La cultura non si ferma: questa è l’importante campagna di comunicazione condotta dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo per permettere agli italiani, attraverso i siti web e i canali social dei luoghi della cultura statali e non solo, di rimanere in contatto con l’arte e la cultura anche in questo periodo estremamente complesso di chiusura al pubblico dei musei, dei monumenti e dei parchi archeologici, a seguito dell’emergenza CoVID-19.

Il Parco archeologico del Colosseo partecipa attivamente a questa campagna e in tal senso ha potenziato la sua comunicazione sul sito web e sui social per continuare ad offrire lo spettacolo della storia e del patrimonio culturale, con i suoi monumenti, simbolo identitario di Roma e dell’intera nazione.

Tra le iniziative promosse dal MiBACT per celebrare Raffaello, il PArCo, insieme a Electa, a partire da lunedì 6 aprile, giorno del cinquecentenario della morte del grande pittore urbinate, ha lanciato su Facebook l’evento Raffaello in Domus Aurea: #MaratonaRaffaello online: vernissage online della mostra Raffaello e la Domus Aurea. L’invenzione delle grottesche.

Raffaello Domus Aurea Laooconte
UNSPECIFIED – CIRCA 1987: Georges Chedanne (1861-1940), Nero’s Domus Aurea (Golden House): the Laocoon Hall. (Photo By DEA / G. DAGLI ORTI/De Agostini via Getty Images)

In attesa dell’inaugurazione abbiamo accompagnato il visitatore nei suggestivi ambienti della residenza neroniana, svelando in anteprima l’allestimento e guidando gli utenti alla riscoperta delle relazioni tra la pittura romana e quella rinascimentale, immersi in ricostruzioni virtuali, riletture e giochi di specchi tra i maggiori esponenti della storia dell’arte italiana.

L’evento che rimarrà visibile per alcune settimane sulla pagina Facebook del PArCo consentirà di visitare virtualmente la mostra, curata da Vincenzo Farinella con Stefano Borghini e Alessandro D’Alessio, per narrare l’affascinante storia della riscoperta della pittura antica sepolta nelle “grotte” della Domus Aurea neroniana.

Colosseo. Foto: Alessandra Randazzo

Nel frattempo, prosegue il percorso di avvicinamento a tutti i pubblici da parte del PArCo, che sin dalla chiusura dei cancelli ha spostato l’attenzione dagli eventi in situ agli eventi on line. Il sito web e i social @parcocolosseo (YouTubeFacebookTwitter e Instagram) si sono arricchiti di nuove rubriche e attività per soddisfare le curiosità di tutti gli utenti, con appuntamenti fissi e ben calendarizzati nel programma settimanale e mensile. L’offerta è ampia e si arricchisce di settimana in settimana: per guidare i follower più affezionati e i nuovi utenti nell’offerta è stata realizzata una pagina collegata alla bio su Instagram, Colosseofromhome, che sulla scorta delle campagne nazionali e internazionali #iorestoacasa, #laculturanonsiferma e #museumfromhome, riunisce tutte le iniziative e gli approfondimenti digitali presenti sulle diverse piattaforme online.

Colosseo. Foto: Alessandra Randazzo

Rimane fisso ancora per 7 settimane e sempre la domenica il percorso al femminile tra dee, principesse, professioniste dell’arena e sacerdotesse: le Storie di donne al PArCo accompagnano il visitatore tra Palatino, Foro Romano e Colosseo che ancora conservano le tracce della memoria millenaria delle donne che hanno avuto un ruolo importane nella storia di Roma.

Sull’onda del successo della mostra online su Raffaello, il lunedì sarà dedicato ad un approfondimento sulle meraviglie della Domus Aurea, alla scoperta delle sue decorazioni e dei suoi ambienti.

Per i più romantici si sposta al martedì la rubrica il Grand Tour, un tuffo nel passato per confrontare la vista attuale con il panorama che poteva essere ammirato dai viaggiatori che, tra la fine del Cinquecento e l’Ottocento, percorrevano l’Italia, fermandosi in particolare a Roma, per perfezionare la propria formazione culturale.

Courtesy Parco archeologico del Colosseo

A partire da oggi, il mercoledì sarà dedicato ad una nuova proposta, Medicina XXXIII, una rubrica e un percorso in 5 tappe che nascono da una riflessione sulla dea Febris, invitando a scoprire nella valle del Foro le testimonianze legate alla presenza, sin dall’antichità, di luoghi legati alla pratica dell’ars medica. Punto di partenza sarà la Chiesa di Santa Francesca Romana, dedicata alla Santa che curava i malati; da qui ci si sposterà alla Basilica di Massenzio, dove si trovavano gli Horrea Piperataria e il laboratorio del medico Galeno. Si prosegue poi con il Tempio di Romolo e la Basilica dei Santi Cosma e Damiano, cosiddetti “santi medici”, per continuare in direzione di San Lorenzo in Miranda, sede del Nobile Collegio Chimico Farmaceutico, arrivando infine alla Fonte di Giuturna, da cui sgorgava acqua considerata curativa e miracolosa.

Prosegue di giovedì la nostra rubrica di grande successo Throwback Thursday, in cui proponiamo foto di Roma e del Parco dagli inizi ‘900 in poi, che hanno spesso per protagonisti personaggi celebri del passato, dal mondo dello spettacolo e della canzone, sia italiani che di fama internazionale.

La mattina del venerdì è dedicata ai più piccoli, con il quiz a premi (in palio il fumetto “Semplicemente mitico. La leggenda di Tarpea e le nostre origini” di Silvio Costa) Caesar Pursuit. Per rispondere correttamente è necessario individuare e spiegare tutti gli indizi presenti nel disegno, collegarli e dare la risposta alla domanda della settimana. La soluzione viene data la domenica.

Sempre il venerdì, con l’obiettivo finale di creare un grande racconto comune, chiediamo ai nostri visitatori di inviarci istantanee della propria famiglia al PArCo in anni passati, condividendo l’immagine e la storia dietro lo scatto, per la rubrica “Storie di famiglia”.

Infine, il sabato rilanciamo su Facebook gli scatti dei nostri followers che hanno immortalato il PArCo durante le loro visite. Le immagini sono selezionate tra quelle pubblicate dagli utenti su Instagram e valorizzate anche in formato stories lungo tutta la settimana.

Riprenderà a breve il percorso a premi PArCoQuizforKids (in palio cinque copie del fumetto “HIC” di Roberto Grossi), ma questa volta sarà in inglese, per coinvolgere il nostro pubblico internazionale e i bambini a casa che possono approfittare per ripassare la lingua.

Alcune delle rubriche presentate sui nostri social sono caricate anche sul nostro sito web, in particolare le Storie di donne al PArCo, il Grand Tour, a cui si aggiungono la passeggiata dantescaA tavola con Apicio e da oggi anche Medicina XXXIII. Sono previsti inoltre nel corso del mese di Aprile nuove rubriche e percorsi: il percorso neroniano, una passeggiata nel PArCo in 6 tappe sulle tracce dell’imperatore Nerone; e la rubrica sui grandi restauri che il PArCo sta progettando anche a cancelli chiusi: Arco di Tito, Tempio di Vesta, Colonna Traiana e Arco di Settimio Severo saranno protagonisti di ricostruzioni 3D, riprese da drone e vedute a 360 gradi, offrendo a tutti un incontro ravvicinato con la Bellezza.