#InviaggiocongliEtruschi: sulle orme dell'antica civiltà italica

#InviaggiocongliEtruschi

Sulle orme dell'antica civiltà italica.
Un accordo tra Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Museo Archeologico Nazionale di Napoli e Museo Civico Archeologico di Bologna.
Sconti in biglietteria per i visitatori dei tre Musei

#InviaggiocongliEtruschi

In questa estate italiana così particolare, il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, perseguendo appieno la propria missione, sceglie l’alleanza con i Musei e sigla un accordo che invita a viaggiare attraverso il nostro Paese alla scoperta degli Etruschi, una delle civiltà più affascinanti del mondo antico, un popolo che è parte fondamentale della nostra storia.

#InviaggiocongliEtruschi, è il titolo della campagna che, dal 1 agosto, unirà idealmente lungo la Penisola, il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Museo Civico Archeologico di Bologna. Uniti da Bologna a Napoli passando per Romatre città e tre luoghi della cultura affrontano questo momento particolare proponendo un itinerario turistico-culturale che è un viaggio identitario, un invito alla ricerca delle proprie radici.

I Rasna (così gli Etruschi chiamavano se stessi) hanno dominato il vasto territorio compreso tra la pianura padana del Po e le pendici del Vesuvio; le loro fertili terre producevano grano, olio, vino e fichi tanto famosi da attirare - secondo la leggenda - i barbari Galli che giunsero a saccheggiare persino Roma. Signori del Tirreno, i loro porti erano frequentati da commercianti che giungevano da tutto il Mediterraneo con merci esotiche, profumi, stoffe preziose, avori pregiati… La loro abilità artigianale è testimoniata anche da splendidi gioielli in oro, argento, bronzo, ambra e vetro che abbellivano le donne delle grandi famiglie aristocratiche; ancora oggi gli orafi più esperti cercano di riprodurre la raffinata tecnica della granulazione.

Oggi la storia e la cultura di questa affascinante civiltà sono l’occasione per percorrere il nostro Paese all’insegna della cultura e all'arte, partendo dal Museo Civico Archeologico di Bologna, che ospita, fino al 29 novembre, la mostra "Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna" (etruschibologna.it), fermandosi a Roma ad ammirare le collezioni del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, il più importante museo etrusco al mondo (museoetru.it), per giungere a Napoli al Museo Archeologico Nazionale che vi accoglierà con l’esposizione "Gli Etruschi e il MANN", una raccolta straordinaria di circa 600 reperti, di cui 200 visibili per la prima volta, acquisiti sul mercato collezionistico dal Museo in varie fasi della sua storia (museoarcheologiconapoli.it). Ad arricchire il percorso espositivo di entrambe le mostre ha contribuito con preziosi ed eccezionali prestiti il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

I visitatori che seguiranno le orme degli Etruschi avranno diritto alla riduzione del costo del biglietto di ingresso, presentando presso la biglietteria il ticket di uno dei tre istituti coinvolti.
Se si visita uno dei tre musei, si ha la possibilità, quindi, di accedere agli altri due con uno sconto sul costo del biglietto
: il costo di ingresso sarà di 10 euro (invece di 14) al Museo Civico di Bologna (qui la promo sarà valida sino al 29 novembre), di 7 euro (in luogo di 10) al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, di 8 euro (e non 10) al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

E durante il soggiorno romano si potrà approfittare dell’offerta culturale del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: aperture straordinarie e visite guidate comprese nel costo del bigliettoPer il programma completo consultate il sito www.museoetru.it 

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia


Piazzale di Villa Giulia 9, Roma
Apertura: dal martedì alla domenica
Orari: 9-20 (ultimo ingresso ore 19; chiusura sale espositive alle 19.30)

 

Testo e foto #inviaggioconglietruschi dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Leggere di più


Festival dei Festival: Festival Internazionale del Teatro Romano dal 13 luglio all'8 agosto

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA, COMUNE DI VOLTERRA SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHEOLOGICI DELLA TOSCANA

CON ASSOCIAZIONE CULTURALE GRUPPO PROGETTO CITTA' - ASSOCIAZIONE VOLTERRA JAZZ - ASSOCIAZIONE PRO POMARANCE - FILARMONICA GIACOMO PUCCINI

GRAZIE A

SOCIETA' CHIMICA LARDERELLO,  CASSA RISPARMIOVOLTERRA SPA  UNICOOP FIRENZE,  ALTAIR CHIMICA  E KNAUFF SPA

Festival dei Festival

Festival internazionale del Teatro Romano -Volterra Jazz

Filarmonica Giacomo Puccini - Palio di Pomarance

Del Festival dei Festival fanno parte il Festival internazionale del Teatro Romano, diretto da Andrea Mancini, che arriva alla quindicesima edizione, con un programma che va dal classico, reinterpretato in chiave contemporanea, dei Teatri di Pietra, al ritorno in scena del grande Lindsay Kemp che dopo anni di assenza ha scelto proprio Volterra per il suo Kemp Dance. In chiusura la presenza di Fernando Arrabal e della prima del Dalì vs Picasso e il recital di una soprano di fama internazionale qual è Patrizia Ciofi.

 A tutto questo si lega il lavoro di altissimo livello portato avanti da Volterra Jazz con un programma di concerti di richiamo assoluto, eseguiti dai musicisti Jerome Sabbagh,  Stefano Battaglia, Mirco Mariottini, Daniele Malvisi e Giulio Stracciati anche direttore artistico del Festival Volterra Jazz che quest’anno compie il suo 24°anno.

Infine l’impegno più popolare, ma non per questo di minore interesse, della Filarmonica Giacomo Puccini, che festeggia il centosettantesimo della propria attività e il progetto della Pro Loco di Pomarance che merita un'attenzione particolare, lavorando da sempre con lo straordinario Palio di Pomarance, un palio tutto teatrale, con le contrade che si sfidano a colpi di scene, verso risultati spesso esaltanti.

Leggere di più


27 agosto 2017. Velathri: dal tramonto all’alba, una notte etrusca

27 agosto 2017. VELATHRI: dal tramonto all’alba, una notte etrusca.
00_Layout_Evento

In concomitanza con le Celebrazioni Etrusche in tutta la Toscana, una notte intera per rivivere - tra l’Acropoli e il Museo Etrusco Guarnacci - attraverso degustazioni, presentazioni, scene teatralizzate e didattiche, la storia trimillenaria di Volterra.

La notte di sabato 27 agosto verrà raccontata una nuova storia, la storia della città di Volterra al tempo in cui era chiamata Velathri: il palcoscenico sarà quello dell’Acropoli, dove verranno rappresentate alcun scene e riti etruschi e, soprattutto, il Museo Etrusco Guarnacci che, per l’occasione, si trasformerà in un enorme libro di storia da sfogliare, ascoltare e gustare.

01_Principe_Etrusco

Leggere di più


Proseguono gli scavi presso l'Anfiteatro dei Gladiatori a Volterra

11 - 12 Novembre 2015
800px-Volterra-TheatreRomain
Mesi fa fu annunciata la scoperta di un'Anfiteatro di epoca romana a Volterra, presso la Porta di Diana, ad ovest del Cimitero. Gli scavi sono proseguiti nei mesi successivi, e gli archeologi hanno ritrovato due ulteriori fila di gradini e altri elementi architettonici.
L'anfiteatro avrebbe ospitato fino a diecimila persone. Tipicamente, qui avrebbero combattuto gladiatori e bestie feroci.

Sotto 30mila metri cubi di terra si nasconde un anfiteatro dove lottavano i gladiatori: il capolavoro sommerso, è il primo scoperto in Italia da 100 anni, si trova a Volterra (video di Franco Silvi)
Posted by Il Tirreno on Sabato 8 agosto 2015

Link: The History Blog; Discovery News; International Business Times.
Il teatro romano a Volterra, portato alla luce negli anni cinquanta del secolo scorso. Foto del 2007, da WikipediaCC BY 2.5caricato da e di Jean-Christophe BENOIST
 


Volterra: un anfiteatro di epoca romana?

7 Agosto 2015
800px-Volterra,_il_teatro_romano
Una struttura muraria di forma ellittica, della lunghezza di 80 metri - probabilmente un anfiteatro di epoca romana - è stato scoperto a Volterra. Nell'area vi sono anche ville romane.
Al ritrovamento, avvenuto casualmente nei pressi della Porta Diana ad ovest del Cimitero di Volterra: dovranno seguire accertamenti e scavi che possano portare alla luce l'opera. Se i sospetti fossero confermati, si tratterebbe di qualcosa di straordinario, che troverebbe precedenti simili solo centocinquanta anni fa, data dell'ultimo anfiteatro scoperto in Italia.
Link: Il Tirreno 1, 2ANSALa NazioneCorriereRepubblica.it
Particolare del teatro romano da Volterra, foto da WikipediaPubblico dominio, caricata da e di Deblu68
 


Tomba pre-etrusca ad Ortino, Volterra

2 Aprile 2015
Presso Ortino, vicino Volterra, è stata scoperta una tomba entro dolio della civiltà villanoviana, pre-etrusca. La tomba è una giara alta un metro e larga 80 cm circa.
Link: ANSA 1, 2; La Nazione