#iorestoacasa con il Parco archeologico del Colosseo

La cultura non si ferma: questa è l'importante campagna di comunicazione condotta dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo per permettere agli italiani, attraverso i siti web e i canali social dei luoghi della cultura statali e non solo, di rimanere in contatto con l'arte e la cultura anche in questo periodo estremamente complesso di chiusura al pubblico dei musei, dei monumenti e dei parchi archeologici, a seguito dell'emergenza CoVID-19.

Il Parco archeologico del Colosseo partecipa attivamente a questa campagna e in tal senso ha potenziato la sua comunicazione sul sito web e sui social per continuare ad offrire lo spettacolo della storia e del patrimonio culturale, con i suoi monumenti, simbolo identitario di Roma e dell'intera nazione.

Tra le iniziative promosse dal MiBACT per celebrare Raffaello, il PArCo, insieme a Electa, a partire da lunedì 6 aprile, giorno del cinquecentenario della morte del grande pittore urbinate, ha lanciato su Facebook l'evento Raffaello in Domus Aurea: #MaratonaRaffaello online: vernissage online della mostra Raffaello e la Domus Aurea. L'invenzione delle grottesche.

Raffaello Domus Aurea Laooconte
UNSPECIFIED - CIRCA 1987: Georges Chedanne (1861-1940), Nero's Domus Aurea (Golden House): the Laocoon Hall. (Photo By DEA / G. DAGLI ORTI/De Agostini via Getty Images)

In attesa dell’inaugurazione abbiamo accompagnato il visitatore nei suggestivi ambienti della residenza neroniana, svelando in anteprima l’allestimento e guidando gli utenti alla riscoperta delle relazioni tra la pittura romana e quella rinascimentale, immersi in ricostruzioni virtuali, riletture e giochi di specchi tra i maggiori esponenti della storia dell’arte italiana.

L’evento che rimarrà visibile per alcune settimane sulla pagina Facebook del PArCo consentirà di visitare virtualmente la mostra, curata da Vincenzo Farinella con Stefano Borghini e Alessandro D’Alessio, per narrare l’affascinante storia della riscoperta della pittura antica sepolta nelle “grotte” della Domus Aurea neroniana.

Colosseo. Foto: Alessandra Randazzo

Nel frattempo, prosegue il percorso di avvicinamento a tutti i pubblici da parte del PArCo, che sin dalla chiusura dei cancelli ha spostato l’attenzione dagli eventi in situ agli eventi on line. Il sito web e i social @parcocolosseo (YouTubeFacebookTwitter e Instagram) si sono arricchiti di nuove rubriche e attività per soddisfare le curiosità di tutti gli utenti, con appuntamenti fissi e ben calendarizzati nel programma settimanale e mensile. L’offerta è ampia e si arricchisce di settimana in settimana: per guidare i follower più affezionati e i nuovi utenti nell’offerta è stata realizzata una pagina collegata alla bio su Instagram, Colosseofromhome, che sulla scorta delle campagne nazionali e internazionali #iorestoacasa, #laculturanonsiferma e #museumfromhome, riunisce tutte le iniziative e gli approfondimenti digitali presenti sulle diverse piattaforme online.

Colosseo. Foto: Alessandra Randazzo

Rimane fisso ancora per 7 settimane e sempre la domenica il percorso al femminile tra dee, principesse, professioniste dell’arena e sacerdotesse: le Storie di donne al PArCo accompagnano il visitatore tra Palatino, Foro Romano e Colosseo che ancora conservano le tracce della memoria millenaria delle donne che hanno avuto un ruolo importane nella storia di Roma.

Sull'onda del successo della mostra online su Raffaello, il lunedì sarà dedicato ad un approfondimento sulle meraviglie della Domus Aurea, alla scoperta delle sue decorazioni e dei suoi ambienti.

Per i più romantici si sposta al martedì la rubrica il Grand Tour, un tuffo nel passato per confrontare la vista attuale con il panorama che poteva essere ammirato dai viaggiatori che, tra la fine del Cinquecento e l’Ottocento, percorrevano l’Italia, fermandosi in particolare a Roma, per perfezionare la propria formazione culturale.

Courtesy Parco archeologico del Colosseo

A partire da oggi, il mercoledì sarà dedicato ad una nuova proposta, Medicina XXXIII, una rubrica e un percorso in 5 tappe che nascono da una riflessione sulla dea Febris, invitando a scoprire nella valle del Foro le testimonianze legate alla presenza, sin dall’antichità, di luoghi legati alla pratica dell’ars medica. Punto di partenza sarà la Chiesa di Santa Francesca Romana, dedicata alla Santa che curava i malati; da qui ci si sposterà alla Basilica di Massenzio, dove si trovavano gli Horrea Piperataria e il laboratorio del medico Galeno. Si prosegue poi con il Tempio di Romolo e la Basilica dei Santi Cosma e Damiano, cosiddetti “santi medici”, per continuare in direzione di San Lorenzo in Miranda, sede del Nobile Collegio Chimico Farmaceutico, arrivando infine alla Fonte di Giuturna, da cui sgorgava acqua considerata curativa e miracolosa.

Prosegue di giovedì la nostra rubrica di grande successo Throwback Thursday, in cui proponiamo foto di Roma e del Parco dagli inizi ‘900 in poi, che hanno spesso per protagonisti personaggi celebri del passato, dal mondo dello spettacolo e della canzone, sia italiani che di fama internazionale.

La mattina del venerdì è dedicata ai più piccoli, con il quiz a premi (in palio il fumetto “Semplicemente mitico. La leggenda di Tarpea e le nostre origini” di Silvio Costa) Caesar Pursuit. Per rispondere correttamente è necessario individuare e spiegare tutti gli indizi presenti nel disegno, collegarli e dare la risposta alla domanda della settimana. La soluzione viene data la domenica.

Sempre il venerdì, con l’obiettivo finale di creare un grande racconto comune, chiediamo ai nostri visitatori di inviarci istantanee della propria famiglia al PArCo in anni passati, condividendo l’immagine e la storia dietro lo scatto, per la rubrica “Storie di famiglia”.

Infine, il sabato rilanciamo su Facebook gli scatti dei nostri followers che hanno immortalato il PArCo durante le loro visite. Le immagini sono selezionate tra quelle pubblicate dagli utenti su Instagram e valorizzate anche in formato stories lungo tutta la settimana.

Riprenderà a breve il percorso a premi PArCoQuizforKids (in palio cinque copie del fumetto “HIC” di Roberto Grossi), ma questa volta sarà in inglese, per coinvolgere il nostro pubblico internazionale e i bambini a casa che possono approfittare per ripassare la lingua.

Alcune delle rubriche presentate sui nostri social sono caricate anche sul nostro sito web, in particolare le Storie di donne al PArCo, il Grand Tour, a cui si aggiungono la passeggiata dantescaA tavola con Apicio e da oggi anche Medicina XXXIII. Sono previsti inoltre nel corso del mese di Aprile nuove rubriche e percorsi: il percorso neroniano, una passeggiata nel PArCo in 6 tappe sulle tracce dell’imperatore Nerone; e la rubrica sui grandi restauri che il PArCo sta progettando anche a cancelli chiusi: Arco di Tito, Tempio di Vesta, Colonna Traiana e Arco di Settimio Severo saranno protagonisti di ricostruzioni 3D, riprese da drone e vedute a 360 gradi, offrendo a tutti un incontro ravvicinato con la Bellezza.


attività culturali coronavirus

10 attività culturali contro il Coronavirus

Come impiegare il tempo nel periodo di quarantena imposto dall’emergenza Coronavirus? Come sempre in tempi di crisi, il miglior rimedio è la cultura.
Grazie a Internet e ai social, rimanere aggiornati sulle attività delle istituzioni e dedicarsi ad attività culturali è davvero alla portata di tutti. In questo articolo raccoglieremo una serie - sicuramente non esaustiva - di risorse e suggerimenti per trascorrere le giornate in casa all’insegna dell’arte, della cultura e della creatività.

1. Decameron

 

Isolarsi con un piccolo gruppo di amici durante una pestilenza e trascorrere il tempo raccontando storie: è la trama del Decameron, capolavoro della letteratura italiana, che un gruppo di 100 lettori ha fatto rivivere dal 29 Febbraio al 9 Marzo con il progetto Decamerone 2020, dedicato alla lettura in diretta social delle novelle di Boccaccio.

Il fine non è solo quello di fornire un passatempo culturale al pubblico, ma soprattutto di attirare l’attenzione sulla grave situazione del settore culturale, già messo a dura prova dalla precarietà dei contratti di lavoro, e ora terribilmente colpito dalla chiusura forzata di musei e luoghi della cultura.
Anche se la maratona di lettura è terminata, i video sono ancora disponibili sulla pagina Facebook ed è nato uno spin-off, “La Setta dei Lettori Estinti”, in cui ogni sera alle 19:00 viene raccontato un libro.

Vai a Decamerone 2020

Ispirata all’opera di Boccaccio è anche la nuova campagna #UffiziDecameron: sui canali social delle Gallerie degli Uffizi, ogni giorno viene raccontata un’opera d’arte, la sua storia e i suoi personaggi, con l’obiettivo di fermare il contagio attraverso l’arte e la bellezza

Vai alla pagina Facebook delle Gallerie degli Uffizi

2. Musei social

Campagna MIBACT #iorestoacasa
Anche se musei e istituzioni culturali devono restare chiusi al pubblico, la comunicazione social - se usata sapientemente - si conferma uno strumento prezioso di divulgazione del patrimonio, dialogo e coinvolgimento dei visitatori, come hanno dimostrato da tempo alcuni musei e aree archeologiche: il Museo Egizio di Torino, le Gallerie Nazionali di Arte Antica Barberini Corsini, la Galleria Nazionale dell’Umbria, il Parco Archeologico di Pompeii, il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, solo per citarne alcuni.

Molte altre istituzioni culturali si sono unite alla campagna #iorestoacasa lanciata dal MIBACT e dal Ministro Dario Franceschini, ed è possibile seguire interviste e aggiornamenti seguendo gli hashtag #iorestoacasa, #laculturanonsiferma, #museichiusimuseiaperti o i canali social delle istituzioni che aderiscono all’iniziativa.
Per chi preferisce giocare, segnaliamo i quiz del Parco Archeologico del Colosseo e i cruciverba del Museo di arte contemporanea Musja.

3. Musei online e virtual tour

 

Rendere i musei fruibili online tramite tour virtuale è una pratica già adottata da tempo da molte istituzioni, essenziale in un momento di chiusura forzata.
Di seguito una serie di riferimenti per visitare online musei e monumenti, in Italia e nel mondo:

Vai al tour virtuale dei Musei Vaticani

Vai al tour virtuale della Cappella Sistina

Google Arts&Culture, una vera e propria miniera per gli appassionati di arte, ha una vasta selezione di tour virtuali di musei e monumenti italiani:
Vai alla sezione italiana di Google Arts&Culture

Per chi invece preferisce visitare grandi musei internazionali, Google Arts&Culture mette a disposizione tour con foto a 360° del British Museum, Guggenheim Museum di New York, Musée d’Orsay di Parigi, Pergamon Museum di Berlino, Rijksmuseum di Amsterdam, il Paul Getty Museum di Los Angeles e molti altri.
Vai ai 10 musei internazionali su Google Arts&Culture

Il Museo Egizio mette a disposizione con un tour a 360° la mostra “Archeologia Invisibile”, prorogata fino al 7 Giugno 2020
Vai alla mostra Archeologia Invisibile

Oltre ai tour virtuali, segnaliamo anche “IperVisioni”, i percorsi tematici sul sito web della Galleria degli Uffizi
Vai a IperVisioni

ed “Experience The Nightwatch”, bellissima esperienza interattiva per scoprire la “Ronda di notte” di Rembrandt attraverso il sito web del Rijksmuseum di Amsterdam
Vai a Experience The Nightwatch

 

4. Biblioteche online

attività culturali coronavirus
Foto di Anthony DELANOIX

Che sia per istruzione o per diletto, leggere è uno dei migliori passatempi.
Anche se non possiamo andare in libreria (a meno che non faccia consegne a casa!) o in biblioteca, il digitale ci viene in aiuto: grazie a MLOL Media Library Online, possiamo prendere in prestito ebook, film, musica, leggere quotidiani e periodici e partecipare a corsi in e-learning attraverso la app dedicata.
Vai a MLOL Media Library Online

Chi non ha mai fatto l’iscrizione, può farlo via web per tutto il periodo dell’emergenza Coronavirus attraverso il Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani

Segnaliamo anche la Teca Digitale della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, dove si possono trovare emeroteca, fondi d’autore, manoscritti, raccolte tematiche:
Vai alla Teca Digitale della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma

Anche UNESCO ha messo a disposizione gratuitamente la sua biblioteca digitale, con libri documenti e fotografie da tutte le culture del mondo:
Vai alla UNESCO World Digital Library

Un’altra risorsa molto utile è Solidarietà Digitale, nata per iniziativa del Ministero per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione e l’Agenzia per l’Italia Digitale: una raccolta di servizi digitali messi a disposizione gratuitamente per il periodo dell’emergenza, soprattutto per facilitare smart working e studenti.
Si possono trovare molti abbonamenti gratuiti per ebook, riviste, cinema e serie tv, e-learning.
Vai a Solidarietà Digitale MID - AGID

 

5. Film in streaming e cineteche online

 

https://www.facebook.com/cineteca.milano/photos/a.255117244558686/3418798424857203/?type=3&theater

Il web offre molte possibilità anche per cinefili e amanti delle serie: oltre a RaiPlay, archivio di programmi, serie TV e film della programmazione RAI,
Vai a RaiPlay

La Cineteca di Milano mette a disposizione il suo catalogo in streaming
Vai alla Cineteca

come anche OpenDDB
Vai al catalogo OpenDDB

Molto interessanti anche l’archivio cinematografico dell’Istituto Luce
Vai all'Archivio dell'Istituto Luce

E la raccolta dei film dei più importanti cineasti coreani, disponibili gratis su YouTube
Vai a KoreanFilm su YouTube

 

6. Archivi online

attività culturali coronavirus
Foto di Hans Braxmeier

Gli archivi possono essere una risorsa importante non solo per fare ricerche, ma anche per trovare curiosità; i più importanti sono stati digitalizzati e pubblicati online.
Tra i principali archivi consultabili in rete segnaliamo:

Internet Culturale

Cataloghi storici ICCU

Percorsi tematici nel SIUSA, Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche

Archivio Storico Capitolino

Biblioteca Vaticana

Fondi fotografici italiani ICCD

Images of Rome, archivio fotografico Rodolfo Lanciani

 

7. Risorse per progetti fai-da-te

 

Grazie alle risorse messe a disposizione da alcuni musei, si può ingannare il tempo anche con attività creative.
È il caso degli album da colorare, disponibili sia per adulti che per bambini. Qui alcuni link per scaricarli:

Colour Our Collection, iniziativa della New York Academy of Medicine Library
http://library.nyam.org/colorourcollections/

The Colouring Book, iniziativa di Milano Art Guide in collaborazione con 131 artisti italiani

Make & do, sezione di risorse per il fai-da-te del Victoria&Albert Museum. A disposizione cartamodelli per cucire vestiti in stile Mary Quant e Frida Kahlo, schemi per l’uncinetto, istruzioni per progettare un videogioco o per creare oggetti e mobili in compensato con i progetti di grandi designer:
Vai a V&A Make and Do

 

8. Esercizi filosofici

Infine, segnaliamo gli esercizi filosofici proposti da Tlon; tra le proposte: telefonare a un numero a caso e intavolare una discussione, oppure descrivere un oggetto come se lo si vedesse per la prima volta.
Il 21 Marzo ci sarà una staffetta filosofica in streaming.
Una sfida per ogni giorno di quarantena… per prenderla con filosofia!
Vai alla pagina Facebook dell'associazione Tlon

 

La Scuola di Atene di Raffaello Sanzio. Affresco dai Musei Vaticani, foto in pubblico dominio


La cultura non si ferma. Anche il linguaggio LIS per la campagna #iorestoacasa

Tre contributi video nella lingua italiana dei segni pensati per illustrare ai non udenti i reperti precolombiani della cultura Taìno al Museo delle Civiltà di Roma, i Giganti di Mont’e Prama al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari e la statuaria classica al Museo Nazionale Romano. Un’adesione particolare dei luoghi della cultura statali alla campagna “La cultura non si ferma”, promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo per aumentare l’offerta del patrimonio culturale fruibile da casa. Questi sono solo alcuni esempi di attività messe in campo dai musei italiani per lo sviluppo dell’accessibilità destinate ai diversamente abili.

Con l’hashtag #iorestoa casa sono pubblicati sul canale YouTube del Ministero https://www.youtube.com/MiBACT tre video che mostrano: la maschera rituale Cemì con fronte umana e retro da pipistrello indossata in particolari circostanze dai dignitari del popolo Taìno, i primi amerindi in cui si imbatté Cristoforo Colombo; gli unici esempi di statuaria nuragica esistenti, i Giganti di Mont’e Prama, scoperti in oltre 5.000 frammenti nel 1974 e ora conservati in parte al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari e in parte al Museo Civico di Cabras; la statuaria classica conservata la Museo Nazionale Romano di Palazzo Altemps.

In questo periodo in cui musei, parchi archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema sono chiusi a casa dell’emergenza coronavirus, il Mibact rende disponibile sulla rete così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali con le numerose professionalità che si occupano di conservazione, tutela, valorizzazione. Attraverso il sito e i propri profili social facebook, instagram e twitter il Ministero rilancia le numerose iniziative delle istituzioni pubbliche e private che hanno inviato i contributi video in occasione della maratona solidale “L’Italia chiamò”. Sulla pagina La cultura non si ferma https://www.beniculturali.it/laculturanonsiferma, in continuo aggiornamento, sono inoltre presenti numerose altre iniziative di realtà culturali statali e non: mostre virtuali, letture, concerti, rappresentazioni.

Ecco il link del video in LIS del Museo delle Civiltà: https://www.youtube.com/watch?v=kHrfpxxID5w

Questo invece il link del MAN di Cagliari: https://www.youtube.com/watch?v=9jcvO636MMQ

Infine di seguito il link del MNR di Palazzo Massimo: https://www.youtube.com/watch?v=P0pdnMVVS_k

https://www.youtube.com/watch?v=kHrfpxxID5w

https://www.youtube.com/watch?v=9jcvO636MMQ

https://www.youtube.com/watch?v=P0pdnMVVS_k