Caravaggio San Giovanni Battista

Il San Giovanni Battista di Caravaggio ai Musei Reali di Torino: il futuro delle mostre sostenibili

Il San Giovanni Battista di Caravaggio ai Musei Reali di Torino: il futuro delle mostre sostenibili

Arrivato a Torino pochissimi giorni prima che il Piemonte entrasse in zona rossa, il San Giovanni Battista di Caravaggio si potrà ammirare negli spazi della Galleria Sabauda ancora fino a fine maggio.

La presenza del dipinto è frutto di uno scambio con le Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma, che hanno ricevuto a loro volta in prestito la tavola di Hans Memling che raffigura la Passione di Cristo per la mostra L’ora dello spettatore. Come le immagini ci usano.

Caravaggio dipinge questo San Giovanni all’apice della sua carriera. Difficile riconoscere il Santo, che non esibisce i tradizionali attributi, in particolare la veste in peli di cammello.

Caravaggio San Giovanni Battista mostra sabauda
Caravaggio, San Giovanni Battista, 1604-6, Galleria Corsini - l'allestimento in Galleria Sabauda. Foto Credits: Musei Reali Torino

Appare invece, come in un’altra versione dello stesso Merisi, avvolto, o sarebbe meglio dire circondato, da un gran manto rosso. Sontuoso, nel colore come nella consistenza morbida ma robusta:‌ l’unico vero indizio dell’eccezionalità di questo ragazzo.

Per il resto quello che vediamo è un adolescente ostinatamente imbronciato, le mani indurite dall’asprezza nella vita del deserto e un evidente disinteresse per la cura del proprio aspetto. Questo ragazzo tutto concentrato in una profondità di pensiero che lo allontana da qualunque possibilità di interazione diventa riconoscibile come San Giovanni solo quando lo sguardo comincia a soffermarsi sui dettagli e scopre la croce di canne, la ciotola per l’acqua del battesimo.

Il tronco del cipresso alle sue spalle, come spesso accade nei dipinti di Caravaggio, emerge progressivamente dall’ombra, a mano a mano che gli occhi si abituano ad indagare l’oscurità. E una volta emerso si va a porre come comprimario, una figura con una propria identità, appena meno importante del protagonista in primo piano.


Caravaggio San Giovanni Battista
Michelangelo Merisi detto il Caravaggio, San Giovanni Battista, in prestito dalle Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma alla Galleria Sabauda di Torino. Foto Credits: Musei Reali Torino

In questi giorni il San Giovanni è in compagnia delle altre opere di scuola caravaggesca che appartengono alle collezioni permanenti della Galleria Sabauda.

Alle sue spalle occhieggia (un po' maligno) il San Pietro di Giovanni Baglione, mentre di fronte alla scandalosa gioventù del profeta caravaggesco si impone la veneranda vecchiezza esibita senza alcuna censura dal San Girolamo dipinto da Valentin de Boulogne.

Caravaggio San Giovanni Battista Galleria Sabauda Musei Reali di Torino
Foto Credits: Musei Reali di Torino

E nonostante i rapporti più immediati e caldi con l’opera di Caravaggio che viene dalle collezioni romane siano esplorati in questa sala, tutta la collezione permanente sembra riverberare nuovi significati grazie a questo arrivo.

Come un sasso gettato in uno specchio d’acqua, capace di increspare la superficie fino alle sponde.

 

E così torniamo ad ammirare le due tele di Giovanni Gerolamo Savoldo, l’Adorazione dei pastori in particolare. Curiosa quanto raffinata scelta quella di Savoldo per una collezione reale;‌ pittore di grande qualità ma non di così grande fama.
Oggi quella luce argentea, quell’umanità popolare che inscena la storia sacra senza un briciolo di retorica, quella verità spiazzante sulla natura umana non possiamo non leggerle come una lezione per il giovane Caravaggio. Anche se dovremmo piuttosto sorprenderci dell’intensa qualità di questo pittore e di una scuola lombarda cinquecentesca che ancora non ha conquistato il grande pubblico.

Guido Reni, San Giovanni Battista nel deserto, ca. 1632 - ca. 1637. Foto di Francesco Bini, CC BY-SA 3.0

Torniamo a considerare un altro celebre San Giovanni Battista, dipinto da Guido Reni trent’anni dopo l’opera caravaggesca. Reni risolve il soggetto ritraendo un giovane dalla bellezza idealizzata e molto più francamente erotizzata dell’adolescente scontroso e acerbo di Caravaggio. Ma nella verità accolta, seppur ammorbidita, nell’essenzialità della composizione, nella luce che costruisce l’anatomia e allo stesso tempo denuncia la presenza del sacro, continuiamo a leggere l’onda propagata dalla vicenda artistica del Merisi.

E infine come non celebrare la riunione tra amici di fronte all’Annunciazione di Orazio Gentileschi?
Un’opera che è allo stesso tempo un vanto e un biasimo per le collezioni di casa Savoia. Orazio la invia come prova della sua bravura, nella speranza e forse nella convinzione di trovare posto a Torino come pittore di corte.
Ma lo stigma del caravaggismo, di quell’amicizia ingombrante e di quello stile troppo poco consono alla propaganda di una casata che aspira a ritagliarsi un ruolo di primo piano nell’Europa dell’Ancient Régime gli preclude qualsiasi possibilità.

Orazio Gentileschi, Annunciazione, ante 1623. Foto di Paris Orlando, in pubblico dominio

Appare insomma evidente che l’inserimento anche di una sola opera, se ragionato, riesce a dare nuova vita e fresche chiavi di lettura alle collezioni permanenti.


Foto Credits: Musei Reali di Torino

Questi scambi tra musei sono segno di un dialogo tra istituzioni che porta sempre frutti di grande valore. Nello stesso tempo pare segnare un percorso verso nuove forme espositive. Lo suggerisce la direttrice dei Musei Reali di Torino, Enrica Pagella:

“Nonostante i mesi di lockdown, i Musei Reali non si sono mai fermati. L’emergenza che abbiamo vissuto e che stiamo tuttora vivendo ha evidenziato la necessità di offrire al pubblico proposte culturali inedite, misurate sulle attuali esigenze di fruizione e di sostenibilità, sviluppate anche in collaborazione con altre realtà nazionali. I Musei Reali si fanno promotori di un costante scambio e confronto con lo scenario nazionale, oggi essenziale per offrire al pubblico nuovi contenuti capaci di moltiplicare le opportunità di conoscenza e di esperienza”.

Moltiplicare la conoscenza con interventi mirati, a basso impatto.
Il sistema delle “grandi mostre” mostrava avvisaglie di crisi ben prima degli sconvolgimenti portati dalla pandemia. Ma si trattava di meccanismi che si auto-replicano quasi per inerzia, difficili da fermare in modo non traumatico.

Oggi, però, il trauma è evidente. Le dinamiche di turismo e fruizione sono destinate a cambiare in maniera radicale ed inevitabile.

Di fronte a questo scenario l’iniziativa in corso presso i Musei Reali pare indicare la possibilità di percorrere nuove strade. Che tornino a farci gustare la familiarità con collezioni ben note senza rinunciare a quelle opportunità di riflessione e conoscenza che le mostre temporanee hanno sempre offerto.

Perché‌ in fondo sono proprio le energie che sapremo mettere in campo a disegnare il futuro delle dinamiche anche di fruizione del patrimonio.


Santa Maria de Olearia in Maiori

L'Abbazia Benedettina di Santa Maria de Olearia in Maiori

Può esistere un gioiello contenuto in un altro gioiello?
In Costiera Amalfitana tutto può succedere, e infatti succede anche questo; cioè lo scoprire, all'interno di una altissima parete rocciosa che sembra ergersi quasi a picco sul mare, l'esistenza di un antichissimo cenobio datato al X secolo ed in seguito rimaneggiato tra il XIII ed il XV secolo.
In età medievale Maiori era infatti una delle maggiori sedi ecclesiastiche del ducato amalfitano, soprattutto grazie alle numerose presenze sul suo territorio di centri monastici, concentrati nella maggior parte dei casi nella contrada del Monte Falerzio.
Santa Maria de Olearia in Maiori
Qui infatti operavano e coesistevano le due maggiori concezioni monastiche del mondo cristiano, quella occidentale e quella orientale, rappresentate rispettivamente dal monachesimo antico e da quello riformato; benedettini, basiliani, cluniacensi, cistercensi e camaldolesi popolavano con i loro cenobi il territorio di Maiori e le scoscese pendici del Monte Falerzio.
Il complesso abbaziale di Santa Maria de Olearia, composto di tre piccole chiese sovrapposte e variamente affrescate, sorse come eremo tra il 973 ed il 987 ad opera dell'anacoreta Pietro e del nipote Giovanni, fu protocenobio benedettino e poi Badia, chiamata "de Olearia" per la presenza delle numerose piante d'ulivo che la circondavano.
Santa Maria de Olearia in Maiori
L'ultimo abate morì nel 1509, dopodiché l'Abbazia venne abbandonata.
Nella parte monumentale superstite si ritrovano affreschi attribuiti a Leone Amalfitano, monaco benedettino vissuto nell'XI secolo, al quale va riconosciuto il merito di aver aperto l'illustre schiera di grandi artisti italiani che furono al tempo stesso pittori, architetti, scultori ed intagliatori.
Nel primo livello del complesso, quello destinato a catacombe, sono state rinvenute altre pitture, risalenti al VII e all'VIII secolo, di pregevole fattura e grande interesse storico-artistico.
Il secondo livello invece è costituito dalla cappella principale, che si affaccia su un ampia terrazza e presenta affreschi di epoca più tarda, risalenti al XIV secolo, tra cui spiccano scene tratte da storie dell'Annunciazione, della Visitazione, con una splendida Natività nella lunetta centrale.
Santa Maria de Olearia in Maiori
Il terzo livello, quello più suggestivo, è costituito da una piccola cappella, con volte a botte e abside rivolta a nord, la quale è affrescata con scene della vita di San Nicola, il cui culto si diffuse in Occidente a partire dal VII secolo.
L'Abbazia di Santa Maria de Olearia si trova lungo la Strada Statale Amalfitana, al km. 43, poco prima di arrivare a Maiori per chi proviene da Salerno.
Resta aperta ogni mercoledì e sabato dalle ore 15.30 alle ore 18.30 ed ogni domenica dalle ore 10.00 alle ore 13.00.
Santa Maria de Olearia in Maiori
Tutte le foto sono di Camillo Sorrentino, Itinerando.

Pandora III

Interpol ed Europol coordinano l'operazione "Pandora III"

OPERAZIONE “PANDORA III”

-Italia-

L’Italia ha partecipato all’operazione internazionale denominata “Pandora III”, coordinata centralmente da Interpol ed Europol e finalizzata a contrastare, simultaneamente in più Paesi, la commercializzazione di beni d’arte di provenienza illecita.

Nella settimana di azione coordinata, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, con il supporto dell’Arma territoriale e in collaborazione con la Direzione Centrale Antifrode e Controlli dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato ha:

  • effettuato 56 controlli ad aree terrestri d’interesse archeologico e monumentale;

  • verificato 108 esercizi antiquariali, case d’asta, gallerie, restauratori e trasportatori;

  • controllato 17 opere in transito presso porti, aeroporti e aree doganali;

  • contestato 3 violazioni amministrative;

  • identificato 116 persone;

  • denunciato 26 persone in stato di libertà;

  • verificato 329 beni nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, localizzando 17 opere su cui sono in corso indagini tese al recupero;

  • sequestrato 367 beni culturali per un valore complessivo di € 5.510.000, tra cui:

  • Roma: 2 capitelli corinzi lignei del XVIII secolo, parziale provento del furto commesso, nel marzo 2013 in danno della chiesa “San Martino” di Rocca Santa Maria (TE);

  • Ancona: 2 opere falsamente attribuite all’artista Michelangelo Pistoletto;

  • Jesi (AN), Falconara Marittima (AN), San Severino Marche (MC) e Matelica (MC): 2 dipinti raffiguranti “Annunciazione, Madonna con angelo”, parziale provento del furto commesso, nel marzo 2001, ai danni di un privato di San Silvestro Curatone (MN) e “Deposizione di Cristo”, parziale provento del furto, commesso nel giugno 1974, ai danni della Chiesa “Santa Maria Assunta” di Castel d’Arco (MN);

  • Rimini: rocchio di colonne in pietra di natura archeologica; elemento architettonico;

  • Galatone (LE): 70 monete in bronzo di natura archeologica; 17 oggetti archeologici in bronzo tra cui 2 anelli;

  • Firenze: statuetta egizia del VII secolo a.C., raffigurante “Ushabti in Faience”, provento del furto, commesso nel dicembre 1964, in danno del Museo Civico Archeologico di Modena

Pandora III
“Ushabti”, in faience, VI sec a.C.
  • Bologna: dipinto dal titolo “Half Dollar”, falsamente attribuito all’artista Franco Angeli;

  • Firenze: dipinto del XVII secolo, raffigurante “Natura morta”, provento del furto, commesso nel novembre 1988, in danno di un antiquario di Firenze;

  • Taormina (ME): 109 monete in bronzo di natura archeologica;

  • Perugia: opera grafica, raffigurante “Sacco e Rosso”, falsamente attribuita all’artista Alberto Burri;

  • Modena: 33 volumi dell’Enciclopedie ou dictionnaie raisonnè des sciences….. del XVIII secolo, scritta da Diderot e D’Alembert, asportati in data imprecisata ad un privato di Città di Castello (PG);

  • Grottammare (AP): dipinto del XVI secolo, raffigurante “Madonna con Bambino e Santi”, dell’artista Cesura Pompeo, provento del furto, commesso nel settembre 2013, in danno di privato di Ofena (AQ);

  • Bronzolo (BZ): dipinto senza titolo falsamente attribuito all’artista Gerardo Dottori;

  • Ochsenhausen (Germania): statua raffigurante “Sant’Agata”, asportata nel 1984 dalla chiesa di Commezzadura (TN)

Statua di Sant’Agata
  • Udine e Bronzolo (UD): 3 statue policrome appartenenti alla Civiltà Maya; dipinto falsamente attribuito all’artista Georges Mathieu.


Antonello, l'Annunciata, il Magnificat - La Conferenza

19 Marzo 2015
640px-Antonello_da_Messina_035
Alla presenza del Sottosegretario di Stato al MIBACT l'On. Ilaria Borletti Buitoni, ha preso il via la conferenza sull'annunciata di Antonello da Messina.

Mauro Lucco ha analiticamente dimostrato che l'Annunciata di Palazzo Abatellis a Palermo è in  realtà la geniale trasformazione di un tipo iconografico frequentato soprattutto in Spagna, che Antonello ha concentrato in una immagine particolarmente significativa perché coinvolgente lo spazio dello spettatore che  viene a trovarsi nel luogo virtuale dell'angelo dell'Annunciazione e sulla traiettoria del suo sguardo verso la Vergine.
Questa osservazione  e' stata ulteriormente allargata dal prof. Tomasino, che ha mostrato come l'idea di uno spazio virtuale dalle prospettive multiple che si riflettono specularmente dentro e oltre la tela, trovi già efficaci tentativi in Jan Van Eych, e si sviluppi attraverso il manierismo e il barocco fino a Velazquez.
Con sorprendente modernità l'Annunciata di Antonello sarebbe dunque un primo piano che per essere inteso in tutte le sue valenze spirituali e allegoriche instaura di necessità un tale spazio virtuale.
Qualsiasi persona che guardi all'Annunciata di Palermo si trova nella posizione  dell'Angelo annunciante. Naturalmente, tutto questo lo ha fatto avendo alle spalle delle premesse di cui si è con straordinaria intelligenza servito; ma ha anche volutamente indicato, come spiegato da Giovanni Taormina, autore dello studio Il Mistero Svelato, che si tratta di un'Annunciata, ponendo bene in vista nella pagine del libro la lettera "M", iniziale di "Magnificat", realizzata con la Grafia onciale, la risposta della Vergine all'angelo.
Alla luce di quanto si è esposto presso la sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si può tranquillamente affermare, come già sostenuto da tempo da Lucco prima e da Giovanni Taormina dopo, che non basta dire che Antonello elabora per primo la tecnica della pittura ad olio, poiché se andiamo indietro, cioè prima o durante la sua attività, ci renderemo conto che la ritrattistica in Italia veniva ripresa di profilo, un metodo ricavato dall'iconografia della numismatica. La materia pittorica, all'epoca, fu uno dei temi più ricercati, con Antonello è risaputo che questa subisce un mutamento lodevole e si sa, ma si sa, che tutte le opere oltre ad essere tali sono anche messaggio. Ma ciò che sollecita la curiosità è che nell'artista siciliano, questo avviene attraverso una comunicazione che prima di allora in Italia non si era mai vista.
Per la prima volta, ha ancora argomentato Giovanni Taormina, la comunicazione richiede uno spettatore attivo e partecipe delle scene, la sua materia diventa realistica ed emozionale, portatrice di un messaggio, che non sempre si scorge attraverso il senso visivo, poiché dei temi teologici, spesso, ne presenta soltanto la sintesi, senza tralasciare il modo su come fare giungere il messaggio al suo interlocutore, che stranamente vista l'epoca, deve essere preparato, poiché l'icona spesso non rappresenta il tema allegorico nella sua totalità, ma soltanto una sintesi ricca di carica emotiva, come ad esempio avviene per il Cristo alla Colonna del Museo del Louvre;
Questo modo di rappresentare i gesti, i sentimenti e le emozioni in pittura offrono importanti spunti per dire che Antonello ha anticipato Leonardo da Vinci di almeno 16/18 anni, in quella che per eccellenza, nell’immaginario collettivo, viene definita la grammatica delle emozioni, l’ultima cena di Santa Maria delle Grazie a Milano.
Ha chiuso i lavori il Presidente dei Dipartimenti umanistici dell'Ateno di Palermo, prof. Girolamo Cusimano, il quale portando i suoi saluti e quelli del Rettore Roberto Lagalla, ha sottolineato l'importanza dell'approccio interdisciplinare emerso durante i lavori e il ruolo strategico che possono avere nel marketing della cultura gli strumenti della comunicazione multimediale, prodotti dal Laboratorio Universitario Multimediale dell'Ateneo di Palermo, in sinergia con l'Associazione ONLUS " Il Vestito Nuovo" presieduta dal presidente Cristiana Perrone e da Giovanni Taormina suo rappresentante oltre che, titolare dei patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo nonché curatore dell'evento storico tenutosi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri di Palazzo Chigi.

Come da MIBACT, Redattore Renzo De Simone
Annunciata di Palermo di Antonello da Messina (The Yorck Project: 10.000 Meisterwerke der Malerei. DVD-ROM, 2002. ISBN 3936122202. Distributed by DIRECTMEDIA Publishing GmbH), da WikipediaPubblico dominio, caricata da Berthold Werner.


Ipotesi interpretative e interventi tecnico scientifici sul dipinto de l'Annunciata

10 Marzo 2015

Ipotesi interpretative e interventi tecnico scientifici sul dipinto de l'Annunciata

640px-Antonello_da_Messina_035
Si torna a parlare dell'opera di Antonello da Messina:

Roma,  18 marzo 2015 ore 17.00, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Palazzo Chigi Sala Polifunzionale Colonna (Roma)
Dopo un lungo periodo di approfondimenti legati alla Sua trasferta oltre oceano e le ultime mostre alle Scuderie del Quirinale ed il Mart di Rovereto è  lo studioso e restauratore Giovanni Taormina che sta approfondendo l'analisi sulla prestigiosa opera di Antonello l'Antonello, riuscendo a coinvolgere un'equipe di radiologi, restauratori, chirurghi estetici, cine operatori, insomma tutti trattamenti riservati ad una star senza tempo...

Leggere di più


Antonello, l'Annunciata, il Magnificat. Una sensazionale affermazione scientifica su la Madonna di Antonello da Messina "è una Annunciazione"

27 Febbraio 2015

Antonello, l'Annunciata, il Magnificat. Una sensazionale affermazione scientifica su la Madonna di Antonello da Messina "è una Annunciazione"

640px-Antonello_da_Messina_035

Il mistero dell’Annunciata che per tanti secoli ha animato tavoli di discussione tra critici , storici , studiosi ed esperti in arte sacra, si arricchisce di inediti dettagli e simbolismi che vanno oltre l’allegoria classica,  tipica dei canoni quattrocenteschi.
Un team di creativi dell’Università di Palermo, coordinati da Mauro Lucco,  autorevole storico dell’arte , già curatore di numerose mostre tra cui proprio quella su Antonello da Messina alle Scuderie del Quirinale, Giovanni Taormina, coordinatore tecnico scientifico dello studio e Renato Tomasino Presidente del  LUM di Palermo - Laboratorio  Universitario  Multimediale,  ha sintetizzato in un video i momenti più salienti e simbolici che si celano dietro il dipinto de l’Annunciata di Antonello da Messina , custodito a Palermo alla Galleria Museo Palazzo Abatellis.

Leggere di più


Firenze - Basilica di San Lorenzo - Spostamento per restauro della Pala Martelli di Filippo Lippi

19 Dicembre 2014

Firenze - Basilica di San Lorenzo - Spostamento per restauro della Pala Martelli di Filippo Lippi - Il restauro finanziato dai Friends of Florence

Firenze - Basilica di San Lorenzo - Spostamento per restauro della Pala Martelli di Filippo Lippi - Il restauro finanziato dai Friends of Florence
9a2d71d2973cf1a99325a716e6ef7bc8184cfd7
“L’ ANNUNCIAZIONE” DI FILIPPO LIPPI, COLLOCATA NELLA CAPPELLA MARTELLI DI SAN LORENZO, RESTAURATA GRAZIE AI FRIENDS OF FLORENCE
Un nuovo e importante progetto realizzato in favore della città di Firenze
Lo scorso 12 novembre, dalla Cappella dei Martelli situata nella Basilica di San Lorenzo, è stata rimossa “L’ Annunciazione” di Filippo Lippi, per permettere un doveroso e urgente restauro finanziato, con la consueta generosità, dalla Fondazione non profit Friends of Florence.
La tavola dipinta da Filippo Lippi, che rappresenta uno dei capolavori del Rinascimento fiorentino, fu commissionata al pittore da Niccolò Martelli, il quale volle con essa omaggiare la chiesa, che aveva di recente eletto a propria parrocchia.
“Siamo felici che la parrocchia di San Lorenzo possa essere beneficiata dal restauro di questo capolavoro straordinario – sottolinea Enrico Bocci, Presidente dell’Opera Medicea Laurenziana – e speriamo che molti altri mecenati e donatori contribuiscano al mantenimento di una delle chiese e dei complessi più importanti di Firenze”.
“Data la sua grande importanza nel panorama storico artistico italiano, l’opera non poteva essere lasciata in balia delle sue condizioni precarie – afferma Simonetta Brandolini d’Adda Presidente della Fondazione non profit Friends of Florence - per questo abbiamo accolto l’invito a sostenere il restauro del dipinto che ci è arrivato a più voci. Già due anni fa nel 2012 con la prima edizione del Premio Friends of Florence Salone dell’Arte e del restauro di Firenze – continua la Presidente - fu presentato dalla restauratrice Lucia Biondi il progetto di intervento sull’opera. Il restauro dell’Annunciazione di Filippo Lippi, che costerà 40.000,00 euro, è il primo intervento che noi sosteniamo a San Lorenzo, ma ci auguriamo che possa essere l’inizio di una proficua collaborazione” conclude Simonetta Brandolini d’Adda.
Per non lasciare la cappella spoglia della sua immagine devozionale, la tavola è stata sostituita, per il tempo necessario del restauro, da una fotoriproduzione  a grandezza naturale, offerta dall’Opera Medicea Laurenziana.
Leggere di più