Le zanne di tricheco dietro la colonizzazione vichinga di Islanda e Groenlandia?

24 Settembre 2015
Noaa-walrus22
L'avorio delle zanne del tricheco e le corde prodotte con la pelle dell'animale erano delle merci molto richieste, mille anni fa. Ma lo erano al punto da determinare, da parte dei Vichinghi, la colonizzazione di Groenlandia e Islanda?
Gli Archeologi si pongono la domanda da anni. Un nuovo studio esamina la possibilità, chiedendosi: dove veniva catturato l'animale? Si consideri che, biologicamente, l'animale nelle due aree è identico. Gli autori hanno perciò utilizzato un metodo relativamente nuovo, e cioè quello di utilizzare lo stronzio per determinare i movimenti dell'animale: come si è già fatto per l'ormai celebre Ragazza di Egtved. Il metallo infatti si trasmette col cibo e l'acqua, e in molti paesi si presenta in modo diverso, permettendo così di ricavare ulteriori informazioni.
In Islanda, i ritrovamenti di ossa e avorio nei primi insediamenti vichinghi, nel sud est dell'isola, suggeriscono un notevole sfruttamento dell'animale. In Groenlandia (colonizzata tre o quattro generazioni dopo), la situazione è più complessa: si potrà capire l'importanza di queste attività analizzando i reperti prodotti in zanna di tricheco conservati nei vari musei.
Leggere di più