Prime pratiche di preparazione della birra dai Natufiani di 13 mila anni fa

Nuove prove, provenienti dai mortai in pietra dalla grotta di Raqefetnel distretto israeliano di Haifa, suggeriscono che le pratiche di preparazione della birra nel Mediterraneo Orientale possano datarsi addirittura a 13 mila anni fa.

Così secondo un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Archaeological Science: Reports, che sposterebbe quindi queste pratiche di birrificazione a più di cinquemila anni da quelle che fino ad oggi erano considerate le più antiche prove in merito. Le collocherebbe pure a migliaia di anni prima della fondazione di villaggi sedentari e dell'agricoltura cerealicola.

Le bevande alcoliche e fermentate giocarono un ruolo fondamentale nelle feste e negli eventi sociali delle società agricole e urbane del passato, ma le loro origini continuano ad essere elusive. Si è persino speculato a lungo, in passato, sul fatto che proprio il bisogno di birra sia stato lo stimolo dietro la domesticazione dei cereali, ma si tratta di ipotesi controverse.

Nel caso in questione i ricercatori hanno esaminato tre mortai in pietra da un sito con sepolture risalenti alla cultura Natufiana, presso la grotta di Raqefet (13.700-11.700 anni prima del tempo presente), frequentata da un gruppo di foraggiatori semi-nomade. I risultati delle analisi rilevano che i Natufiani sfruttavano almeno sette taxa vegetali, comprendenti: frumento od orzo, avena comune, legumi, e piante dalle quali ricavavano fibre come il lino. In particolare, le analisi hanno dimostrato che i tre mortai erano impiegati per la conservazione dei cibi e per la preparazione della birra a partire da frumento/orzo. I cibi erano probabilmente collocati all'interno di ceste in fibra.

In conclusione, questa comunità raccoglieva piante che si trovavano in loco, conservava chicchi per il malto e utilizzava la birra come parte dei suoi rituali. “I resti natufiani nella Grotta di Raqefet non smettono mai di sorprenderci”, ha concluso il professor Dani Nadel dell'Università di Haifa. Dopo cinque stagioni di scavi e ricerche di natura differente (che spaziano dalle sepolture con fiori, agli strumenti litici, all'analisi del DNA), con questa nuova scoperta abbiamo un quadro molto vivo dell'esistenza dei Natufiani.

 

Credits: Elsevier, Journal of Archaeological Science: Reports; Credits per le foto: Dror Maayan; Graphic design: Anat Regev-Gisis

Lo studio Fermented beverage and food storage in 13,000 y-old stone mortars at Raqefet Cave, Israel: Investigating Natufian ritual feasting, di Li Liu, Jiajing Wang, Danny Rosenberg, Hao Zhao, György Lengyel, Dani Nadele, è stato pubblicato su Journal of Archaeological Science: Reports (Volume 21, Ottobre 2018, pp. 783-793).


Cereali domestici nei Balcani già nel 6.600 a. C.

29 Agosto 2016

Scavi a Vlasac. Credit: Dušan Borić
Scavi a Vlasac. Credit: Dušan Borić

Un nuovo studio, pubblicato su PNAS, ha preso in esame il tartaro dai denti degli antichi foraggieri balcanici che vissero presso il sito di Vlasac in Serbia. Il sito fu oggetto di scavi dal 2006 al 2009.

L'amido ritrovato permette di fornire prove dirette del consumo di cereali domestici attorno al 6.600 a. C. circa, e cioè mezzo millennio prima di quanto ritenuto finora. Il punto di vista ad oggi accettato era quello di un'introduzione dei cereali domestici nei Balcani attorno al 6.200 a. C. I microfossili studiati sono dunque quelli intrappolati nel tartaro, e relativi a 9 individui del Tardo Mesolitico (6.600-6.450 a. C.) e della transizione tra Mesolitico e Neolitico (circa 6.200-5.900 a. C.). Sono stati presi in esame anche tre sepolture femminili dalla vicina Lepenski Vir e relative agli esordi del Neolitico (circa 5.900-5.700 a. C.).

Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić
Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić

La scoperta è importante non solo perché evidenzia l'importanza dei vegetali nella dieta di questi abitanti dei Balcani, ma pure perché rivela l'introduzione degli stessi vegetali qui in maniera indipendente rispetto alle altre novità del Neolitico. L'idea di un "pacchetto neolitico", nozione che indica gli elementi che appaiono nei primi insediamenti dell'epoca (ceramiche, asce levigate, domesticazioni, case in legno, ecc.), deve perciò essere riconsiderata.

Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić
Resti umani da Vlasac. Credit: Dušan Borić

Le specie ritrovate dagli studiosi sono quelle del frumento (Triticum monococcum, Triticum dicoccum) e dell'orzo (Hordeum distichon) presenti negli altri insediamenti delle prime comunità neolitiche dell'Europa sud orientale. Le specie domestiche erano consumate insieme ad altre selvatiche e relative alle tribù Aveneae, Paniceae, Fabaeae (fave, piselli). Gli studiosi concludono che la familiarità di questi antichi abitanti dei Balcani per i cereali domestici almeno a partire dal 6.500 a. C. può aver semplificato l'adozione delle altre pratiche agricole.

Leggere di più


La più antica farina da Grotta Paglicci

8 Settembre 2015
AvenaFatua
La più antica farina della storia, risalente al Paleolitico Superiore e a trentaduemila anni fa circa, verrebbe da Grotta Paglicci nel Gargano, in Puglia.
Veniva ottenuta macinando avena selvatica (avena fatua): nel sito in provincia di Foggia è stato ritrovato un pestello per macinarla, sul quale sono stati rilevati grani di amido. Non vi sarebbe prova che i grani fossero poi uniti ad acqua e cotti, ma l'ipotesi è per gli studiosi plausibile.
Si tratterebbe di un'ulteriore conferma al fatto che si cominciò ad utilizzare cereali e produrre farine ben prima dell'agricoltura vera e propria. Gli abitanti della Grotta erano difatti cacciatori raccoglitori della cultura Gravettiana, che raccoglievano graminacee selvatiche.
Leggere di più