UNESCO: Palermo, Cefalù e Monreale e nuovi siti patrimonio dell'umanità

2 - 7 Luglio 2015
Chapelle_Palatine
La Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale rientrano nell'elenco dei nuovi siti, patrimonio dell'umanità UNESCO. Con questi nuovi monumenti, l'Italia arriva a contarne ben 51. Tra gli altri ricordiamo in particolare Efeso in Turchia.
I nuovi siti sono 24. Oltre a quello di carattere misto (naturalistico e culturale) delle Montagne Blue and John Crow in Giamaica, vi sono i seguenti: Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale (Italia), l'Acquedotto del Sistema Idraulico Padre Tembleque (Messico), le aree storiche di Baekje Historic Areas (Repubblica di Corea), il sito battesimale “Betania oltre il Giordano” (Al-Maghtas) (Giordania), Christiansfeld, insediamento clericale della Moravia (Danimarca), i Climats, terroirs della Burgundia (Francia)Colline dello Champagne, case e cantine (Francia)Paesaggi culturali di Maymand (Repubblica Islamica dell'Iran)Fortezza di Diyarbakir e  paesaggio culturale dei giardini di Hevsel (Turchia), Efeso (Turchia), il ponte di Forth (Regno Unito)il paesaggio culturale-industriale di Fray Bentos (Uruguay), la grande montagna reat Burkhan Khaldun e il paesaggio sacro circostante (Mongolia), Necropoli di Beth She’arim—pietra miliare del Revival Ebreo (Israele)il paesaggio Par Force Hunting in Nuova Zelanda (Danimarca)Arte rupestre nella regione Hail dell'Arabia SauditRegion of Saudi ArabiaGiardini Botanici di Singapore (Singapore)sito di patrimonio industriale Rjukan-Notodden (Norvegia), San Antonio Missions (Stati Uniti d'America)Cammini di Santiago de Compostela: Camino Francés e strade della Spagna SettentrionaleSiti della Rivoluzione Industriale Meiji: ferro e acciaio, cantieri navali ed estrazione del carbone (Giappone), Speicherstadt e Distretto Kontorhaus con Chilehaus (Germania)Susa (Repubblica Islamica dell'Iran)siti Tusi (China).
Sulla lista dei siti a rischio c'è stata l'aggiunzione di Hatra (Iraq) e della Città Vecchia di Sana’a (Yemen), insieme alla Città Vecchia Murata di Shibam (Yemen). Rimosso dalla lista invece il sito di Los Katíos in Colombia.
Link: UNESCO 1, 2, 3, 4, 5, 6; Repubblica - PalermoPast Horizons; Daily Mail; The Globe and Mail; Israel Ministry of Foreign Affairs; Hurriyet Daily NewsArchaeology News Network via AFP
La Cappella Palatina a Palermo, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Urban~commonswiki.
 
Leggere di più


Sicilia: necrofobia e necromanzia da Kamarina

11 - 19 Giugno 2015
800px-Camarina_Agora_03
Anche se ai Greci si attribuisce un ruolo fondamentale nella nascita del pensiero logico e razionale, nei loro scritti ci sono passaggi che esprimono chiaramente la credenza che i morti potessero continuare ad vagare sulla terra. Questi però potevano costituire un pericolo anche non lasciando fisicamente le proprie tombe.
Dal cimitero greco di Kamarina (o Camarina), in Sicilia, verrebbero le prove archeologiche riguardanti l'applicazione pratica di queste credenze: alcuni scheletri erano appesantiti da rocce e pesanti frammenti di anfora, per impedire loro di emergere dalla tomba. A Kamarina non vi sono però solo testimonianze di necrofobia, ma pure di necromanzia, con un'iscrizione magica (katadesmos) che invece invitava i morti ad uscire dalle tombe e a ottenere la loro vendetta sui vivi.
Leggere di più


Salvatore Cuschera a Milano: “La scultura modella lo spazio”

Cultura

“La scultura modella lo spazio”

Al Civico Museo – Studio Francesco Messina, fino al 30 giugno 2015, 20 sculture, 15 ceramiche e un arazzo realizzati da Salvatore Cuschera

scultura.jpg

Milano, 16 giugno 2015 – “La scultura modella lo spazio”:  20 sculture in ferro, 15 ceramiche e 1 arazzo, datati 1995-2015 realizzati da Salvatore Cuschera saranno in mostra al Civico Museo – Studio Francesco Messina, fino al 30 giugno 2015. Le opere sono collocate all’interno e all’esterno della chiesa sconsacrata di San Sisto al Carrobbio, in via San Sisto 4/A, dove Messina ebbe studio per diversi anni e dove oggi sono conservati anche i suoi disegni che datano dal 1935 al 1981. Con questo spazio antichissimo, degli inizi del secolo XVII, e decisamente identitario, si confronta Cuschera, portandovi, per le cure di Giuseppe Appella, 20 sculture in ferro, 15 ceramiche e un grande arazzo che coprono gli ultimi venti anni del suo lavoro.

Leggere di più


UNESCO - Candidatura "Palermo Arabo-Normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreal"

6 Maggio 2015

UNESCO - CANDIDATURA “PALERMO ARABO-NORMANNA E LE CATTEDRALI DI CEFALU’ E MONREALE” RACCOMANDATA PER ISCRIZIONE LISTA PATRIMONIO UMANITA’.

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha ricevuto notizia della valutazione positiva della candidatura UNESCO “Palermo arabo normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale” giunta dall’ICOMOS, l’organismo internazionale consultivo di riferimento  per il patrimonio culturale.
La candidatura, svoltasi con il coordinamento ed il supporto tecnico- scientifico del Segretariato Generale del MiBACT, è stata promossa dalla Regione Siciliana e dalla Fondazione Patrimonio UNESCO Sicilia. Essa ha per oggetto un sito seriale composto da 7 complessi monumentali palermitani e dai 2 complessi delle Cattedrali di Cefalù e Monreale a testimoniare l’altissimo valore del sincretismo culturale arabo-normanno che generò uno stile architettonico ed artistico eccezionale in grado di rappresentare, ancora oggi, l’esempio tangibile di convivenza, interazione e interscambio tra culture eterogenee.
La raccomandazione dell’ICOMOS rappresenta un risultato fondamentale ai fini dell’iscrizione, giunto a seguito di un lungo e complesso iter per la valutazione della candidatura che, dopo la presentazione della proposta nel 2014, ha compreso fasi interlocutorie con gli organismi internazionali ed ispezioni sul campo da parte di esperti di fama mondiale.  Per l’effettiva iscrizione nella World Heritage List si attende, dunque, la conferma del Comitato del Patrimonio Mondiale che si riunirà dal 28 giugno all’8 luglio 2015 a Bonn, a seguito della quale l’Italia avrà annoverato il suo 51° sito UNESCO.
Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone


Ipotesi interpretative e interventi tecnico scientifici sul dipinto de l'Annunciata

10 Marzo 2015

Ipotesi interpretative e interventi tecnico scientifici sul dipinto de l'Annunciata

640px-Antonello_da_Messina_035
Si torna a parlare dell'opera di Antonello da Messina:

Roma,  18 marzo 2015 ore 17.00, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Palazzo Chigi Sala Polifunzionale Colonna (Roma)
Dopo un lungo periodo di approfondimenti legati alla Sua trasferta oltre oceano e le ultime mostre alle Scuderie del Quirinale ed il Mart di Rovereto è  lo studioso e restauratore Giovanni Taormina che sta approfondendo l'analisi sulla prestigiosa opera di Antonello l'Antonello, riuscendo a coinvolgere un'equipe di radiologi, restauratori, chirurghi estetici, cine operatori, insomma tutti trattamenti riservati ad una star senza tempo...

Leggere di più


La Commissione Europea ha approvato un programma da 490 milioni di euro per il patrimonio culturale

4 Marzo 2015

LA COMMISSIONE EUROPEA HA APPROVATO PROGRAMMA DA 490 MILIONI DI EURO PER PATRIMONIO CULTURALE.
Franceschini: un grande successo, è il primo PON comunitario di sostegno alla cultura

Con Decisione C(2015) 925 del 12 febbraio la Commissione Europea ha adottato il Programma Operativo Nazionale “Cultura e Sviluppo” 2014 – 2020 cofinanziato dai fondi comunitari (FESR) e nazionali, per un ammontare complessivo di circa 490,9 milioni di euro, che vede il MiBACT nel ruolo di amministrazione proponente e Autorità di gestione.

 
Come previsto dall'Ue, il programma è destinato a 5 regioni del Sud Italia - Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia -  ed ha come principale obiettivo la valorizzazione del territorio attraverso interventi di conservazione del patrimonio culturale, di potenziamento del sistema dei servizi turistici e di sostegno alla filiera imprenditoriale collegata al settore.


Antonello, l'Annunciata, il Magnificat. Una sensazionale affermazione scientifica su la Madonna di Antonello da Messina "è una Annunciazione"

27 Febbraio 2015

Antonello, l'Annunciata, il Magnificat. Una sensazionale affermazione scientifica su la Madonna di Antonello da Messina "è una Annunciazione"

640px-Antonello_da_Messina_035

Il mistero dell’Annunciata che per tanti secoli ha animato tavoli di discussione tra critici , storici , studiosi ed esperti in arte sacra, si arricchisce di inediti dettagli e simbolismi che vanno oltre l’allegoria classica,  tipica dei canoni quattrocenteschi.
Un team di creativi dell’Università di Palermo, coordinati da Mauro Lucco,  autorevole storico dell’arte , già curatore di numerose mostre tra cui proprio quella su Antonello da Messina alle Scuderie del Quirinale, Giovanni Taormina, coordinatore tecnico scientifico dello studio e Renato Tomasino Presidente del  LUM di Palermo - Laboratorio  Universitario  Multimediale,  ha sintetizzato in un video i momenti più salienti e simbolici che si celano dietro il dipinto de l’Annunciata di Antonello da Messina , custodito a Palermo alla Galleria Museo Palazzo Abatellis.

Leggere di più


Sicilia: ritrovato il più grande laboratorio greco di ceramiche a Selinunte

15 Ottobre 2014
Gli archeologi dell'Università tedesca di Bonn, capeggiati da Martin Bentz, hanno scoperto a Selinunte il più grande laboratorio greco di ceramiche mai ritrovato, datato al 550 a.C., e distrutto dai Cartaginesi un secolo e mezzo dopo.
Link: Discovery News