Henri Cartier-Bresson. Landscapes

Henri Cartier-Bresson. Landscapes/Paysages
Forte di Bard. Valle d’Aosta
17 giugno -21 ottobre 2018
Curatore: Andréa Holzherr, Global Exhibition Director, Magnum Photos International
La mostra Landscapes realizzata dal Forte di Bard in
collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, presenta 105 immagini
in bianco e nero, personalmente selezionate da Henri Cartier-Bresson, scattate tra gli anni Trenta e gli anni Novanta fra Europa, Asia e America.
Ciascuna fotografia è rappresentazione di quell’ ‘istante decisivo’ che perl’artista è il “riconoscimento immediato, nella frazione di un secondo, del significato di un fatto e, contemporaneamente, della rigorosa organizzazione della forma che esprime quel
fatto”. Sebbene in alcune foto compaiano anche delle persone, l’attenzione dell’autore è concentrata in modo particolare sull’ambiente, tanto che si può parlare di Paesaggio della Natura e Paesaggio dell’Uomo.
Le immagini in bianco e nero di colui che è stato denominato l’"occhio del secolo", sono raggruppate per tema: alberi, neve, nebbia, sabbia, tetti, risaie, treni, scale, ombra, pendenze e corsi d'acqua. Sono immagini che riflettono il rigore e il talento di Henri Cartier-Bresson che in esse ha saputo cogliere momenti e aspetti
emblematici della natura, spesso immortalando la perfetta armonia tra le linee e le geometrie delle immagini. Armonia perfetta e serena, ad offrire una interpretazione naturale, calma e bella di un secolo, il ventesimo, per altri versi magmatico e drammaticamente complesso.
Come ha affermato il poeta e saggista Gérard Macé nella prefazione al catalogo Paysage (Delpire, 2001), “Cartier Bresson è riuscito a fare entrare nello spazio ristretto dell’immagine fotografica il mondo immenso del paesaggio, rispettando i tre principi fondamentali che
compongono la sua personale geometria: la molteplicità dei piani,
l’armonia delle proporzioni e la ricerca di equilibrio”.
Informazioni
Associazione Forte di Bard
T. + 39 0125 833811 | [email protected] | www.fortedibard.it
Prenotazione visite
T. + 39 0125 833818
Orari
Martedì-venerdì: 10.00 - 18.00
Sabato, domenica e festivi: 10.00 - 19.00
Lunedì chiuso.
Dal1° luglio al 2 settembre 10.00 - 19.30
La Biglietteria chiude 45 minuti prima.
Tariffe
Intero: 8,00 euro
Ridotto: 7,00 euro
Ragazzi 6 - 18 anni: 5,00 euro
0-5 anni: gratuito
Testo e immagini da Ufficio Stampa Associazione Forte di Bard.

Milano: “Henri Cartier-Bresson e gli altri. I grandi fotografi e l’Italia. Italia inside out”

Cultura

“Henri Cartier-Bresson e gli altri. I grandi fotografi e l’Italia. ITALIA INSIDE OUT”

Al Palazzo della Ragione un itinerario fotografico che fornisce uno spaccato del nostro paese dagli anni '30

DAVID SEYMOUR Roma 1955. Bernard Berenson osserva la statua di Paolina Borghese di Antonio Canova alla Galleria Borghese di Roma_0.jpg

Milano, 10 novembre 2015 – Inaugurata oggi a Palazzo della Ragione la mostra fotografica curata da Giovanna Calvenzi “Henri Cartier-Bresson e gli altri. I grandi fotografi e l’Italia. ITALIA INSIDE OUT”. A partire da Henri Cartier-Bresson, lo sguardo dei più celebri fotografi del mondo, da List a Salgado, da Newton a McCurry, costruisce il racconto affascinante di una Italia necessaria alla storia della fotografia. Oltre 200 immagini che sono spesso autentiche icone.

Leggere di più


Henri Cartier-Bresson all'Ara Pacis dal 26 settembre 2014

Sarà esposta a Roma, dal 26 settembre 2014 al 25 gennaio 2015, la mostra retrospettiva Henri Cartier-Bresson  a cura di Clément Chéroux, ora in corso al Centre Pompidou di Parigi.

800px-Museo_dell'Ara_Pacis

La grande esposizione, promossa da Roma Capitale Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e prodotta da Contrasto e Zètema Progetto Cultura, viene presentata a dieci anni esatti dalla morte di Henri Cartier-Bresson. Clément Chéroux è storico della fotografia e curatore presso il Centre Pompidou, Musée national d’art moderne.

La mostra propone una nuova lettura dell'immenso corpus di immagini che Cartier-Bresson ci ha lasciato: copre l’intero percorso professionale del grande fotografo ed è  il frutto di un lungo lavoro di ricerca svolto dal curatore nel corso di molti anni di studio nell’archivio di Cartier-Bresson. Saranno esposte oltre 500 tra fotografie, disegni, dipinti, film e documenti, riunendo le più importanti icone ma anche le immagini meno conosciute del grande maestro.

Le mostre retrospettive dedicate a Henri Cartier-Bresson, fin’ora hanno sempre cercato di dimostrare il senso di unità del suo lavoro sottolineando la sua abilità nel cogliere i “momenti decisivi”. Questa esposizione vuole mostrare invece come ci sia stato non uno ma diversi Cartier-Bresson: il fotografo, vicino al movimento Surrealista intorno agli anni Trenta, il militante documentarista della Guerra civile spagnola e della Seconda guerra mondiale, il reporter degli anni Cinquanta e Sessanta e infine, cominciando negli anni Settanta, l’artista più intimista.

Curatore/i

Clément Chéroux

Catalogo

Catalogo e guida alla mostra Contrasto

Fonte: il sito del Museo dell'Ara Pacis

Foto dell'Ara Pacis di teldridge+keldridge, da Wikipedia, CC-BY-SA 2.0, Uploaded by Flickr upload bot.