Al Lapis Museum due mostre raccontano Napoli antica

Il Complesso di Santa Maria della Pietrasanta è posto alle porte del decumano maggiore, oggi meglio conosciuto come via Tribunali, della città greco – romana di Neapolis. Comprende una serie di monumenti di eccezionale rilievo, come la Cappella Pontano, capolavoro rinascimentale con il bellissimo pavimento maiolicato del Quattrocento, la Cappella del Santissimo Salvatore, il campanile romanico, che è in assoluto il più antico di Napoli, e per finire la Basilica progettata da Cosimo Fanzago.

Già esternamente si riconoscono chiaramente i muri perimetrali di quella che una volta era una insula ma se si scende nella cripta si ha la possibilità di ritrovare i resti di un’antica e ricca domus romana decorata da preziosi mosaici. Nel percorso sotterraneo si raggiungono anche le cave della Pietrasanta che furono scavate proprio per costruire la Basilica.

La Basilica di Santa Maria Maggiore, recuperata e restaurata, ha saputo conquistare il pubblico non solo napoletano, diventando sede d’eccellenza per ospitare grandi mostre temporanee quali ad esempio sono state “Tesori nascosti” e “Il Museo della Follia”.

L’Associazione Pietrasanta Polo Culturale onlus si è fatta promotrice anche del recupero e della valorizzazione del sottosuolo della Basilica che trova la sua iniziale espressione nel progetto “Museo Lapis” che ha come protagonista la Cripta della Basilica e l’ipogeo che da essa diparte con il suo patrimonio storico, architettonico e le tecnologie più moderne a servizio dei beni culturali compreso il recupero e l’esposizione di numerosi reperti archeologici.

Il 22 dicembre scorso sono state inaugurate due mostre davvero interessanti:

“Napoli. Storia, arte, vulcani”, in collaborazione con l’Osservatorio Vesuviano.

“Sacra Neapolis. Culti, miti e leggende”, in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

Sacra Neapolis, nasce grazie alla collaborazione tra il MANN e l’Associazione Pietrasanta Polo Museale Onlus per rafforzare e consolidare il ruolo del Museo archeologico come punto di riferimento e simbolo dell’identità cittadina, il legame con il territorio e raccontare al contempo proprio nel cuore del centro antico, la storia e i culti della Neapolis greco – romana.

Il percorso espositivo racconta miti, riti, divinità e il legame che la città moderna ha ancora forte con il passato. La maggior parte dei reperti esposti giunge dai depositi dell’Archeologico di Napoli: monete in argento e bronzo con volti femminili, iscrizioni, sculture in marmo quali busti, erme, teste di donna che risalgono tra il III e il IV secolo,  piccole riproduzioni in terracotta componenti la stipe votiva di Caponapoli, per terminare con le belle statue di Iside e Nike.

I reperti della collezione del MANN dedicata a Napoli antica sono esposti per la prima volta al pubblico. Raffaele Iovine, presidente dell’Associazione Pietrasanta Polo Culturale ci spiega la collaborazione con l’Archeologico e l’Osservatorio Vesuviano:

“ In questo modo l’Associazione vuole rilanciare il proprio impegno per la città grazie al modello di collaborazione pubblico – privato, diventando da fabbrica ecclesiae, fabbrica della cultura grazie al coinvolgimento di importanti enti come il Museo archeologico Nazionale di Napoli e l’Osservatorio Vesuviano”.

Sarà possibile visitare “Sacra Neapolis” fino al 15 settembre nel Lapis Museum presso la Basilica di Santa Maria della Pietrasanta in piazzetta Pietrasanta 17, Napoli.

L’altra mostra “Napoli – storia , arte, vulcani”, in collaborazione con l’INGV – Osservatorio Vesuviano,  sarà visitabile fino al 30 marzo.

Racconta il sottosuolo della città, le eruzioni, la stratigrafia. Quattro videowall con touch interattivo consentono di visualizzare gli epicentri dei terremoti replicando la sala di sorveglianza dell’Osservatorio Vesuviano. Al percorso si aggiungono un vulcanologo di nome Pietro come guida virtuale con la sua singolare amica Strella che non è altro che un pipistrello ( in collaborazione con la Scuola Internazionale Comics Napoli), 15 gouaches del Settecento e dell’Ottocento che rappresentano eruzioni del Vesuvio e opere dell’artista Gennaro Regina presentate alla decima edizione di Cities on Volcanoes. Il ricavato degli ingressi a questa mostra servirà a finanziare un progetto di ricerca a un giovane studioso/a che avrà come tema il titolo della mostra con la supervisione dell’INGV.

Info: http://www.lapismuseum.com

 


I libri di Michel Vovelle che dovreste leggere

Michel Vovelle
Due libri di Michel Vovelle, La mentalità rivoluzionarie e I giacobini e il giacobinismo, nell'edizione italiana per i tipi Laterza.

Il 6 ottobre scorso si è spento Michel Vovelle, lo storico francese che ha saputo coniugare una rigorosa impostazione marxista allo studio della mentalità sociale e dell'ideologia. Ammetto che mi è scesa una lacrima, perché gli studi di Vovelle hanno acceso e alimentato la mia passione per la storia.

Michel Vovelle ha scritto tantissimo, ma non tutti i suoi testi hanno avuto uguale fortuna in Italia (molti a lungo non sono stati tradotti). Io ve ne voglio consigliare tre che non potete perdervi e che vi faranno innamorare del suo modo di fare storiografia.

 

La morte e l'Occidente

Questo è forse lo studio più famoso. È un'indagine accuratissima su come la percezione della morte, il rapporto con essa e dunque le ritualità sia cambiato in Europa dal Medioevo a oggi. Il libro combinadati statistici (ove disponibili), fonti storiche di vario genere, metodo antropologici e persino letterario per ricstruire come le persone abbiano affrontato il mistero della morte, quali spiegazioni abbiano dato, quali siano state le visioni oltremondane che hanno attraversato i secoli. Non soltanto, La morte e l'Occidente si occupa anche di riti e ritualità e indaga il rapporto, spesso complesso e contraddittorio tra rito (pubblico e privato) e sentimento di lutto.

Oltre a essere una lettura scorrevole, che di fatto attraverso il tema ripercorre la storia delle nostre radici culturali, il libro è interssantissimo dal punto di vista metodologico perché mostra come un sapiente approccio multidisciplinare potenzi la nostra conoscenza e come il rigore del materialismo storico dia forse i suoi risultati più strabilianti in combinazione con altre metodologie.

 

La mentalità rivoluzionaria

La mentalità rivoluzionaria è il saggio che consiglio sempre a chi si avvicini al periodo della Rivoluzione Francese, anche solo per vie traverse (per esempio a chi sia interessato al nostro Ugo Foscolo). Se si vuole davvero capire cosa sia stata la Rivoluzione Francese oltre la fattualità storica e come abbia cambiato per sempre la mentalità occidentale, bisogna leggere questo studio. La mentalità rivoluzionaria è stato il primo studio a rispondere alla domanda per nulla banale sulle motivazioni psicologico-antropologiche del processo rivoluzionario e sul suo effetto nel modificare le visioni del mondo preesistenti e nel crearne di completamente nuove.

Il saggio si articola in sei parti, che si occupano rispettivamente dei prodromi della Rivoluzione, della distruzione del mondo passato, della costruzione di un nuovo universo di valori e riferimenti e infine delle reazioni di rifiuto del cambiamento. Inutile dire che la parte più interessante è proprio quella centrale (parti terza, quarta e quinta), nelle quali si ricostruisce la complessità della costruzione sociale, teorica e pratica, dei rivoluzionari, attraverso l'analisi delle dottrine politiche, ma anche della quotidianità. Particolarmente affascinante e nodo centrale per immergersi davvero nel modo di pensare dei rivoluzionari francesi sono i capitoli dedicati a quello che Vovelle chiama l'homo novus rivoluzionario. Proprio la definizione di un'umanità ideale, con una nuova socialità e nuovi spazi di vita, il cui fare deve essere il bene comune, è uno dei temi portanti della Rivoluzione, terreno di dialogo e di scontro acceso tra i più importanti politici dell'epoca.

 

I Giacobini e il Giacobinismo

Dei tre libri che ho segnalato, forse I Giacobini e il Giacobinismo è quello più tecnico e anche il più politico. Il libro è lo studio più approfondito sulle differenti correnti dell'ideologia giacobina.

Chi si aspetta un libro sugli anni 1789-1794 si troverà spiazzato dalla prefazione del libro: solo una delle tre parti, infatti, è dedicata a quello che Vovelle chiama "giacobinismo storico", indossolubilmente legato agli eventi della Rivoluzione Francese, mentre le altre due sono dedicate al giacobinismo "trans-storico", cioè a come gli ideali teorizzati da Robespierre e dagli altri teorici giacobini siano sopravvissuti alla fine della rivoluzione e, attraverso trasformazioni e rinnovamenti nel linguaggio, siano diventati parte del dibattito storico-politico novecentesco e contemporaneo (a tal proposito basti ricordare che sull concetto giacobino di vertu si è imperniata la campagna elettorale di Mélanchon). Scritto con il consueto stile accessibile anche ai non specialisti, il libro è anche una riflessione sulle radici della sinistra europea, sul rapporto tra marxismo e giacobinismo e su quanto sia necessario, oggi più che mai, lo studio e la comprensione dei processi rivoluzionari perché, dice Vovelle, "Quan'danche non restasse altro di quest'eredità che la memoria di una volontà collettiva di cambiare il mondo e di unire a questo scopo le volontà individuali in un gigantesco sforzo di generosità, di proselitismo e di azione concertata, il giacobinismo [...]lascia ancora il ricordo di un'esperienza esaltante. E ci sorprendiamo a sperare che, sul banco su cui Jaurès sognava, attraverso il tempo, di andare a sedersi accanto a Robespierre al club dei giacobini, ci sia ancora un posticino per noi."


Il Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni” attiva una Scuola di Alta Formazione in Studi Storico-Religiosi

A partire dal mese di gennaio 2019 il Museo delle Religioni “Raffaele Pettazzoni” attiverà una Scuola di Alta Formazione in Studi Storico-Religiosi. La Scuola si articolerà in 11 sezioni. In basso, l’elenco esaustivo con l’indicazione dei responsabili di ciascuna sezione, il mese in cui si terranno gli incontri di formazione e, ove già definito, l’argomento dell’incontro. Ciascun incontro consterà di tre giorni di formazione intensiva e di avvio alla ricerca con i maggiori specialisti del settore riguardo ai temi definiti per ogni sezione, con approfondimenti in merito alla documentazione disponibile e alla metodologia di analisi relativa. La Scuola si rivolge principalmente a laureandi in discipline umanistiche, dottorandi e dottori di ricerca nelle medesime discipline e agli insegnanti della scuola secondaria, non escludendo comunque dalla frequenza degli incontri quanti, pur non appartenendo alle categorie sopra menzionate, siano in possesso delle conoscenze di base necessarie alla frequenza del corso.

Parallelamente, durante le attività della Scuola, si svolgeranno anche visite guidate ai musei, alle aree archeologiche e ai centri storici dei comuni dei Castelli Romani.

Sede degli incontri di formazione: Hotel Villa Robinia, viale Fratelli Rosselli 19, Genzano di Roma.

I bandi per ciascuna sezione, con il programma dettagliato degli interventi previsti e l’indicazione delle quote di iscrizione relative, saranno pubblicati di volta in volta nei prossimi mesi. Si precisa che i diversi incontri programmati rientrano nelle iniziative di formazione e aggiornamento dei docenti, secondo la normativa vigente, e danno luogo – per insegnanti di ogni ordine e grado – agli effetti giuridici ed economici della partecipazione alle iniziative di formazione, e sono pertanto finanziabili con la “Carta del docente” prevista dalla L. 107/2015, cosiddetta “La Buona Scuola”.

Leggere di più


Master "Analisi delle Fonti e Metodologia della Ricerca Storica" e borse di studio

LUMSA e Accademia Maria Luisa di Borbone hanno pensato ad un nuovo modo di “conoscere” la documentazione presente nei ricchissimi archivi italiani. È nato così il master biennale di II Livello in Analisi delle Fonti e Metodologia della Ricerca Storica, che mira a fornire un approccio completo alla metodologia indispensabile a guidare coloro che saranno interessati nel mondo della ricerca. L’idea è quella di introdurre il laureato nell’ambiente della ricerca attraverso insegnamenti specifici e specialistici di Storia, dal Medioevo all’Età Contemporanea, arricchendo il percorso con Storia della Chiesa, Storia degli ordini cavallereschi e Storia delle dinastie. Il percorso è poi arricchito con la conoscenza approfondita dell’Archivistica e pensato come cantiere di esperienze seminariali di stampo teorico e pratico. Uno stage e un elaborato finale concluderanno il master.

LUMSA e Accademia Maria Luisa di Borbone, per permettere un’ampia partecipazione al master, hanno bandito anche due borse di studio a totale copertura delle quote di partecipazione ai corsi. Le iscrizioni terminano il 20 settembre 2018.

Programma del master

https://masterschool.lumsa.it/master_secondo_livello_analisi_fonti_metodologia_ricerca_storica

Regolamento per la domanda di borse di studio

http://www.accademiaborbone.it/borse-di-studio-master/

Modulistica

http://www.accademiaborbone.it/master/


Bari, quarto Mercoledì con la storia: "Storia e storici oggi"

“Mercoledì con la storia”, VIII edizione
Massimo MIGLIO
Storia e storici oggi
12512564_1142292739129184_5828774647951766995_n
Mercoledì 10 febbraio 2016 alle ore 18 presso la Libreria Laterza di Bari, per il nuovo appuntamento dei nostri Mercoledì con la storia avremo il piacere di ospitare il presidente dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, Massimo Miglio, che dialogherà con il Francesco Violante su una tematica a noi particolarmente cara: Storia e storici oggi. La serata prenderà le mosse dal recente lavoro di Miglio e di un altro grande non nuovo al nostro pubblico, Franco Cardini. Parliamo del volume Nostalgia del paradiso (Laterza). Il libro rappresenta senza dubbio un notevole esempio di analisi storica e letteraria su di un tema fertile di suggestioni come quello del giardino: «un giardino è una costruzione delicata; una volta abbandonato, soggetto alle incursioni degli estranei e del tempo, si cancella facilmente; anche le strutture più consistenti che lo caratterizzano — fontane, bacini, padiglioni, voliere — sono destinate a lasciare tracce piuttosto labili». Dalle recinzioni claustrali monastiche sino alle raffinate costruzioni dell’Umanesimo attraverso la lezione musulmana e le esperienze cortesi, il giardino riflette la complessa vicenda storica del nostro Medioevo europeo. Gli autori del lavoro tracciano un percorso di storia della cultura in cui la loro creatività e le fonti storiche e letterarie si illuminano a vicenda: è questa dunque la ricetta segreta per fare ricerca in campo storico oggi? Cosa significa essere storici, coltivare il giardino della memoria, nel nostro tempo? Un interrogativo alla base del presente ciclo di incontri e, più in generale, dell’operato dell’Associazione del Centro Studi Normanno-Svevi. Alla nostra serata e agli illustri ospiti il compito di dare una risposta e aprire il varco a future riflessioni.
Massimo Miglio, già ordinario di Storia medievale dell’Università della Tuscia, è presidente dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo e socio corrispondente dell’Accademia dei Lincei. Ha insegnato Storia medievale e Letteratura umanistica nelle Università di Salerno e Bari, Paleografia latina alla Scuola Vaticana di Paleografia e nella Scuola dell'Archivio di Stato di Roma. Tra le sue pubblicazioni: Scritture scrittori e storia. Città e corte a Roma nel Quattorcento (Roma 1993); Santa Maria in Gradi (Viterbo 1996); In viaggio per Roma (Bologna 1999); Pellegrinaggi a Roma (Roma 1999); Asterischi. Tracce di storia della Tuscia (Roma 2000).
Testo dall’Ufficio Stampa Associazione Centro Studi Normanno Svevi


MilanoSiFaStoria. Dal 5 novembre al via la seconda edizione

Iniziative

MilanoSiFaStoria. Dal 5 novembre al via la seconda edizione dedicata al mondo del lavoro

Previsto un ricco programma di incontri e seminari storiografici, letture pubbliche e racconti scenici, visite guidate e laboratori didattici

milanosifastoria.jpg

Milano, 28 ottobre 2015 – ‘Milano: il lavoro, la storia’, è questo il tema della seconda edizione di MilanoSiFaStoria, che inizierà il 5 novembre.
Attraverso un ricco programma di incontri e seminari storiografici, letture pubbliche e racconti scenici, visite guidate e laboratori didattici, la manifestazione ha l’obiettivo di riportare il lavoro al centro delle agende culturali e politico-sociali, approfondire il ruolo del lavoro nel modello di ‘Welfare ambrosiano’ e nella dimensione  globale e ‘glocal’ di Milano, valorizzare le memorie e le ricerche  interdisciplinari sulla storia del lavoro a Milano e in altre aree comparabili e gettare un ponte tra i diversi passati (pre-industriale, industriale e post-industriale), favorendo l’orientamento professionale, culturale e civile, e il dialogo tra persone di età, generazioni, provenienze e generi.

Leggere di più


Estate Romana: programma completo dal 21 al 27 Agosto

ESTATE ROMANA 2015

#estateromana2015

image001 (8)
Per chi è già tornato dalle vacanze e per chi ancora non è partito Roma offre tanti appuntamenti tra arte, cinema, teatro, musica e letteratura.  IlMuseo Civico di Zoologia, Technotown, il Planetario Gonfiabile e i laboratori della rassegna Libera Estate Libera Ostia intratterranno i più piccoli. I più grandi potranno godersi il fresco nelle arene all’aperto di Ostia, Piazza Vittorio, Garbatella, Cinecittà, Villa Lazzaroni, Casa del Cinema e Isola Tiberina, nell’affascinante teatro shakespeariano di Villa Borghese, il Silvano Toti Globe Theatre, nel Foro di Augusto e nel Foro di Cesare per un imperdibile viaggio nella storia in compagnia di Piero Angela, nelle Notti Romane al Teatro di Marcello con la sua programmazione musicale. Musica e spettacoli all’aperto anche per il Gay Village al Parco Ninfeo all’Eur, per il Fontanonestate e per il cabaret di All’Ombra del Colosseo. Infine, fitto programma di appuntamenti per Libera Estate Libera Ostia, che ospita la rassegna Biblioteche al mare, curata dall’Istituto Biblioteche di Roma.
Leggere di più