Prove della diffusione di malattie infettive sulla Via della Seta

21 Luglio 2016
1024px-Silk_route

Una latrina nei pressi del deserto nella parte nord occidentale della Cina ha fornito le prime prove archeologiche della diffusione di malattie infettive sulle enormi distanze della Via della Seta, duemila anni fa.

Si ritiene che la latrina dati al periodo della Dinastia Han, e che sia stata utilizzata dal 111 a. C. fino al 109 d. C. Sui bastoncini per l'igiene personale lì ritrovati si sono ritrovate difatti le uova di parassiti intestinali: Ascaris lumbricoides,Trichuris trichiura, specie di Taenia, Clonorchis sinensis). Di particolare interesse è stato il ritrovamento relativo a Clonorchis sinensis, perché dimostra che il viaggiatore che ne era colpito aveva percorso enormi distanze, contribuendo alla propagazione. Il viaggiatore doveva infatti provenire da una regione cinese ricca d'acqua, dove il parassita era endemico.

In precedenza, diversi ricercatori avevano suggerito che malattie come la peste bubbonica, l'antrace e la lebbra si fossero diffuse lungo la leggendaria via commerciale. Lo studio fornirebbe quindi le prime prove concrete del viaggio di una malattia infettiva, in questo caso di una parassitosi, sulla Via della Seta.

Leggere di più


Nuovo studio su genetica, Ashkenazi e origine dello Yiddish

19 Aprile 2016
Noahsworld_map
Un nuovo studio, pubblicato su Genome Biology and Evolution, ha utilizzato lo strumento Geographic Population Structure (GPS), che permette di convertire il DNA in coordinate ancestrali, cercando l'origine di coloro che parlano Yiddish.
La ricerca suggerisce che questi si siano originati presso quattro antichi villaggi nella Turchia nord orientale, e che lo Yiddish sia stato inventato attorno al nono secolo dagli Ebrei iraniani e Ashkenazi, quando commerciavano lungo la Via della Seta, al loro arrivo in terre slave. Gli antichi villaggi, i cui nomi sono Iskenaz, Eskenaz, Ashanaz, e Ashkuz, si trovano lungo i crocevia della Via della Seta. Il nord est della Turchia è l'unico posto in cui questi nomi di località esistono.
Questa tesi è chiaramente in contrasto con quella che vede lo Yiddish come dialetto tedesco. Uno degli autori dello studio, il prof. Paul Wexler dell'Università di Tel Aviv, aveva però già avanzato l'ipotesi che lo Yiddish fosse una lingua slava che ha rimpiazzato il suo lessico con parole tedesche. Secondo la nuova ricerca, quindi, verso la fine del primo millennio gli Ebrei Ashkenazi si sarebbero spostati in Khazaria, per poi arrivare in Europa mezzo millennio dopo, con la caduta dell'Impero Khazaro.
Leggere di più


La Via della Seta si spingeva più a sud di quanto ritenuto?

1 Aprile 2016

Maschera in oro/argento dal complesso della tomba 5 a Samdzong, Mustang (Nepal). Credit: M. Aldenderfer
Maschera in oro/argento dal complesso tombale 5 a Samdzong, Mustang (Nepal). Credit: M. Aldenderfer

Resti di un tessuto in seta, ritrovati dalla complesso tombale 5 a Samdzong, nel Mustang (Nepal), fanno ritenere che la Via della Seta si spingesse più a sud di quanto ritenuto.
Samdzong non è infatti un luogo di produzione della seta (non vi sono prove in merito), ma i materiali ritrovati suggeriscono un utilizzo di materiali importati da Cina e India in congiunzione con quelli locali.
 
Probabili resti di decorazioni per la testa, forse uniti alla maschera in oro/argento. Credit: M. Gleba
Probabili resti di decorazioni per la testa, forse uniti alla maschera in oro/argento. Credit: M. Gleba

Le prime analisi su tessuto e pigmenti utilizzati lo collocano tra il 400 e il 650 d. C. Pochi tessuti dell'epoca sono sopravvissuti, ma le condizioni ambientali hanno permesso lo straordinario ritrovamento. Il sito di Samdzong è datato alla stessa epoca, e consta di dieci tombe a pozzo, presso una collina a 4.000 metri di altitudine.
Un oggetto ritrovato sarebbe poi in lana con grani in rame, vetro e tessuto: è stato ritrovato vicino una bara di un adulto che portava una maschera funeraria in oro/argento. Piccoli buchi sulla maschera fanno ritenere che il tutto costituisse una decorazione per la testa.
Il Mustang non sarebbe quindi stato un luogo isolato, ma parte di una rete di persone e luoghi. Queste le conclusioni di un nuovo studio, pubblicato su STAR: Science & Technology of Archaeological Research.
Seta in colore rosso irregolare. Non essendovi indicazioni di Samdzong come luogo di produzione locale del materiale, si suggerisce fosse parte del commercio sulla lunga distanza della Via della Seta. Credit: M. Gleba
Seta in colore rosso irregolare. Non essendovi indicazioni di Samdzong come luogo di produzione locale del materiale, si suggerisce fosse parte del commercio sulla lunga distanza della Via della Seta. Credit: M. Gleba

Leggere di più


Cina: reperti dal relitto della nave Nanhai No. 1

10 Gennaio - 2 Febbraio 2016
800px-Guangdong_in_China.svg
Una nave mercantile, denominata Nanhai No. 1 (Mare della Cina no. 1), risalente al periodo della Dinastia Song meridionale (1127-1279), si sta rivelando una significativa scoperta archeologica, per il gran numero di reperti ritrovati (oltre 14 mila, in prevalenza porcellane, oltre ad oro, argento e 17 mila monete di rame). I resti misurano 22,15 metri di lunghezza per 9,9 di larghezza, e sono stati ritrovati al largo di Yangjiang, nella provincia cinese del Guangdong, sulla via marittima della seta.
Link: Xinhua; ecns.cn via Xinhua; Archaeology News Network via Xinhua
La provincia del Guangdong, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  China edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).


Cina: il tè più antico dalla tomba dell'Imperatore Jing Di

14 - 15 Gennaio 2016
srep18955-f1
Dagli scavi presso la sepoltura dell'Imperatore Jing della Dinastia degli Han Occidentali (207 a. C. - 9 d. C.) si sono estratti i resti carbonizzati che testimoniano per la prima volta l'utilizzo della pianta del (Camellia sinensis L.). La tomba è situata nel Mausoleo Yangling vicino Chang’an/Xi'an,  nella provincia cinese dello Shaanxi.
Il primo riferimento nei testi alla bevanda è peraltro presente nei testi della stessa epoca, nel 59 a. C. Lo studio che ha presentato questi risultati spiega perciò che il tè veniva bevuto già 2100 anni prima del tempo presente dagli Imperatori della Dinastia Han, e 1800 anni prima del tempo presente nell'Altopiano Tibetano. Da questo si trarrebbe l'indicazione del passaggio di un ramo della Via della Seta.
srep18955-f2
[Dall'Abstract:] Fitoliti e componenti biomolecolari estratti dai resti di antiche piante da Chang’an (Xi’an, la città dove iniziava la Via della Seta) e Ngari (Ali) nel Tibet occidentale, Cina, dimostrano che il tè era coltivato 2100 anni fa per soddisfare le necessità della Dinastia degli Han Occidentali (207 a. C. - 9 d. C.), per poi trasportato per l'Asia Centrale entro il 200 d. C. circa, diverse centinaia di anni prima di quanto precedentemente registrato. Le prime prove fisiche del tè, provenienti dalle regioni di Chang’an e Ngari suggeriscono che un ramo della Via della Seta, attraverso l'altipiano tibetano, fu stabilita entro il periodo tra il secondo e il terzo secolo d. C.
Leggere di più


Cina: una sfinge in marmo di oltre mille anni fa da Ningsia Hui

15 - 16 Dicembre 2015
800px-Ningxia_in_China_(+all_claims_hatched).svg
Una bella e rara sfinge in marmo bianco, in buono stato di conservazione, è stata ritrovata in una tomba collocata presso Guyan, nella regione cinese autonoma di Ningsia Hui, sull'antica Via della Seta. Il reperto è alto 36 cm, lungo 21 e largo 13 cm.
La tomba, dedicata allo studioso Liu Jun e a sua moglie, vissuti all’epoca della Dinastia Tang (618-907 d. C.). Il luogo conteneva pure altri 150 manufatti: iscrizioni, ceramiche, stoviglie in bronzo e ferro. I materiali (in particolare il marmo bianco) e lo stile delle iscrizioni, rari per l'epoca, rendono importante la scoperta.
Link: Daily Mail; Xinhua Net; People's Daily
La regione cinese autonoma di Ningsia Hui, da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da e di TUBS (TUBS Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  China edcp location map.svg (by Uwe Dedering)).


Una nuova spiegazione per la Peste Nera in Europa

28 Gennaio - 23 Febbraio 2015

europakarte_pest_kl
Dati digitalizzati di 7.711 epidemie di peste avvenute in Europa tra il 1347 e il 1900 d. C. I dati si basano su un inventario pubblicato inizialmente nel 1976. Opera di Christian Ginzler (WSL)

Fino ad oggi si riteneva che a determinare la seconda pandemia, la Peste Nera provocata dal batterio Yersinia pestis, fosse la sua unica introduzione in Europa avvenuta nel 1347 d. C., a partire dalla quale la malattia perdurò nel continente fino ai primi anni del diciannovesimo secolo. Uno studio, opera di ricercatori dell'Università di Oslo e dell'Istituto di Ricerca svizzero WSL, dimostra invece che non esistevano bacini permanenti della malattia in Europa, e che le epidemie di peste furono ripetutamente trasmesse dall'Asia nei porti dell'Europa sud orientale, per diversi secoli e spinte dal clima.
A giocare un ruolo importante per l'intera durata della seconda pandemia, sarebbero state dunque le dinamiche delle popolazioni di roditori nell'Asia Centrale, a loro volta legate alle fluttuazioni climatiche. Sulla base dei dati assoluti e provenienti dagli anelli degli alberi, risulterebbe infatti evidente che le ondate di epidemia asiatica avrebbero ripetutamente raggiunto l'Europa. In conclusione, non ci sarebbe stato un unico inizio devastante della pandemia, ma i bacini selvatici della peste in Asia avrebbero costituito una fonte della malattia in Europa, continua e legata al clima. A giocare un ruolo fondamentale in questo sarebbe stata la Via della Seta, che trasmetteva la malattia in Europa attraverso i porti, con un ritardo di 10-15 anni circa. Una conferma definitiva della teoria potrà venire dal materiale genetico delle vittime della peste in Europa.
Juniper_rings
Questo tronco apparteneva a un albero di ginepro di oltre mille anni, nelle montagne del Tien Shan in Kyrgyzstan. Foto di Jan Esper (Università di Mainz, Germania)

[Dall'Abstract:] La peste nera, originatasi in Asia, arrivò nei porti mediterranei nel 1347 d. C., attraverso le vie terrestri e marittime dell'antica Via della Seta. Questa epidemia segnò la seconda pandemia di peste, che durò in Europa fino al primo diciannovesimo secolo. Generalmente la si ritiene dovuta a una singola introduzione di Yersinia Pestis, dopo la quale la malattia si stabilì tra i roditori europei per oltre quattro secoli. Per localizzare questi presunti bacini della malattia, si sono studiate le fluttuazioni climatiche che precedevano le epidemie di peste, sulla base di dati relativi a 7.711 epidemie di peste georiferite storicamente, e 15 registrazioni degli anelli degli alberi in Europa ed Asia. In questo modo si sono fornite prove per la ripetuta reintroduzione, legata al clima, del batterio nei porti europei a partire dai bacini in Asia, con un ritardo che di 15 ± 1 anni. L'analisi non trova prove dell'esistenza di riserve permanenti della peste nell'Europa medievale.
 
buentgen_karakorum_1
Fianco di una collina nel Karakorum del Pakistan, coperta di alberi di Ginepro (Treydte et al. 2006 Nature). Foto di Kerstin Treydte (WSL)

 
Lo studio "Climate-driven introduction of the Black Death and successive plague reintroductions into Europe", di Boris V. SchmidUlf BüntgenW. Ryan EasterdayChristian GinzlerLars WalløeBarbara Bramanti, e Nils Chr. Stenseth, è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.
buentgen_juniper_kl
Albero di ginepro avente diverse centinaia di anni nelle montagne del Tien Shan in Kyrgyzstan. Foto di Andrea Seim (Università di Goteborg, Svezia)

Link: Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America; Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research WSL 1, 2