Polonia: la ricerca della casa di famiglia di Zawisza Czarny

6 Aprile 2016

La ricerca della casa di famiglia di Zawisza Czarny

Zawisza Czarny in un dettaglio della "Battaglia di Grunwald", di Jan Matejko. Fonte: Wikipedia
Zawisza Czarny in un dettaglio della "Battaglia di Grunwald", di Jan Matejko. Fonte: Wikipedia
La sua fama giunse nelle più lontane parti d'Europa. Imbattuto nei tornei, vincitore sul campo di battaglia, un diplomatico - Zawisza Czarny di Garbów, blasone Sulima. Gli studiosi cominceranno presto il progetto di ricerca che potrà contribuire a ritrovare la sua casa di famiglia vicino Sandomierz.
Stary Garbów e Nowy Garbów, piccoli villaggi confinanti, sono situati a meno di 15 km a nord di Sandomierz, nel comune di Dwikozy (Świętokrzyskie). Non spiccano tra i paesi locali, circondati da una scacchiera di campi e frutteti. La loro storia, ad ogni modo, è abbastanza straordinaria. Gli studiosi hanno confermato oltre ogni dubbio che da "questo" Garbów venne il più famoso cavaliere polacco Zawisza Czarny (circa 1370-1428), che, attraverso i trionfi in numerosi tornei in Europa, tra quattordicesimo e quindicesimo secolo guadagnò fama, similmente alle più grandi star dello sport e della cultura pop di oggi.
"Siamo fiduciosi che questo sia il luogo, anche se solo 20 anni fa non era affatto certo nella storiografia" - così ha riferito a PAP il dott. Tomisław Giergiel dell'Istituto di Storia dell'Università Maria Curie-Skłodowska a Lublino. Ha aggiunto che la ricerca condotta in anni recenti ha dissipato molti dubbi. "Sappiamo che era nato qui e che era fiero delle sue radici. Quel sentimento non è diminuito nonostante la carriera da meteora nei tornei medievali. Ovunque fosse nell'Europa occidentale, si riferiva a se stesso come facevano suo padre e suo nonno: +di Garbów+" - ha sottolineato il dott. Giergiel.
Ma dov'era esattamente la casa natale del cavaliere? A Stary Garbów o a Nowy Garbów? O da qualche parte nel mezzo? Come doveva apparire? Era simile ad altri palazzi di famiglie benestanti? "Venne da Garbów. Questa Garbów" - ed è qui che la conoscenza di storici, regionalisti ed esperti termina.
L'archeologo, direttore del Museo Regionale a Sandomierz, dott. Dominik Abłamowicz vuole aprirsi un varco nella nebbia di congetture e ipotesi. "Ho lavorato a Sandomierz per un anno. Visto che sono qui, imparo a conoscere questa terra, i suoi monumenti. Sono stupefatto dal numero di monumenti, ce ne sono così tanti. Mentre esploravo le aree circostanti ho visitato Garbów" - ha affermato in un'intervista a PAP.
Il ricercatore era affascinato dal fatto che nella documentazione archeologica dall'area di Garbów non ci sia un solo sito del Medio Evo. Secondo il direttore del museo, nonostante la mancanza di reperti archeologici noti del Medio Evo in quest'area, si può confermare oltre ogni dubbio che l'insediamento a Garbów sia molto più antico. "Ci deve essere stato un centro feudale qui, associato al fatto che questa era la residenza della famiglia Zawisza, che regnava su queste terre. Dovevano esserci insediamenti rurali" - ha affermato.
Così nacque l'idea di utilizzare i metodi della moderna archeologia e scienze connesse per trovare l'ubicazione della residenza. "Il finanziamento che siamo riusciti a vincere non è per operazioni di carattere invasivo. Non avremo fondi per gli scavi. L'archeologia ha varie tecniche di ricognizione. Da una mano c'è il metodo tradizionale che comprende l'esplorazione della superficie, particolarmente efficace durante l'inizio della primavera, quando vari oggetti compaiono sulle superfici dei terreni arabili come risultato dei processi legati al gelo e alle attività agricole. Questo è un metodo" - ha affermato.
Ci si può aspettare che le case della nobiltà avessero funzioni difensive e che fossero costruite in posti naturalmente difesi. "In aggiunta alle ragioni archeologiche, il terreno è importante, ragion per cui intendiamo incontrare i residenti di Garbów, i giovani, per chiedere loro se hanno mai trovato qualcosa, se un tumulo o una collina furono appiattiti nel passato" - ha affermato il direttore.
Tra quattordicesimo e quindicesimo secolo, la motta castrale (NdT: motte-and-bailey castle in Inglese) era una forma popolare di residenza per i nobili, le cui tracce ancora rimangono in molti luoghi della vecchia provincia di Sandomierz. Una delle meglio preservate di questo tipo è situata a Włoszczowa, nella parte occidentale della provincia di Świętokrzyskie. Un tumulo regolare, alto cinque metri si erge chiaramente sui terreni piatti e i prati. In cima probabilmente c'era un tempo una torre residenziale.
Qualsiasi informazione dai residenti, fondata, ad esempio, su storie di famiglia, che da qualche parte a Garbów ci fosse una collina o un "tumulo", potrebbe guidare gli archeologi verso il luogo dove un tempo si ergeva la casa di Zawisza Czarny; supponendo che fosse una motta castrale, il che non è certo. "Questa è una delle ipotesi" - ha sottolineato l'archeologo.
Un altro suggerimento che può avvicinare i ricercatori a ritrovare la sua ubicazione potrebbe essere fornito da una storia ben più recente. "A Garbów c'era un palazzo, nel quale nacque il generale Józef Dowbor-Muśnicki (1867-1937). Il palazzo non esiste più. Ne faccio menzione perché è la seconda persona di rilievo nella storia della Polonia a vivere qui. Spesso, nuove residenze di nobili, ad esempio palazzi, erano costruiti sul luogo di vecchie residenze, come  +luogo di potere sancito+; questo è un altro aspetto del caso" - ha affermato.
Oltre ai rilevamenti in superficie, gli studiosi intendono utilizzare gli ultimi metodi di ricerca. Questi comprendono le foto aeree, l'elaborazione delle quali permette un'analisi accurata della morfologia del terreno per determinare la configurazione del paesaggio. "In luoghi di interesse porteremo avanti test fisici utilizzando attrezzature per la resistività elettrica, simili a quelle utilizzate per la ricerca del +treno dorato+ nella Bassa Slesia" - ha spiegato.
Un altro ramo dell'archeologia, che può avvicinarci alla risoluzione del puzzle, è chiamato archeologia ambientale, ed esamina la relazione tra uomo e la sua economia e il paesaggio. "Nel nostro campo scientifico ci poniamo spesso domande di geografia storica: perché gli uomini scelsero questo particolare posto, perché l'insediamento fu fondato qui? Come cambiò i dintorni?" - ha spiegato il dott. Abłamowicz. Ha notato che al contrario delle credenze popolari, i cambiamenti nel paesaggio non sono solo caratteristici dell'era industriale, poiché il paesaggio è influenzato dall'attività agricola.
Per questa ragione, gli studiosi intendono prendere campioni vicino il fiume Opatówka e nelle lanche della Vistola, dove la torba può essere presente. "La torba crea un microclima unico, che mantiene i dati dal passato freschi come in un frigo. (...) Presenta i resti delle piante. Il loro studio e la loro datazione permettono di determinare se i sedimenti includono resti botanici riconducibili all'azione umana, come pollini di granaglie o altre colture. Se si può stabilirlo, contribuirebbe a determinare molti aspetti dell'attività agricola al tempo di Zawisza" - ha affermato.
La scoperta dell'ubicazione della casa di Zawisza Czarny sarebbe un altro importante evento per il paese, dove la memoria del cavaliere medievale è molto viva. C'è un monumento del cavaliere, che è il patrono della scuola locale. C'è pure un'Associazione per la Memoria di Zawisza Czarny blasone Sulima di Garbów che è molto attiva; la sua attività può essere seguita sull'interessante sito web.
La ricerca sarà supportata da un finanziamento dell'Istituto del Patrimonio Culturale Nazionale a Varsavia dal programma "Patrimonio Culturale - priorità: protezione dei siti archeologici". Includendo il proprio contributo, il lavoro programmato costerà circa 40 mila zloty.
A Zawisza Czarny di Garbów, blasone Sulima, ci si riferisce nelle cronache latine come a Zawissius Niger de Garbow, nato attorno al 1370 a Garbów. Morì per mano dei Turchi nel Giugno 1428 nella fortezza di Golubac, le rovine della quale possono ancora essere viste nella Serbia orientale sulla riva destra del Danubio. A causa delle sue vittorie in numerosi tornei e dell'eroismo sul campo di battaglia fu visto come un modello di virtù cavalleresca. Fu anche un esperto diplomatico di re Ladislao II Jagiello, che rappresentò Ladislao II al Concilio di Costanza negli anni 1414-1418.
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland, Marek Klapa. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.

Tomba di élite di un migliaio di anni fa scoperta a Sandomierz

19 Agosto 2015

Tomba di élite di un migliaio di anni fa scoperta a Sandomierz

Scavi a Sandomierz, nel luogo dove l'inusuale tomba è stata scoperta. Foto di Monika Bajka
Scavi a Sandomierz, nel luogo dove l'inusuale tomba è stata scoperta. Foto di Monika Bajka
Un'ampia tomba, nella forma di una struttura in legno incassata nel terreno, è stata scoperta dagli archeologi durante scavi presso la Porta Opatowska Gate a Sandomierz. È il primo ritrovamento di questo tipo nella regione di Sandomierz.
"Nelle vicinanze della tomba abbiamo trovato frammenti di ceramica rotta e tracce di fuoco - probabilmente resti di riti funerari" - così crede il dott. Marek Florek dell'Istituto di Archeologia dell'Università Maria Curie-Skłodowska a Lublino e della Delegazione Sandomierz dell'Ufficio Regionale per la Protezione dei Monumenti a Kielce, che ha partecipato agli scavi.
Camera tombale. Foto di Monika Bajka
Camera tombale. Foto di Monika Bajka

Leggere di più

Dalla discarica al museo

17 Luglio 2015

Dalla discarica al museo

Foto: Museo del Distretto a Sandomierz
Foto: Museo Distrettuale a Sandomierz
Un manufatto unico è stato donato alle collezioni archeologiche del Museo Distrettuale a Sandomierz, da colui che ha effettuato il ritrovamento accidentale. Un bracciale in bronzo ha più di tremila anni.
La storia moderna dell'ornamento millenario cominciò trent'anni fa, quando Stanisław Kwiatkowski da Opatów lo scoprì nel deposito di rottami di Jasice presso Ożarów, nella provincia di Świętokrzyskie. Negli ultimi anni, negli anni '80, l'oggetto era in mostra nel percorso turistico metropolitano di  Opatów. Dopo la liquidazione della mostra ritornò a colui che effettuò il ritrovamento, che dopo pochi giorni donò il manufatto al Museo Distrettuale di Sandomierz.
"Subito dopo la fase di conservazione i visitatori saranno in grado di ammirarlo in una mostra archeologica permanente al Castello di Sandomierz" - ha spiegato Monika Bajka, archeologa del museo. "Faremo domanda tramite l'Ufficio Provinciale per la Protezione dei Monumenti a Kielce al Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale per un premio previsto in questi casi per chi ha effettuato il ritrovamento, che ha salvato l'oggetto dalla distruzione e lo ha consegnato per l'analisi scientifica al museo" - ha aggiunto.
Secondo i curatori, lo stile e la forma dell'oggetto e la sua decorazione possono essere attribuiti alla comunità della cultura di Trzciniec e datati agli anni attorno al 1300-1100 a. C. Nell'altopiano di Sandomierz tali ritrovamenti sono estremamente rari, presumibilmente vennero da produttori in Slesia e Wielkopolska, ma gli scienziati non escludono la produzione locale di tali oggetti. Gli archeologi si rammaricano che l'ornamento da Jasice sia privo di contesto - non sappiamo da dove venga esattamente e come finì nella discarica. Presumono, tuttavia, che sia stato scoperto nell'area.
Non solo l'origine del manufatto è enigmatica. "Abbiamo poche informazioni su come questi ornamenti fossero portati, perché di solito sono noti come tesori o ritrovamenti autonomi. Solo una scoperta in una tomba può chiarire questo punto" - ha aggiunto Bajka. Gli archeologi speculano sul fatto che queste decorazioni fossero portate sia da uomini che da donne. Potevano essere portati sulla spalla o - come indicato nelle scoperte nelle tombe in Germania, dove simili ornamenti sono stati ritrovati sulle ossa della parte inferiore della gamba - sulla gamba.

Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.