Tecnologie e differenze dai siti preistorici sudafricani

10 - 11 Luglio 2015
journal.pone.0131127.g018
Due importanti siti preistorici sudafricani, Sibudu e Blombos, separati da mille chilometri, utilizzavano strumenti litici simili attorno a 71 mila anni fa (Middle Stone Age, Età della Pietra media in Africa), eppure vi erano differenze nel modo in cui i manufatti erano prodotti.
Si tratterebbe di qualcosa di diverso rispetto a quanto avvenne invece 65 mila anni fa, quando si sarebbe avuta diffusione di tradizioni culturali in Sud Africa.
Gli studiosi hanno effettuato un'analisi sistematica e tipologica degli ammassi Still Bay da Sibudu e Blombos. Similmente hanno operato per le analisi di quelli Howiesons Poort da Sibudu, visti in confronto a quelli di Rose Cottage e della Grotta 1A presso il fiume Klasies. A partire da questo gli studiosi hanno discusso l'estensione di gruppi omogenei. Sarebbe risultato che il complesso Howiesons Poort subì cambiamenti nel tempo, trasmesso da istruzioni verbali e insegnamenti. Per quanto riguarda gli strumenti litici Still Bay da Sibudu e Blombos, l'idea che derivino da un'unica unità culturale risulta indebolita.
Leggere di più


Sud Africa: pittura al latte e ocra di 49 mila anni fa

30 Giugno - 6 Luglio 2015
journal.pone.0131273.g001
L'utilizzo dell'ocra risale ad almeno 250 mila anni fa: quello scoperto a Sibudu, in Sud Africa, è però un campione che per la prima volta la mostra mescolata al latte. La sostanza è stata probabilmente ottenuta da un bovino selvatico, come potevano esserlo il bufalo, l'eland, il kudu e l'impala, e quegli uomini dovettero attribuirle uno speciale significato. Non è ancora certo l'utilizzo che ne fu fatto, ma potrebbe essere stata applicata tanto a una superficie quanto alla pelle. La pittura corporea è praticata ancora oggi dagli indigeni San nella regione e testimoniata dall'antica arte rupestre.
[Dall'Abstract: ] Le analisi su di una scheggia ritrovata nello strato relativo a 49 mila anni fa dal sito sudafricano di Sibudu hanno rivelato la presenza di un residuo prodotto dal mescolamento di ocra e caseina da latte, probabilmente ottenuta dall'uccisione di un bovino selvaggio che produceva la sostanza. Si tratta di una scoperta molto importante, perché da una parte testimonia l'utilizzo del latte come legante, e dall'altra ne stabilisce l'utilizzo in tal senso, molto prima dell'introduzione di bovini addomesticati in Sud Africa, avvenuta nel primo millennio d. C. La pittura  sarebbe stata poi applicata a una superficie o anche alla pelle umana.
Leggere di più