Rinascere dall'acqua. Paludi delle Marshlands diventano patrimonio UNESCO

Rinascere dall'acqua.

Le paludi delle Marshlands, sede della missione archeologica della Sapienza, diventano patrimonio Unesco

 

Tempio Edublamakh  a Abu Tbeirah. Foto dell'Archivio Ufficio stampa Sapienza Università di Roma
Tempio Edublamakh a Abu Tbeirah. Foto dell'Archivio Ufficio stampa Sapienza Università di Roma

Le paludi delle Marshlands nel sud dell'Iraq, sono entrate a far parte dei siti tutelati dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, e assieme a questo straordinario eco-sistema deltasico è stata accettata anche l’immissione di tre città che fiorirono proprio in questo ambiente naturale oltre seimila anni fa, Ur, Eridu ed Uruk. Il riconoscimento del valore culturale delle aree irachene, sede dei primi insediamenti della civiltà sumerica, è stato possibile anche grazie al contributo fornito dalle ricerche della missione archeologica della Sapienza, co-diretta da Franco D’Agostino e Licia Romano.

Siamo a sud-ovest della città di Nasiriyah, nell’Iraq meridionale. Il cuore della missione è il sito di Abu Tbeirah, un’area di 42 ettari a circa una ventina di chilometri dalla grande capitale di Ur, cioè nel cuore della regione che è stata la culla della civiltà sumerica nel corso del III millennio a.C. Le attività della missione italiana si sono concentrate sullo scavo di un grande edificio in mattoni crudi di più di 600 mq che ha consentito di portare alla luce evidenze di cultura materiale, come per esempio cesti e stuoie risalenti a quasi 4500 anni fa e ancora perfettamente conservati nei loro intrecci. I manufatti documentano come la vita quotidiana del mondo sumerico avesse delle sorprendenti e puntuali analogie con pratiche ancora correntemente in uso presso gli abitanti della zona delle paludi irachene.

Marshlands. Foto di Jassim Al-Asadi
Marshlands. Foto di Jassim Al-Asadi

Attiva dal 2011, la missione della Sapienza è stato il primo scavo archeologico nel sud della nuova Repubblica irachena affidato a una missione straniera, in collaborazione con archeologi locali, dopo le guerre del Golfo e tuttora condotto dal team Sapienza coordinato da Franco D’Agostino e Licia Romano. Gli scavi precedenti in quest'area risalivano agli anni ’60, quando i sistemi di datazione e le tecnologie applicate alla ricerca archeologica non consentivano di giungere all’eccezionalità dei risultati raggiunti fino ad oggi e che hanno permesso alle autorità locali di rinnovare l’autorizzazione a lavorare per altri 5 anni nel sito iracheno.

Marshlands. Foto di Jassim Al-Asadi
Marshlands. Foto di Jassim Al-Asadi

È anche grazie alla collaborazione e al clima di fiducia che si sono creati tra i ricercatori della Sapienza e le autorità e la popolazione locale che è stato possibile far emergere il patrimonio ambientale e culturale di questi siti e farli conoscere alla comunità internazionale. “Proprio questo clima di fattiva cooperazione ha fatto sì che le autorità irachene offrissero al nostro team l’opportunità di indagare e valorizzare anche il sito di Eridu, ormai sito sotto protezione Unesco”.

Marshlands. Foto di Jassim Al-Asadi
Marshlands. Foto di Jassim Al-Asadi
L’annuncio da parte dell’Unesco dell’inserimento delle Marshlands nei siti tutelati è stato accolto quindi con particolare entusiasmo dal Rettore della Sapienza Eugenio Gaudio e dall'Ambasciatore dell’Iraq a Roma Ahmad A.H. Bamarni, nel corso dell’incontro che si è tenuto proprio per promuovere la cooperazione tra l’Ateneo e le istituzioni irachene.
Testo e immagini dall’Ufficio Stampa e Comunicazione Università La Sapienza di Roma.

Prima fase di apertura per il recupero dei monumenti di Palmira, in Siria

27 Aprile 2016

Archeologi polacchi recuperano i monumenti di Palmira, in Siria

La statua del leone dal tempio di Allat è in condizioni migliori di quanto precedentemente ritenuto dagli scienziati. Foto di Bartosz Markowski
La statua del leone dal tempio di Allat è in condizioni migliori di quanto precedentemente ritenuto dagli studiosi. Foto di Bartosz Markowski
I Polacchi dell'Università di Varsavia sono stati i primi archeologi stranieri a partecipare al recupero dei monumenti dalle rovine di Palmira in Siria - solo pochi giorni dopo la ricattura dallo Stato Islamico (IS). Hanno presentato i risultati del loro lavoro lo scorso mercoledì all'Università di Varsavia.
Gli archeologi dell'Università di Varsavia (UW) hanno lavorato a Palmira dal 7 al 17 Aprile. Sono andati dietro invito del Direttorato Generale per le Antichità e i Musei in Siria. Hanno presentato i risultati del loro lavoro durante una conferenza stampa a Varsavia.
"Siamo stati i primi specialisti esteri nel campo dell'archeologia e conservazione ad arrivare a Palmira poco dopo che fu ricatturata dallo Stato Islamico" - ha affermato in un'intervista a PAP il conservatore d'arte Bartosz Markowski, che era a Palmira con l'archeologo Robert Żukowski del Centro di Archeologia Mediterranea dell'Università di Varsavia.
Bartosz Markowski al lavoro all'interno del museo, foto di Robert Żukowski
Bartosz Markowski al lavoro all'interno del museo, foto di Robert Żukowski

Per una settimana, gli archeologi polacchi hanno cercato tra le migliaia di frammenti dei monumenti che appartenevano al museo a Palmira, distrutti dalla guerra. Di circa duecento sculture e bassorilievi, sono stati in grado di ritrovare la maggior parte dei frammenti di circa 130 monumenti. "La qualità della loro conservazione futura dipende da queste azioni - se nel futuro vedremo a Palmira monumenti rotti, incompleti, ma originali, o loro ricostruzioni più o meno riuscite" - così ha affermato l'esperto.
Attualmente i monumenti sono ancora nel museo; sono pronti ad essere posti nelle scatole ed evacuati verso un luogo dove saranno oggetto di restauro.
Bartosz Markowski al lavoro all'interno del museo, foto di Robert Żukowski
Bartosz Markowski al lavoro all'interno del museo, foto di Robert Żukowski

"Sfortunatamente, la maggior parte dei reperti nel museo sono stati distrutti - di circa duecento sculture collocate sul piano terra, solo quattro rimangono intatte. Lo scopo della nostra spedizione era quello di raccogliere quanti più frammenti possibile delle sculture danneggiate. Le loro parti erano mescolate alle macerie, ai vetri rotti e a pezzi di mobilio. L'edificio del museo è in condizioni terribili, è stato bombardato diverse volte. Il nostro obiettivo chiave era quello di selezionare i frammenti delle sculture, di modo che non fossero rimossi durante i lavori di riparazione" - ha affermato Markowski.
Robert Żukowski si fa strada sul piano terra del museo demolito, foto di Bartosz Markowski
Robert Żukowski si fa strada sul piano terra del museo demolito, foto di Bartosz Markowski
Coinvolti nel progetto sono stati pure i restauratori e archeologi siriani che hanno recuperato i mosaici distrutti durante il bombardamento e inventariato i reperti in magazzino.
Il conservatore polacco ha spiegato che il danno principale ai monumenti ha riguardato la rottura dei dettagli delle figure con martelli (i volti e le mani o le bocche degli animali ritratti nelle opere d'arte), che i fondamentalisti hanno distrutto per ragioni ideologiche. "Queste sono le raffigurazioni per le quali Palmira era famosa. Erano monumenti unici" - ha aggiunto Markowski.
I polacchi hanno pure condotto una ricognizione delle rovine dell'antica città. Hanno pre-stimato la scala della distruzione dei templi di Bel e Baalshamin e dell'Arco di Trionfo.
"Non sono un architetto, ma penso che ci sia moltissimo da recuperare. Le strutture sono cadute, ma i blocchi di costruzione sono ancora lì. Non cambia il fatto che la ricostruzione sarà un'enorme investimento - ha affermato Markowski. La loro condizione non cambierà nel futuro prossimo - un'azione urgente e immediata non è necessaria in questo caso - al contrario che per il museo, dove per le sculture c'erano molti frammenti rotti e mescolati. Era importante evitare la rimozione accidentale di frammenti di sculture insieme alle macerie".
Durante la permanenza degli esperti polacchi, è proseguita l'azione dei genieri russi che sminavano il sito di scavo.  Quest'area è tuttora inaccessibile a causa delle numerose bombe inesplose.
Markowski ha portato le buone notizie sul simbolo di Palmira - la statua del leone dal Tempio di Al-lāt, scoperta durante gli scavi polacchi, che per decenni è rimasta in piedi di fronte all'entrata del museo. Gli studiosi temevano che fosse completamente distrutta.
"Mi aspettavo che fosse stato fatto saltare in aria e polverizzato. Il leone, tuttavia, è ancora intatto, solo rovesciato, probabilmente con un bulldozer o con un'altra grande macchina. La struttura in cemento rinforzato che lo sosteneva, è rotta, ma gli elementi in pietra ad esso ancorato sono ancora uniti insieme. La bocca ha subito la maggior parte del danno. Sarà certamente possibile rimettere in piedi di nuovo la scultura e restaurarla, ma le tracce dei danni causati dalla crisi resteranno per sempre visibili" - ha affermato Markowski.
La vicina città araba contemporanea - Tadmor, che era una base per i turisti verso le antiche rovine, è deserta. "Case, hotel, negozi, souk - il mercato, i ristoranti - sono distrutti. Solo l'esercito siriano e quello russo sono stazionati nella città. Gli ex abitanti sono tornati solo per recuperare il resto dei loro possedimenti" - ha affermato Markowski.
"Abbiamo ricevuto parole di sincera gentilezza e inusuale felicità dai Siriani, che qualcuno fosse interessato al problema, che non erano rimasti soli. Hanno davvero apprezzato noi, Polacchi, specialmente ora" - Robert Żukowski ha così riferito ai reporter.
Markowski ha affermato che il ritorno a Palmira non è stato ancora programmato. "Dipende dalle autorità siriane e dalle autorità internazionali che prepareranno i progetti di conservazione. Quello che abbiamo fatto è un'apertura, un prologo alla preparazione di tali progetti" - Markowski ha spiegato ai reporter.
"Palmira non sarà mai più esattamente come la ricordavamo. Come consolazione, dobbiamo dire che non era così in tempi antichi - ciò è ovvio. Prima di tutto, finora abbiamo dissotterrato non più del 20 per cento dell'antica città. Il resto è ancora al sicuro sotto terra e nel futuro i nostri successori probabilmente arricchiranno le collezioni del museo a Palmira e mostreranno nuovi monumenti di questa antica civiltà" - così il precedente Direttore del Centro di Archeologia Mediterranea, prof. Michał Gawlikowski, durante la conferenza stampa.
La ricerca a Palmira cominciò col pioniere dell'archeologia polacca mediterranea, prof. Kazimierz Michalowski. La spedizione dal Centro di Archeologia Mediterranea dell'Università di Varsavia lavorò qui dal 1959 al 2011. In seguito, il lavoro è stato sospeso a causa dello scoppio del conflitto armato. I monumenti dell'antica città divennero un bersaglio dello Stato Islamico nel 2015. Palmira era nota principalmente per la sua architettura scenica e monumentale - lunghi colonnati e numerosi templi dedicati a varie divinità. La città divenne un Sito Patrimonio dell'Umanità UNESCO nel 1980. Era un'importante attrazione turistica in Siria.
I Siriani presentarono una proposta ai Polacchi per il loro ritorno agli inizi di Aprile, durante la conferenza "I Polacchi nel Medio Oriente" all'Università di Varsavia.
Traduzione da PAP – Science & Scholarship in Poland. PAP non è responsabile dell’accuratezza della traduzione.

UNESCO: al via candidatura Ivrea Città Industriale del XX Secolo

UNESCO: AL VIA LA CANDIDATURA DI “IVREA CITTÀ INDUSTRIALE DEL XX SECOLO” PER L’ISCRIZIONE NELLA LISTA DEL PATRIMONIO MONDIALE
Firmato protocollo di gestione

Ponte_Vecchio_Ivrea

Questa mattina è stato firmato presso il ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo un Protocollo d’Intesa che pone le basi per l’iscrizione di “Ivrea Città Industriale del XX Secolo” nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco. I firmatari sono stati il Segretario Generale del MiBact Antonia Pasqua Recchia, Antonella Parigi assessore della Regione Piemonte, Alberto Avetta Vice Sindaco della Città Metropolitana di Torino, Carlo della Pepa Sindaco di Ivrea, Franca Sapone Sindaco del Comune di Banchette, Cinthia Bianconi Presidente della Fondazione Adriano Olivetti e Daniele Lupo Jallà in qualità di Presidente della Fondazione Guelpa.
Il Protocollo d’Intesa impegna i soggetti firmatari a coordinarsi per una gestione congiunta dei beni culturali inclusi nel progetto di candidatura di “Ivrea Città Industriale del XX Secolo” per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Il progetto è stato consegnato a Parigi a gennaio 2016 per essere sottoposto alla valutazione degli organismi consultivi del Centro del Patrimonio Mondiale nel ciclo 2017-2018.
La candidatura è costituita dall’insieme delle realizzazioni collegate al progetto industriale e socio-culturale di Adriano Olivetti. Consiste in un complesso di edifici progettato dai più famosi architetti ed urbanisti del Novecento, riconoscibile nel tessuto urbano della città in un disegno complessivo, pur nella selezione dei suoi elementi maggiormente significativi. Si distinguono aree ed edifici propriamente industriali, aree ed edifici destinati alla residenza e ai servizi sociali. Tale area è identificabile principalmente lungo l’asse di Via Jervis, sede degli edifici per la produzione, per i servizi sociali destinati alla fabbrica e alla città e per le residenze che sono da considerarsi tra gli esempi più significativi della politica innovativa varata dalla Olivetti.
Roma, 21 aprile 2016
Ufficio Stampa MiBACT

Come da MiBACT, Redattore Renzo De Simone
Panorama di Ivrea, foto di Mirrys, da WikipediaCC BY-SA 4.0.


Ricatturata Palmira, operazioni di sminamento e valutazione dei danni

24 - 29 Marzo 2016
800px-Palmyra_-_Monumental_Arch
Palmira è stata finalmente ricatturata dalle forze del Governo Siriano. È ora possibile rendersi conto dei danni subiti dal sito in questi mesi, durante i quali si sono perpetuati saccheggi e distruzioni.
Secondo l'archeologo Maamoun Abdelkarim (a capo delle Antichità Siriane), l'80% di quello che c'era a Palmira sarebbe rimasto in gran parte intatto: sebbene vi siano sicuramente gravi danni, la vista panoramica sul sito è rimasta, e molte delle iconiche colonne rimangono in piedi. I danni riguardano strade, bagni e templi. Ci vorrebbero cinque anni di restauri per cercare di restaurare le strutture danneggiate o distrutte a Palmira.
Diversa l'opinione dell'esperta Annie Sartre-Fauriat, al servizio dell'UNESCO, che è molto dubbiosa sulla possibilità di ricostruire il sito o i monumenti ridotti in polvere.
Completamente distrutti sarebbero il tempio di Bel e di Baal Shamin. La priorità al momento sembra anche essere quella di rimuovere gli esplosivi collocati presso il sito.


Link: Wall Street Journal; The GuardianThe Telegraph; Independent; Reuters 1, 2;  Daily Mail; SputnikLA TimesGizmodo; RTThe Atlantic; Il Post; RAI News; Repubblica 1, 2SANA; Archaeology News Network via AP.
L’Arco Monumentale o Arco di Trionfo a Palmira, foto da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di Bgag (Bernard Gagnon).


Egitto: un progetto per rigenerare il sito di Menfi

14 Marzo 2016

Foto: Bassem Ezzat, 2015
Foto: Bassem Ezzat, 2015

Archeologi dall'Università di York e dall'AERA (Ancient Egypt Research Associates), insieme al Ministero delle Antichità Egizie e al dott. David Jeffreys, direttore dei Rilevamenti a Memphis, sono al lavoro con un nuovo progetto il cui scopo è quello di rigenerare il sito di una delle capitali dell'Antico Egitto, Menfi.
L'antica città rientra nella Lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, ma è stata messa a rischio dall'espansione urbana negli ultimi tre decenni. Grazie a un finanziamento da un milione di dollari (ricevuto dall'USAID), il progetto biennale creerà un circuito di escursione (Ancient Memphis Walking Circuit) a Mit Rahina. Il percorso collegherà otto siti chiave che comprendono la porta occidentale, la sala ipostila del Grande Tempio di Ptah, la Cappella delle Mura Bianche (con tre statue di divinità sedute: Ptah con Tjesmet e Menefer).
Foto: Amel Eweida,2015
Foto: Amel Eweida,2015

Il progetto implica anche un'attività di interpretazione e documentazione dell'area a rischio, oltre che di pulizia e stabilizzazione. Saranno coinvolti anche studenti e parte della popolazione locale. Il coinvolgimento della popolazione locale è di grande rilevanza, per ridurre le incursioni e l'utilizzo di quei luoghi come discarica. Le imprese locali beneficeranno pure dei vantaggi derivanti dall'incremento del turismo derivanti da una maggiore valorizzazione e rigenerazione del sito.
Link: AlphaGalileo via University of York.


Canapa negli intonaci delle Grotte di Ellora

11 - 12 Marzo 2016
-Façade_of_the_Lankeshvara_Shrine_from_the_terrace,_Kailasanatha_Cave_Temple_(Cave_XVI),_Ellora.,_by_Jo._Johnston,_c.1874-
Ellora è dall'antichità meta di pellegrinaggi da parte di indù, buddisti e giaina: l'importanza del sito, con le sue grotte monumentali scavate nella roccia, è pure testimoniata dalla sua inclusione nella Lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.
Ellora_Cave_12
Un nuovo studio, pubblicato su Current Science, ha rilevato come le fibre di canapa utile (Cannabis sativa) fossero utilizzate (con una percentuale rilevata del 10%) per l'intonaco (prodotto con un mix che includeva pure argilla e calce viva) della Grotta XII. La capacità della canapa di regolare l'umidità avrebbe garantito una straordinaria durevolezza che permette ancora oggi di ammirare le decorazioni su muri e soffitti.
La coltivazione di canapa utile risale in India al 5.000-4000 a. C. Le fibre vengono utilizzate per fare corde, mentre dai semi si ricava olio e i boccioli erano usati a fini medicali. Nota per la sua robustezza, era pure utilizzata nelle costruzioni, e persino per gioco. Ellora è situata nello Stato indiano di Maharashtra.
Leggere di più


Turchia: l'isola sommersa di Vordonisi

1 Marzo 2016
Istanbul_in_Turkey.svg
Sull'isola di Vordonisi (nel Mar di Marmara) vi era un monastero, nel quale il Patriarca Fozio I fu esiliato (858-886). Un terremoto, nel 1010, lo seppellì tra le onde, insieme all'intera isola che è ora sott'acqua.
Studi sono in corso presso Vordonisi, che si trova nella municipalità di Maltepe della provincia turca di Istanbul, e un resoconto verrà prodotto e consegnato all'UNESCO, al fine di proporla per la Lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità.
Link: Hurriyet Daily News; International Business Times; Daily Sabah.
La provincia di Istanbul, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Turkey location map.svg (by NordNordWest)).


Caschi Blu Cultura: siglato l'accordo con l'UNESCO per costituzione task force italiana

CASCHI BLU CULTURA: SIGLATO L’ACCORDO CON L’UNESCO PER LA TASK FORCE ITALIANA
Pronto un primo contingente di 60 unità fra storici dell’arte, studiosi, restauratori e carabinieri del comando tutela patrimonio culturale per intervenire nelle aree di crisi

1455617521332_tappo-1
L’intesa firmata alla presenza dei ministri Gentiloni, Franceschini, Pinotti, Giannini e della DG Unesco Bokova 
1455617618102_tappo-5
Clicca qui per la diretta streaming della presentazione
È stata siglata questa mattina nell’Aula X delle terme di Diocleziano l’intesa tra il Governo italiano e l’Unesco per la costituzione della task force italiana nel contesto della coalizione globale Unesco Unite4Heritage.

Leggere di più


L'Australopithecus sediba era limitato nel mangiare cibi duri

8 Febbraio 2016

Teschio fossile dell'esemplare di Australopithecus sediba noto come MH1 e modello del cranio che ritrae le tensioni durante un morso simulato . I colori "caldi" indicano regioni a più alta tensione, mentre i colori "freddi" indicano regioni a più bassa tensione. Credit: WUSTL GRAPHIC: Image of MH1 by Brett Eloff provided courtesy of Lee Berger and the University of the Witwatersrand.
Teschio fossile dell'esemplare di Australopithecus sediba noto come MH1 e modello del cranio che ritrae le tensioni durante un morso simulato . I colori "caldi" indicano regioni a più alta tensione, mentre i colori "freddi" indicano regioni a più bassa tensione. Credit: WUSTL GRAPHIC: Image of MH1 by Brett Eloff provided courtesy of Lee Berger and the University of the Witwatersrand.

L'Australopithecus sediba fu scoperto nel 2008 presso il sito di Malapa  in Sud Africa, nell'area nota come Culla dell'Umanità (e classificata come patrimonio dell'umanità dall'UNESCO).
Un nuovo studio su questo ominide mette ora in evidenza come questi non possedesse le capacità (relativamente a mascella e mandibola, oltre che ai denti) per una dieta regolare che comprendesse cibi "duri". In breve, era fortemente limitato nel mordere con forza: se avesse utilizzato tutta la potenza a disposizione si sarebbe slogato.
800px-Australopithecus_sediba_and_Lucy
[Dall'Abstract:] Si è ipotizzato che l'Australopithecus sediba sia stato un parente prossimo del genere Homo. Qui si dimostra che MH1, l'esemplare tipo dell'A. sediba, non era ottimizzato per produrre un'elevata forza del morso coi molari e sembra essere stato limitato nella sua abilità di consumare cibi che non erano meccanicamente impegnativi da mangiare. I dati sulla microusura dentale sono stati precedentemente intepretati come indicativi del fatto che l'A. sediba consumasse cibi duri, e così queste conclusioni illustrano che i dati meccanici sono essenziali se si mira a ricostruire un quadro relativamente completo degli adattamenti alimentari negli ominidi estinti. Un'implicazione di questo studio è che la chiave per comprendere l'origine del genere Homo risiede nel comprendere come i cambiamenti ambientali arrestarono le delicate nicchie degli australopitechi. Le pressioni di selezione risultanti portarono a cambiamenti nella dieta e nell'adattamento alimentare che gettarono le basi per l'emergere del nostro genere.
Leggere di più


Scoperte dalla stagione di scavi 2015 a Çatalhöyük

13 - 21 Gennaio 2016
800px-Catal_Hüyük,_bull_heads
La stagione 2015 a Çatalhöyük è stata una stagione di notevoli scoperte, illustrate nel resoconto annuale disponibile presso il sito del progetto di ricerca.
Tra i ritrovamenti più notevoli, una testa modellata nell'intonaco, con occhi di ossidiana e dipinta. Era originariamente unita al muro dell'Edificio 132 [B.132], che risulta essere il più grande della città. Fu abbandonato ma doveva avere un significato particolare, poiché l'edificio costruito al di sopra [B.77] era molto elaborato e conteneva un numero insolitamente grande di sepolture al di sotto dei piani. Si segnala pure una figurina in pietra, tra le migliori mai ritrovate nel sito. I muri sono pure molto spessi. Un bucranio molto danneggiato è stato ritrovato nell'Edificio 89 [B.89]: era inutilizzato, e seppellito dal terreno che si era accumulato attorno allo stesso.
Çatalhöyük è un insediamento di 9.000 anni fa nel distretto di Çumra della provincia di Konya, nell'Anatolia centrale. Gli scavi furono effettuati per la prima volta nel 1958 da James Mellaart. Il sito è nella Lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. I lavori sono ripresi a partire dal 1993, sotto la guida del Prof. Ian Hodder dell'Università di Stanford.
Leggere di più