Turchia: l'isola sommersa di Vordonisi

1 Marzo 2016
Istanbul_in_Turkey.svg
Sull'isola di Vordonisi (nel Mar di Marmara) vi era un monastero, nel quale il Patriarca Fozio I fu esiliato (858-886). Un terremoto, nel 1010, lo seppellì tra le onde, insieme all'intera isola che è ora sott'acqua.
Studi sono in corso presso Vordonisi, che si trova nella municipalità di Maltepe della provincia turca di Istanbul, e un resoconto verrà prodotto e consegnato all'UNESCO, al fine di proporla per la Lista dei Siti Patrimonio dell'Umanità.
Link: Hurriyet Daily News; International Business Times; Daily Sabah.
La provincia di Istanbul, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Turkey location map.svg (by NordNordWest)).


Riportata ai colori originari l'icona della Theotókos del principe Bogolyubsky

24 Febbraio 2016
Andrey_Bogolubskii
Restaurata una delle più importanti icone russe, l'icona della Theotókos che il principe Andrei I Yuryevich (noto col suo soprannome di Andrei Bogolyubsky) portava in battaglia. Theotókos (colei che genera Dio) è un titolo attribuito dal Concilio di Efeso (431) alla Madonna.
Si riteneva che non fosse più possibile salvare l'icona, che in realtà è stata riportata ai suoi colori originari. È una delle circa trenta icone del dodicesimo secolo a sopravvivere ancora oggi, ed è attualmente al Museo Vladimir-Suzdal della città russa di Vladimir.
L'icona bizantina fu realizzata nel 1131 a Costantinopoli, ma la si riteneva dipinta dall'Evangelista Luca. Nel 1155 il Principe Bogolyubsky la portava con sé in battaglia, per i poteri protettivi che le si attribuivano. Si racconta che - sulle rive del fiume Klyaz'ma - i cavalli del Principe si sarebbero fermati, e che questi in seguito avrebbe ricevuto una visione della stessa Madonna. A seguito di questa visione, Andrei Bogolyubsky costruì una chiesa e un chiostro nel luogo dell'apparizione.
Link: The History Blog; The Art Newspaper.
Icona di Sant’Andrei Bogolyubsky, Осип Чириков (http://expertmus.livejournal.com/35064.html), da WikipediaPubblico Dominio.


Turchia: un pithos di 300 kg dal Mar Nero

15 Febbraio 2016
Trabzon_in_Turkey.svg
Un pithos di 300 kg, di epoca bizantina, è stato pescato nel Mar Nero, nel distretto di Arsin della Provincia turca di Trebisonda.
Link: Hurriyet Daily News via Anadolu Agency
La provincia di Trebisonda, da WikipediaCC BY-SA 3.0 (TUBS - Own work This vector graphics image was created with Adobe Illustrator. This file was uploaded with Commonist. This vector image includes elements that have been taken or adapted from this:  Turkey location map.svg (by NordNordWest)).


Turchia: manufatti e scheletri da Casa Garibaldi a Istanbul

24 Gennaio 2016
Istiklal_Street
I manufatti ritrovati insieme a scheletri, in una sepoltura del tardo periodo romano o degli esordi di quello bizantino (quarto - sesto secolo), dimostrano che l'area di Istanbul nella quale si trovano era allora già abitata.
La scoperta avvenne durante il restauro di Casa Garibaldi, sul Viale İstikal, nel distretto di Beyoğlu (Pera) a Istanbul. L’edificio è quello della Società Operaia fondata dall’Eroe dei due Mondi.
Link: Hurriyet Daily News
Viale İstikal, foto di Khortan, da WikipediaCC BY-SA 3.0.


Turchia: reperti preistorici e manufatti di oltre mille anni fa da Yenikapı

5 Gennaio 2016
Steelyard_weight_Eleutherion
Gli scavi nell’area di Yenikapı, presso Istanbul, hanno fatto ora emergere le orme degli abitanti neolitici, oltre a manufatti come remi di canoe (8000 mila anni fa) e cucchiai in osso.
Gli scavi in quello che era il Porto di Eleuterio (poi noto come Porto di Teodosio), hanno invece fatto ritrovare recentemente un pettine in legno e un'anfora di 1200 anni fa, zoccoli di 1500 anni fa, una testa d'avorio di 1600 anni fa, noccioli di ciliegie da un relitto di 1200 anni fa.
Link: Hurriyet Daily News
Un peso ritrovato presso il Porto di Teodosio, foto da WikipediaCC BY-SA 4.0, caricata da e di Gryffindor.


Fattoria di 2700 anni fa e monastero bizantino di 1500 anni fa da Rosh Ha-‘Ayin

30 Dicembre 2015 - 5 Gennaio 2016
Rosh_HaAyin
Due scoperte vengono da Rosh Ha-‘Ayin (nei pressi di Tel Aviv): un'impressionante fattoria di 2700 anni fa e un monastero bizantino di 1500 anni fa.
La fattoria si è preservata per un'altezza di due metri, e nei 30 x 50 metri sulla quale si sviluppa vi sono 24 stanze, costruite attorno a un cortile centrale. Qui una sorta di silo serviva per immagazzinare il grano, mentre si sono ritrovate anche macine per trasformare il grano in farina e semplici presse, ricavate nella roccia, per produrre olio. La fattoria fu costruita in seguito alla conquista assira nel 722 a. C., per poi essere abbandonata in epoca ellenistica. Tra i manufatti, due monete del quarto secolo a. C. con Atena e la civetta.
Il monastero bizantino del quinto secolo d. C., invece, comprendeva una chiesa e una pressa per l'olio, aree abitate e stalle. Nella chiesa pavimenti a mosaico colorati e disegni anche geometrici. Nel mosaico anche l'indicazione che la chiesa cristiana fu costruita sotto il sacerdote Teodosio. In epoca ottomana, una calcara distrusse parte del monastero.

Link: Israel Antiquities Authority; Israel Ministry of Foreign AffairsHaaretz; Times of Israel; The Jerusalem PostDaily Mail; Live Science 1, 2UPI; The Star.
Immagine di Rosh Ha-‘Ayin, foto di Pixie (from he) da WikipediaCC BY-SA 3.0, caricata da Beny Shlevich.
 


Israele: ariete in marmo da Caesarea

27 Dicembre 2015
Caesarea1
Un ariete in marmo è stato scoperto a Caesarea, in Israele, vicino una chiesa bizantina. La statua potrebbe essere una decorazione della chiesa risalente al sesto o settimo secolo d. C.
Link: Israel Ministry of Foreign Affairs; Live ScienceArchaeology News Network
Cesarea, foto da WikipediaCC BY-SA 4.0, di e caricata da Zxc0505


Turchia: estensione ad L nel Porto di Teodosio a Yenikapı

25 Dicembre 2015
Steelyard_weight_Eleutherion
Scoperta un'estensione ad L di epoca bizantina, nell'area di Yenikapı, in quello che era il Porto di Eleuterio (poi noto come Porto di Teodosio), presso Istanbul.
Link: Hurriyet Daily News
Un peso ritrovato presso il Porto di Teodosio, foto da WikipediaCC BY-SA 4.0, caricata da e di Gryffindor.


Grecia: Lecheo, uno degli antichi porti di Corinto

23 Dicembre 2015
800px-Peloponnese_modis
L'antica Lecheo era uno dei porti di Corinto, che è stata fino ad epoca bizantina una delle più potenti città della Grecia, sia da un punto di vista militare che economico. Lecheo si affacciava sul mare verso occidente, mentre il porto orientale era Cencrea.
Grazie all'archeologia subacquea, si stanno ora scoprendo quelle infrastrutture che per un millennio circa (dal sesto secolo a. C. al sesto d. C.) hanno contribuito alle vivacissime attività marittime che qui si svolgevano. Finora si sono ritrovati due monumentali frangiflutti e diverse strutture: Lecheo non doveva sfigurare di fronte alla grande metropoli a soli 3 km di distanza.
Nomos_Korinthias
Gli archeologi sono rimasti poi stupiti dalla presenza di fondazioni pneumatiche in legno, che fungevano da chiatte "monouso", appositamente affondate per esser fondamenta solide, e datate al quinto secolo d. C. Scoperto anche il maestoso canale di entrata, le cui vestigia erano già peraltro visibili.

La pagina del Lechaion Harbour Project su Facebook è qui.
Link: University of Copenhagen; Lechaion Harbour Project; Videnskab
Il Peloponneso e il Golfo di Corinto, visti dal MODIS, satellite terrestre della NASA (Adattamento da http://ltp-education.gsfc.nasa.gov/eye/modis_greece_lrg.jpg), foto da WikipediaPubblico Dominio, caricata da ChongDae.
 
La Corinzia nel Peloponneso, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da e di Pitichinaccio.


Grecia: un parco per l'archeologia subacquea dal Golfo di Eubea

12 Dicembre 2015
GR_Evia
Un parco (ma si tratta di un vero e proprio museo) per l'archeologia subacquea sarà aperto nel Golfo di Eubea. Eubea (o Evia) è la seconda isola greca per dimensioni, dopo Creta.
Sarà possibile visitare un totale di 19 siti, relativi a 26 relitti di navi antiche e bizantine. A permettere l'apertura del museo è la chiarezza delle acque.
Link: Archaeology News Network via ANA-MPAGTP
Eubea, opera di El Spartan (User:El Greco on wikipedia) - Own work, da WikipediaPubblico Dominio, caricata da El Greco.