Riprendono le ricerche ad Antikythera

22 - 23 Giugno 2015
640px-NAMA_Machine_d'Anticythère_1
Riprendono le ricerche subacquee ad Antikythera, presso il sito i cui resti risalirebbero al periodo tra il 70 e il 60 a. C. Sarebbe da comprendere se si tratta di un unico relitto o di due navi. Ad ogni modo si tratterebbe della più grande nave dell'antichità mai ritrovata, che trasportava merci di lusso, di natura molto diversa.
Si segnala anche una ricostruzione del celebre meccanismo in 3D.
Link: Greek Reporter; Protothema; Live Science; Daily Mail
Il meccanismo di Antikythera, foto da WikipediaCC BY 2.5, caricata da Marsyas.
 


Irlanda: due cannoni dal relitto La Juliana

17 - 18 Giugno 2015
320px-Routes_of_the_Spanish_Armada
Due cannoni del sedicesimo secolo sono stati recuperati dal relitto La Juliana, uno dei tre galeoni dell'Invincibile Armata che affondarono nel Settembe 1588 al largo della costa di Sligo. Saranno conservati nel Museo Nazionale d'Irlanda.
Link: The Local es; Archaeology News Network via The Irish Times
La spedizione dell’Invincibile Armata, autore l’History Department of the United States Military Academy at West Pointda WikipediaPubblico dominio, caricato da Kooma.


Volti da due membri della sfortunata spedizione di Franklin

4 Giugno 2015
'Erebus'_and_the_'Terror'_in_New_Zealand,_August_1841_by_John_Wilson_Carmichael
Continuano le ricerche attorno alla HMS Erebus, la nave di John Franklin che aveva partecipato alla sfortunata spedizione del 1845, partita alla ricerca del Passaggio a Nord-Ovest.
Dai ritrovamenti di resti parziali di tre membri della spedizione, effettuati nel 2013, e in particolare da due dei tre crani, è stato possibile tentare la ricostruzione dei tratti facciali di due membri della spedizione. Si spera che le famiglie di coloro che si ritengono i parenti presunti si presentino per un riconoscimento o per la prova del DNA.
Leggere di più


Sud Africa: manufatti da una nave per il trasporto degli schiavi

1 Giugno 2015
I manufatti provenienti da una nave di 221 anni fa, utilizzata per il trasporto di schiavi, e affondata al largo del Sud Africa, saranno oggetto di annuncio ufficiale a Cape Town, da parte del National Museum of African-American History and Culture Smithsonian, insieme ai Iziko Museums of South Africa, per poi essere oggetto di mostre.
Tra i reperti: barre di ferro usate come zavorra, per bilanciare il peso degli schiavi; catene, oggetti in rame e una puleggia in legno. La nave portoghese, che porta il nome di São José Paquete Africa, era salpata dal Mozambico.
Link: George Washington UniversityBBC News; NY Times; NPR; CNN; Past HorizonsArchaeology News Network


Un nuovo metodo di fotogrammetria per la rapida mappatura dei siti

13 - 22 Maggio 2015
Grazie a un nuovo metodo di fotogrammetria, la mappatura dei siti archeologici potrà diventare assai più veloce, costruendo modelli 3D a partire dalle fotografie. Il metodo è stato applicato a una tomba vichinga scoperta a Skaun nel Sør-Trøndelag nel 2014, e al relitto della nave olandese “De Grawe Adler” (L'Aquila Grigia), affondata nel 1696 presso Strømsholmen nell'Hustadvika. Entrambi i siti sono in Norvegia.
I link per visualizzare il sito archeologico Vichingo e dello scudo in pdf sarebbero poi solo un passo intermedio, e magari nel futuro sarà possibile anche l'utilizzo di occhiali 3D.
Link: Gemini; Science Daily; Phys.org


Panama: identificato il relitto della Nuestra Señora de Encarnación

12 Maggio 2015
Il relitto al largo della costa Caraibica di Panama, presso la foce del fiume Chagres, è stato identificato come la nave mercantile Nuestra Señora de Encarnación, un nao coloniale spagnolo affondato nel 1681 insieme ad altre imbarcazioni durante una tempesta. Il relitto contiene l'intera parte inferiore della nave, oltre a svariati manufatti.
 
Encarnación excavation video A from San Marcos Mercury on Vimeo.

Link: Texas State University; The History Blog; National Geographic


Ritrovato il tesoro del Capitano Kidd?

7 - 9 Maggio 2015
William_Kidd
Ritrovato al largo del Madagascar quello che sarebbe il "tesoro" del famoso Capitano William Kidd, pirata scozzese del diciassettesimo secolo. Le attività di Kidd sono oggetto di dibattito: originariamente un corsaro alle dipendenze della corona, fu probabilmente in seguito anche pirata. Quel che è certo è che fu poi catturato di ritorno dall'Oceano Indiano e giustiziato nel 1701.
Tornando al ritrovamento, vi sarebbero ben tredici relitti nell'area presso l'isola di Sainte Marie, nota anche come Isola dei Pirati. Il team, guidato dall'esploratore Barry Clifford, si sarebbe soffermato su due navi, il Fire Dragon e l'Adventure Galley. Quest'ultima sarebbe la nave di Kidd: e da essa si sarebbe recuperato un lingotto d'argento del peso di ben 50-55 kg, il più grande ritrovamento di questo genere .
Dubbi e critiche alla scoperta sono però venute dall'UNESCO, che ha stigmatizzato il fatto che non ci fossero archeologi professionisti a supervisionare la scoperta in modo permanente durante le operazioni. Delegati dell'UNESCO si recheranno perciò sul luogo a verificare i metodi utilizzati.
Leggere di più


Finlandia: ritrovato il relitto della Hanneke Wrome?

1 Maggio 2015
Si sarebbe ritrovato in Finlandia il relitto dell'Hanneke Wrome, una nave che trasportava diecimila monete d'oro, merci e oltre duecento persone tra passeggeri ed equipaggio. La nave, salpata da Lubecca per Tallin l'undici novembre 1468, affondò dopo nove giorni.
Link: Helsingin Sanomat; Archaeology News Network via Xinhua


Si sciolgono i ghiacci, relitti visibili nel Lago Michigan

19 - 29 Aprile 2015
Con lo scioglimento dei ghiacci sono ora visibili i relitti presenti nel Lago Michigan, nella regione statunitense dei Grandi Laghi, una delle aree più note per il turismo di sommozzatori.
Leggere di più


I video dal relitto del sommergibile portaerei giapponese I-400

28 Aprile 2015
I400Hangar
Nel Dicembre del 2013, l'università delle Hawaii e il NOAA, insieme a NHK, unirono le forze e scoprirono il relitto del sommergibile portaerei giapponese I-400, al largo della costa di Oʻahu. Si tratta della classe di sottomarini più grandi fino alla costruzione di quelli nucleari.
Più di recente si sono individuate e filmate la campana, la torre di comando e l'hangar del sommergibile, che poteva contenere fino a tre bombardieri idrovolanti. Leggere di più