Fiji: ceramiche Lapita dall'isola di Vanua Levu

4 Febbraio 2016
Carte_lapita
Ritrovato un frammento di ceramica decorata lapita, risalente a tremila anni fa circa, nella provincia di Bua sull'isola di Vanua Levu nell'arcipelago delle Fiji. Il sito di Otubelu Lapita è il terzo sull'isola e il sedicesimo nell'arcipelago.
Link: Radio New Zealand International; Fiji Broadcasting Corporationfijivillage.com
L'area dei ritrovamenti di ceramica Lapita, opera di Christophe cagé (travail personnel (own work). Based on Matthew Spriggs,Chapter 6. The Lapita Culture and Austronesian Prehistory in Oceania - Part 1. Origins and Dispersals - Map 1: Lapita sites and find spots in the southwest Pacific), da WikipediaCC BY-SA 3.0.


Le più antiche ceramiche della Nuova Guinea

2 - 3 Settembre 2015
journal.pone.0134497.g003
Gli archeologi hanno scoperto della ceramica rossa lucida di tremila anni fa, dagli aspri altopiani della Nuova Guinea. Si tratta della più antica dall'area, e sorprendentemente proviene dagli aspri altopiani dell'interno, lontano dalle coste dove c'era contatto regolare con le popolazioni Lapita e le loro ceramiche. La scoperta spinge indietro di diversi secoli le prime ceramiche dell'area, e sarebbe un esempio di diffusione della tecnologia tra culture.
journal.pone.0134497.g001
[Dall'Abstract: ] Le popolazioni che parlavano lingue austronesiane lasciarono il Sud Est asiatico per spostarsi nel Pacifico Occidentale, tra i tremila e i quattromila anni fa, continuando a colonizzare per la prima volta l'Oceania lontana, dove divennero le popolazioni ancestrali dei Polinesiani. La comprensione dell'impatto di queste popolazioni sulla terraferma della Nuova Guinea, prima che entrassero nell'Oceania lontana, è finora sfuggita gli archeologi. Nuove ricerche dal sito archeologico di Wañelek negli altopiani della Nuova Guinea hanno rotto questo silenzio. I dati petrografici e geochimici dalle ceramiche e nuove datazioni al radiocarbonio dimostrano che le influenze austronesiane penetrarono all'interno dell'altipiano prima di tremila anni fa. Un coccio fu fabbricato lungo la costa nord orientale della Nuova Guinea, mentre gli altri furono prodotti da materiali dell'interno. Questi ritrovamenti rappresentano le più antiche ceramiche datate con certezza da un contesto archeologico relativo all'isola della Nuova Guinea. Inoltre, le ceramiche provengono dall'interno, suggerendo movimenti di persone e pratiche tecnologiche, così come di oggetti, in questo periodo. L'antichità delle ceramiche di Wañelek coincide con l'espansione della ceramica Lapita nel Pacifico Occidentale. Una tale occupazione avviene nello stesso periodo durante il quale cambiamenti sono stati identificati nelle strategie di sussistenza nelle registrazioni archeologiche presso la Palude di Kuk (NdT: Kuk Swamp), suggerendo un possibile collegamento tra le due cose.
Leggere di più