Halaesa Arconidea: intervista al Prof. Lorenzo Campagna

Con il ripristino delle attività di scavo anche l’Università di Messina ha ripreso le sue indagini a Tusa, nell’antico sito di Halaesa Arconidea, in collaborazione con il Parco archeologico di Tindari e con l’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Lorenzo Campagna , Professore Associato di Archeologia e storia dell’arte romana e delle province romane presso l’Università degli Studi di Messina, è il direttore dello scavo.

Secondo la sua ipotesi, la struttura riportata alla luce è legata alle funzioni rituali che si compivano con ogni probabilità in onore del dio Apollo.

Lo abbiamo intervistato per Classicult.

Halaesa Arconidea
Halaesa Arconidea. Immagine tratta durante i lavori di scavo del sito di Halaesa. Foto di Lorenzo Campagna

Professore, può illustrarci le novità emerse durante l’ultima campagna di scavo nel sito di Halaesa?

Lo scavo dell’ultima campagna 2021 è stato, per varie ragioni, di proporzioni più contenute rispetto a quello che ci eravamo ripromessi di fare in passato. Nonostante questo, ha dato dei risultati piuttosto interessanti, aprendo delle prospettive per l’indagine futura che non ci aspettavamo perché abbiamo avuto modo di esplorare una struttura che, in parte, era stata messa in luce già nella campagna del 2019, ma della quale allora non avevamo ben compreso la funzione.

Adesso abbiamo ampliato l’indagine, in modo da continuare a riportare in luce questa struttura ed è emerso che si tratta di una struttura dall’importanza rilevante per il culto che si svolgeva all’interno del santuario. La struttura ha una lunghezza di oltre 10 m; non è con ogni probabilità un altare, poiché non ci sono elementi riconoscibili che possano essere ricondotti a questo.

Per contro, abbiamo qualche indizio della presenza di acqua in relazione a questa struttura. Ci sono tanti elementi che lo scavo ha offerto rispetto a quella che era la nostra idea originaria, che cioè si trattasse di un semplice basamento per offerte, invece quest’anno abbiamo capito che si tratta di qualcosa di più importante e di molto rilevante all’interno delle pratiche cultuali che si svolgevano all’interno del santuario. È necessario tuttavia ampliare l’indagine, definirne completamente le dimensioni e speriamo anche di acquisire dati per comprenderne la reale funzione.

Gli scavi, dunque, proseguiranno anche il prossimo anno, Covid permettendo.

Quello che speriamo è di poter proseguire le indagini. Del resto, la campagna che abbiamo svolto quest’anno era la prima campagna del secondo triennio del nostro accordo con l’Assessorato dei Beni Archeologici. La nostra prospettiva è quella di andare avanti l’anno prossimo sempre nel quadro istituzionale che ha caratterizzato le nostre indagini, ovvero con il supporto e la collaborazione del Parco Archeologico di Tindari, a cui Halaesa fa riferimento, e in cooperazione naturalmente con i nostri partner che sono i colleghi dell’Università di Oxford.

Questi nuovi risultati che sono emersi a Tusa, sia per quanto riguarda il lavoro proficuo svolto dall’Università di Messina sia per quanto concerne le Università di Palermo e di Amiens, possono dare una svolta dal punto di vista turistico ad un sito che, fino a questo momento, forse non ha goduto della giusta risonanza?

L’obiettivo congiunto che le missioni che operano ad Halaesa si sono poste è quello di contribuire alla valorizzazione di questo sito che, per gli addetti ai lavori, ha un’importanza straordinaria. Tutti coloro che si occupano della Sicilia ellenistica e romana sanno benissimo quanto sia fondamentale.

C’è, però, anche un aspetto legato alla valorizzazione e al pubblico, che rientra pienamente negli intenti delle nostre missioni e anche della collaborazione con il Parco di Tindari. L’obiettivo finale di queste ricerche, da perseguire in un tempo ragionevole, è quello di collegare questi scavi in corso al percorso di visita attuale e, dunque, consentire ai visitatori di avere una visione globale più articolata di questo sito e di comprenderne l’importanza che è già conferita dalla sua monumentalità.

Halaesa indubbiamente ha una monumentalità che, allo stato attuale, è percepibile solo in minima parte rispetto alle sue potenzialità ma che sta emergendo in maniera sempre più evidente proprio in questi nuovi scavi.

Ci può dare qualche informazione a carattere storico del sito di Halaesa? Perché è stata una città così importante e determinante?

La Halaesa che noi vediamo oggi è la Halaesa della tarda età ellenistica e della prima età imperiale, cioè del momento che rappresenta probabilmente la massima fioritura della città dal punto di vista economico ma anche delle sue relazioni con Roma. In realtà, la sua storia nasce ben prima, perché la città viene fondata alla fine del V secolo a.C. come una sorta di proiezione sul mare di un centro non greco, si direbbe “indigeno” nella terminologia tecnica, dell’interno.

Di questa prima Halaesa noi conosciamo molto poco dal punto di vista archeologico, perché forse le tracce monumentali di questa fase sono state in gran parte cancellate in occasione degli imponenti lavori di monumentalizzazione della città, che sono quelli che hanno dato luogo a quello che noi oggi vediamo, con successive ristrutturazioni e trasformazioni.

Sostanzialmente l’impianto urbanistico e monumentale che oggi vediamo è quello che Halaesa si dà nel corso del II secolo, nel momento in cui, come dicevo prima, raggiunge l’apice della sua fortuna soprattutto in relazione al consolidato rapporto che aveva stabilito con Roma. Sappiamo dell’esistenza di una comunità di italici ad Halaesa in un’epoca molto precoce, precedente alla conquista di Roma. Ma la sua prosperità è dovuta anche alla sua posizione, alla sua prossimità con le rotte che dalla Sicilia andavano ai porti di Roma e della Campania.

Questa fortuna dura ancora nella prima età imperiale, come dimostrano tutta una serie di restauri e abbellimenti dell’apparato monumentale. Il suo declino inizia già dalla media età imperiale per poi concludere questa parabola nella prima età bizantina. Un indizio importante è che, nel foro della città, viene impiantata una necropoli bizantina e questo segna il definitivo tramonto della città antica.


Halaesa Arconidea

Importanti scoperte nel sito di Halaesa Arconidea

Importanti scoperte nel sito di Halaesa Arconidea (Tusa, ME) dove la missione archeologica dell’Università francese di Amiens ha individuato il monumentale muro di accesso al Teatro dell’antica città.

Il corridoio di accesso al teatro dal lato sud era in uno stato perfetto di conservazione su vari metri di altezza e in tutta la lunghezza e si conferma come uno dei ritrovamenti più importanti emersi dagli scavi archeologi della missione 2021.

Il teatro, la cui fase oggi visibile è probabilmente quella del III secolo a.C., doveva essere visibile sia dal mare che dal porto sottostante e doveva apparire anche riccamente decorato come dimostrano i blocchi di decoro architetturale ritrovati nel sito.

Halaesa Arconidea
Halaesa Arconidea. Foto: Regione Siciliana Assessorato per i Beni Culturali e l'identità siciliana

La missione francese si è concentrata sul teatro di Halaesa e grazie alle ricerche sul campo ha chiarito alcune questioni importanti circa il rapporto tra la porta con l’imponente sistema di scolo delle acque che si apre nelle fortificazioni della città a valle del teatro e anche relativamente al teatro stesso e all’organizzazione della scena con il proscenio lastricato. Ulteriori indagini hanno permesso di scoprire che il muro a contrafforti in parte scavato negli anni ’50 da Carettoni, nella parte alta del teatro, continua ad abbracciare tutto l’emiciclo del teatro.

Anche le altre due università che scavano sul sito di Halaesa, quella di Messina e quella di Palermo, hanno terminato per questa stagione le loro indagini.

L’Università di Messina ha scoperto una struttura nella quale si compivano abluzioni rituali legate al culto di Apollo in un’area che si pensava ospitasse un altare, mentre l’Università di Palermo ha operato in due settori delle fortificazioni orientali, la Torre C e un’area attorno alla cinta muraria dove si trova una cisterna.

Halaesa Arconidea
Halaesa Arconidea. Foto: https://www.facebook.com/photo?fbid=297228848656142&set=pcb.297229198656107

Le indagini hanno permesso di chiarire che la torre era probabilmente un rifacimento di III secolo a.C. del sistema difensivo e che faceva parte di un tratto di fortificazione che rifoderava all’esterno una cinta già esistente. Riguardo la cisterna sembrano potersi individuare due fasi, entrambe forse di età ellenistico-romana (III secolo a.C. – I secolo d.C) cui si sovrappone un muro in crollo con resti di un mosaico che suggerisce la presenza di un secondo piano.

“Al di là dei significativi esiti delle campagne di scavo – sottolinea l’assessore regionale dei beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – è importante anche segnalare la ripresa delle attività di ricerca nel Parco Archeologico di Tindari, grazie alla fattiva azione del direttore, Mimmo Targia. Un’azione che si collega a quella in corso in tutta la Sicilia e che ha visto il riattivarsi delle campagne di scavi in quella che amo definire la "primavera dell’archeologia siciliana".

Halaesa Arconidea
Halaesa Arconidea. Foto: https://www.facebook.com/photo?fbid=297228908656136&set=pcb.297229198656107

“É stato molto emozionante – ha detto il direttore del Parco Archeologico di Tindari, Mimmo Targia – vivere il febbrile entusiasmo legato alle campagna di scavo che hanno animato in quest’ultimo mese il sito di Halaesa. Un’eccitazione che ha coinvolto l’intera comunità che, ha vissuto attivamente l’entusiasmo di tornare a veder vivere il sito. Sono molto felice di aver contribuito a questo piccolo miracolo restituendo per prima cosa pulizia e dignità ai luoghi e garantendo l'attuazione di tutte le misure necessarie a visitare gli scavi in sicurezza. Ritengo molto importante il coinvolgimento dell'amministrazione locale nella gestione del sito e la rinnovata collaborazione con la comunità scientifica siciliana e internazionale. Sono certo - precisa Targia - che l’eco dei nuovi ritrovamenti, sarà determinante per indirizzare tanti visitatori nell’antica città di Halaesa”.


Nave romana

Nave romana individuata al largo dell'Isola delle Femmine

Una nave romana con il suo carico è stata ritrovata al largo dell’Isola delle Femmine a 92 metri di profondità.

Il relitto databile al II secolo a.C. è stato individuato durante una ricognizione nelle acque antistanti la provincia di Palermo effettuata dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana a bordo della nave oceanografica Calypso South dell’Arpa Sicilia.

L’intervento ha consentito agli archeologi della Soprintendenza di documentare anche il ricco carico di anfore della nave romana, probabilmente destinate al trasporto di vino e appartenenti al tipo Dressel 1 A.

La nave, attrezzata con strumentazione di alta precisione e condotta dagli specialisti dell’area Mare dell’Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente, nelle scorse settimane ha effettuato, insieme alla SopMare, ricognizioni subacquee per verificare la presenza di reperti archeologici in alto fondale; le prime immagini sono state rilevate dai tecnici dell’Arpa nell’ambito delle campagne di monitoraggio svolte mediante il Rov, robot guidato da remoto.

Nave romana
Nave romana. Foto: Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell'identità siciliana

«L'individuazione della nave romana sul fondale di Isola delle Femmine – sottolinea l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà - è forse uno dei ritrovamenti più importanti degli ultimi mesi. Ancora più significativo se si considera che è frutto dell'azione congiunta di due organismi regionali. La sinergia del lavoro dei tecnici dell'Arpa Sicilia e della Soprintendenza del Mare, infatti, dimostra che la proficua interazione tra le discipline legate all’ambiente e all'archeologia può contribuire a far emergere dati importantissimi ai fini dell’approfondimento degli studi sul “Mare nostrum”».

«Il Mediterraneo ci restituisce continuamente elementi preziosi per la ricostruzione della nostra storia legata ai commerci marittimi, alle tipologie di imbarcazioni, ai trasporti effettuati, alle talassocrazie, ma anche – precisa la Soprintendente del Mare, Valeria Li Vigni - dati relativi alla vita a bordo e ai rapporti tra le popolazioni costiere. La missione congiunta ha consentito, a distanza di poche settimane, il secondo ritrovamento di eccezionale interesse che segue quello del relitto coevo di Ustica. Il ritrovamento conferma la presenza di numerose permanenze archeologiche nelle fasce batimetriche oltre i 50/80 metri, che ci stimolano a proseguire le nostre ricerche in alto fondale in sinergia con le competenze  dei tecnici dell’Arpa, che continuerà a produrre esiti eccellenti».


Megara Hyblaea: riprese le attività di scavo

Sono iniziati, dopo una lunga attesa legata alla situazione pandemica, i lavori di scavo archeologico presso il sito di Megara Hyblaea, in provincia di Augusta. Ad osservare le operazioni di scavo, l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana, Alberto Samonà.

Le ricerche sono dirette dall'Ècole Française de Rome in collaborazione con il Parco Archeologico di Leontinoi, sotto la direzione del professor Jean-Christophe Sourisseau, dell'Università di Marsiglia, e del direttore del Parco Lorenzo Guzzardi.

La dottoressa René-Marie Berard coordinerà i lavori di ricerca nel settore occidentale della città in merito ad un impianto arcaico, già oggetto di studio nel 2019, risalente alla fine dell'VIII secolo a.C.

Megara Hyblaea
Megara Hyblaea, scavo. Foto: Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell'Identita' Siciliana

Inoltre, le nuove indagini si concentreranno sui resti di un fossato di un villaggio di età neolitica su cui aveva lavorato anche Paolo Orsi durante i primi decenni del Novecento. Al progetto parteciperà il personale scientifico del Parco Archeologico di Leontinoi e del Parco Archeologico di Siracusa, Eloro, Villa del Tellaro e Akrai.

Megara Hyblaea
Megara Hyblaea, scavo. Foto: Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell'Identita' Siciliana

Così il Direttore del Parco, Lorenzo Guzzardi: "La nuova esplorazione  seguirà l'andamento del fossato, un'importante opera di difesa che prevedeva anche un aggere, un terrapieno difensivo in terra, che fa di Megara Hyblaea uno tra i più grandi insediamenti trincerati della Sicilia neolitica. Si punta anche ad esplorare i resti delle capanne preistoriche, in parte visibili al di sotto della griglia di strade e case di epoca greca".

Megara Hyblaea
Megara Hyblaea, scavo. Foto: Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell'Identita' Siciliana

Significative anche le parole dell'assessore Alberto Samonà: "Il progetto di scavo rappresenta un esempio virtuoso di collaborazione con le università straniere, nel quadro di una lettura multidisciplinare del mondo antico, il cui punto di forza è costituito dall'interazione tra saperi scientifici e discipline umanistiche. Dopo oltre settant'anni da quando Luigi Bernabò Brea, Soprintendente alle Antichità per la Sicilia Orientale, affidò alla missione francese di G. Vallet e F. Villard l'esplorazione di Megara, continua, oggi come allora, la collaborazione tra la Sicilia e la Francia con un ambizioso progetto di recupero della memoria storica del Mediterraneo, che vede in Sicilia un territorio privilegiato di indagine".