i ruoli della diversità genetica e ambienaale nella variazione della forma del cranio umano. Il Perù è una regione particolarmente interessante per esaminare la variazione craniale, a causa della notevole varietà di zone ecologiche ad alte e basse altitudini, che in combinazione col terreno accidentato hanno creato popolazioni isolate con adattamenti fisiologici notevolmente differenziati. Lo studio esamina sette campioni dal Perù nel tentativo di comprendere i contributi dell'adattamento ambientale e correlazione genetica alla variazione craniofacciale su scala regionale.
Lo studio "Craniofacial plasticity in ancient Peru", di Jessica H. Stone; Kristen Chew; Ann H. Ross; John W. Verano, è stato pubblicato su Anthropologischer Anzeiger.
Link: Anthropologischer AnzeigerNC State News; Peru This Week
Donna Quechua con lama, Quechua, dal dipartimento di Cuzco in Perù, foto da WikipediaPubblico Dominio, caricata da PhJ.
 


La dieta di duemila anni fa a Paracas

12 - 23 Febbraio 2015
640px-Paracas_textile,_British_Museum
Un nuovo studio, utilizzando tecniche di bioarcheologia e biogeochimica, ha studiato la dieta di 14 individui vissuti in Perù duemila anni fa. Queste mummie furono ritrovate presso la necropoli Paracas di Wari Kayan, che fu oggetto per la prima volta di scavi con Julio C. Tello, nel 1925.
Nonostante si tratti di uno dei cimiteri più famosi del Perù, molte domande rimangono aperte sugli individui lì sepolti. Le informazioni sulla dieta ottenute in questo studio, non si limitano a fornire dati sulla salute, ma anche sugli spostamenti e sui luoghi di residenza, oltre che sulla vita quotidiana e sui mezzi di sostentamento.
Lo studio "Paleodiet in the Paracas Necropolis of Wari Kayan: carbon and nitrogen isotope analysis of keratin samples from the south coast of Peru", di Kelly J. Knudson, Ann H. Peters, Elsa Tomasto Cagigao, è stato pubblicato sul Journal of Archaeological Science.
Link: Journal of Archaeological Science; Arizona State University; Phys.orgPast Horizons; Live Science 1, 2.
Tessuti nello stile di Paracas, al British Museum, oggetto 24 della collezione A History of the World in 100 Objects. Foto da WikipediaCC BY-SA 4.0, di e caricata da Mike Peel.